Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
20/08/2020

Videoconferenze e webinar, molti i vantaggi

Un utile strumento anche in vista di un futuro digitale

Spesso il motivo che impedisce di partecipare a un’assemblea o una riunione è la mancanza di tempo o, anche, il desiderio di utilizzare il proprio tempo libero, già scarso, in maniera differente.
In questi mesi, segnati dalla pandemia di Coronavirus, ha però imposto la diffusione di modelli d’incontro alternativi, in grado di rispettare le norme relative al distanziamento interpersonale e ovviare ai limiti di capacità delle sale riunioni. Da soluzioni poco frequentate, videoconferenze e webinar si sono infatti rivelati in grado di fare fronte alle necessità di quest’epoca particolare.
Innegabile, tra le altre cose, il vantaggio di poter convocare una videoconferenza in tempi estremamente rapidi, senza essere costretti ad aspettare la disponibilità di ospiti e relatori, i quali hanno spesso impegni già programmati a lungo termine e giungono da fuori regione.

Uno dei rischi di un meeting “tradizionale” è infatti che, una volta individuata una data e ottenute le conferme dei partecipanti e relatori, gli argomenti che si sarebbero dovuti trattare, o non sono più attuali o, nel frattempo, se ne sono aggiunti altri, che meriterebbero di essere discussi.
Anche la minore lunghezza delle videoconferenze è un vantaggio per chi vi partecipa. Un’ora è il tempo massimo consigliato per ottenere i risultati migliori, sia a livello di attenzione che di partecipazione.

“Nell’ultimo periodo la nostra associazione di riferimento nazionale, FNAARC Confcommercio, ne ha organizzati diversi ottenendo sempre ottimi risultati, e di questo ci complimentiamo”, afferma il presidente di FNAARC Alto Adige Vito De Filippi, che aggiunge “La buona accoglienza ci sprona a seguire questa strada anche a livello locale, a percorrere questa strada, perché i risultati sono indiscutibilmente positivi, specialmente quando si trattano temi tecnici monotematici”.
“Allo stesso tempo, comunque, sarà importante, non appena possibile, ripristinare i contatti dal vivo, perché, essendo l’uomo un animale sociale, la loro assenza ha un effetto deleterio a livello psicologico. Il futuro non potrà che essere il giusto mix di virtuale e reale, non solo nella comunicazione, ma anche nel lavoro quotidiano degli agenti e rappresentanti”, conclude De Filippi.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

15/02/2021

Reminder: Pacchetto consulenza legale per agenti e rappresentanti di commercio

Conteggio delle indennità di fine rapporto, termini di preavviso, divieto di concorrenza – nel corso del proprio mandato, gli agenti di commercio devono spesso affrontare diverse questioni legali. La consulenza legale nell’Unione offre ora un nuovo ...
 
 

11/01/2021

Enasarco, nominato il nuovo presidente

Il nuovo Consiglio di amministrazione della Fondazione Enasarco, eletto lo scorso 23 dicembre dall’assemblea dei delegati, una volta completato il processo di insediamento, ha eletto Antonello Marzolla quale nuovo presidente della ...
 
 

04/01/2021

Enasarco, agevolazioni per i giovani agenti

Entreranno in vigore il 1° gennaio 2021 le modifiche al Regolamento delle Attività Istituzionali della Fondazione Enasarco. Tra le altre cose, le novità includono anche l’introduzione un regime contributivo agevolato per promuovere l’ingresso e la ...
 
 

02/12/2020

Coronavirus, contributi per agenti e rappresentanti di commercio

Con l’art. 6 del Decreto Ristori quater pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 297 del 30 novembre 2020, alcune categorie di agenti di commercio rientrano nella platea dei contribuenti cui spetta il contributo a fondo perduto previsto dall’Art 1 del ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Christine Walzl

Categorie
Segretaria di categoria
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 514
E-mail:
Bozen