Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
13/09/2018

Vipiteno, le nuove sbarre fanno discutere

Cinque nuove sbarre all’ingresso della zona pedonale rappresentano un vero e proprio pugno in un occhio

In occasione dell’ultima seduta, il Direttivo comunale dell’Unione di Vipiteno si è confrontato anche con il problema delle nuove sbarre agli ingressi del centro. “Il motivo è il crescente numero di lamentele e proteste da parte degli imprenditori e di altre fasce della popolazione”, spiega il Direttivo comunale dell’Unione.

Le sbarre sono state sistemate prima della stagione estiva nell’ambito delle misure antiterrorismo previste per le strade e le piazze molto affollate nonché per gli eventi con oltre 1.000 persone. “Tuttavia l’avere risolto il problema per mezzo di questi sbarramenti ha portato a un peggioramento dell’immagine della nostra città come un centro aperto e amichevole verso i visitatori”, ribadisce il Direttivo comunale. Proprio alcuni mesi fa l’organo associativo locale aveva proposto di elaborare un progetto unitario per l’immagine di Vipiteno, con l’obiettivo di rendere più armonioso e invitante l’insieme delle decorazioni. “E ora, invece, queste sbarre sono quanto di più estraneo all’immagine cittadina”, aggiunge l’Unione.

È vero che le autorità nazionali hanno prescritto l’installazione di specifiche barriere antiterrorismo, ma da nessuna parte si parla di sbarre. Che si possa fare meglio di così è testimoniato da altri centri dell’Alto Adige, come per esempio Bressanone, dove, all’ingresso delle strade, sono state poste grandi fioriere, che hanno ulteriormente abbellito l’immagine cittadina.

Il Direttivo comunale ha già sottoposto il tema all’attenzione del sindaco. “Abbiamo ottenuto la sua promessa verbale di essere coinvolti nel reperimento di una soluzione definitiva a questa particolare questione”, conclude il Direttivo comunale dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

11/12/2019

In vigore la nuova legge sul commercio

Il 6 dicembre 2019 è entrato in vigore il nuovo ordinamento commerciale (Legge provinciale n. 12 del 2 dicembre 2019). La legge comprende 70 articoli e dovrebbe creare maggiore chiarezza e sicurezza giuridica.

Viene, tra le altre cose, ...
 
 

06/12/2019

L'iniziativa benefica d'Avvento dei panificatori nell’Unione

Si è tenuta questa mattina presto (venerdì, 6 dicembre 2019), presso l’Ordinariato vescovile a Bolzano, l’ormai tradizionale colazione che i panificatori nell’Unione organizzano annualmente per il vescovo Ivo Muser nel giorno di S. Nicolò ...
 
 

29/11/2019

Lotteria degli scontrini dal 1° gennaio 2020 – Un caos programmato

Dal 1° gennaio 2020 lo Stato italiano vuole introdurre una nuova lotteria nazionale. A partire da questa data i commercianti al dettaglio e i soggetti assimilati, dovranno memorizzare elettronicamente, e quindi trasmettere telematicamente ...
 
 

25/11/2019

monni card reloaded

Nel commercio al dettaglio locale l’innovazione è più che mai richiesta. Alla luce delle crescenti sfide gli imprenditori devono sviluppare la loro creatività. Servono nuove idee commerciali, iniziative e misure promozionali per entusiasmare e ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Michael Kerschbaumer

Caposede Val d'Isarco
Sede: Bressanone
 
T: 0472 271 410
M: 335 74 45 668
E-mail: