Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
29/03/2019

Vivo qui, compro qui

Campagna dell’Unione per il commercio di vicinato in Val Venosta

Fare i propri acquisti in paese rafforza il commercio al dettaglio locale, assicura posti di lavoro e crea qualità della vita. Dopo il grande successo della campagna dedicata al commercio di vicinato “Il mio paese deve vivere – Vivi il tuo paese!”, l’iniziativa sarà ripetuta quest’anno in un’altra forma e all’insegna di un nuovo motto: “Vivo qui, compro qui.”, questo il nome della nuova iniziativa organizzata dall’Unione il cui obiettivo è sostenere il commercio di vicinato e attirare l’attenzione della popolazione sulle particolarità del commercio e degli acquisti in paese.

“In Val Venosta ci sono alcune centinaia di aziende del commercio al dettaglio. Di questa variegata offerta sono responsabili soprattutto le molte aziende piccole e familiari. Sono loro che rendono i nostri paesi vivi e attrattivi sia per i residenti che per i turisti. E inoltre garantiscono posti di lavoro sul territorio”, afferma il presidente mandamentale dell’Unione Dietmar Spechtenhauser.

Vivo qui, compro qui si svolgerà dal 1° al 20 aprile. In tutte le aziende aderenti sarà esposto un cartellone dell’iniziativa che sottolinea il messaggio della campagna. Il progetto sarà corredato da un grande concorso che mette in palio diversi premi: pernottamenti in diversi alberghi della Val Venosta, buoni acquisto e diverse monni card per un valore totale di 3.500 euro. I tagliandi per partecipare sono presenti in tutte le attività partecipanti.

“Con questa iniziativa vogliamo dare un chiaro segnale a favore dell’attrattività commerciale della Val Venosta. La popolazione dovrebbe essere sensibilizzata verso l’importanza dell’integrità del commercio al dettaglio e della qualità della vita che esso garantisce”, conclude Spechtenhauser.

Tutte le informazioni sulla campagna e la lista delle aziende aderenti sono disponibili online su unione-bz.it/vivoqui.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

03/04/2020

Cosa può vendere un negozio di alimentari?

In questi giorni i negozi di generi misti sono stati controllati per verificare se vendessero solo prodotti di prima necessità. Sono state comminate anche delle sanzioni.

Per fare la chiarezza necessaria, l’Unione è intervenuta presso ...
 
 

03/04/2020

L’Unione chiede sostegno alle aziende stazionarie da parte dell’e-commerce:

Dal 12 marzo scorso, in Alto Adige, sono ben oltre 7.000 le aziende stazionarie nel commercio e nella gastronomia ad aver chiuso al pubblico. Affinché esse abbiano anche in futuro la possibilità di mantenere città e paesi vivi, ...
 
 

02/04/2020

Prolungati divieti e chiusure aziendali fino a Pasquetta (13 aprile)

Con il decreto del 1° aprile (vedi Download alla fine di questa pagina), il governo italiano ha prolungato fino a Pasquetta, ovvero il 13 aprile, le limitazioni dovute al Coronavirus.

L’estensione si applica su tutti gli attuali ...
 
 

01/04/2020

È possibile presentare le richieste dei 600 euro sulla pagina INPS

A partire da oggi, 1° aprile, è possibile inviare le richieste per il bonus da 600 euro. Il procedimento è stato avviato questa mattina dall’INPS. Attualmente il sito è ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Walter Holzeisen

Caposede Val Venosta
Sede: Silandro
 
T: 0473 732 740
M: 335 74 45 670
E-mail: