Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
12/12/2019

Vendita e detenzione di fuochi d’artificio

Gli esercizi commerciali non muniti di licenza di pubblica sicurezza per il commercio di prodotti esplodenti come tabaccherie, cartolerie, supermercati e altri esercizi abilitati alla vendita di prodotti del settore non alimentare, possono vendere fuochi d’artificio solo se tali prodotti siano appartenenti alla categoria nazionale V, gruppo D o E, la cui vendita è vietata ai minori di anni 18. È inoltre consentita la detenzione presso detti esercizi commerciali entro il limite di 25 kg per i manufatti del gruppo “D” e di 10 kg per manufatti del gruppo “E”.

Con l’introduzione della marcatura CE per i fuochi d’artificio, a tali esercizi commerciali è inoltre permessa la vendita di prodotti appartenenti alle categorie 1 e 2, ad esclusione di quegli artifizi facenti parte della categoria 2 ma che siano classificati nella categoria nazionale V, gruppo C.

Ecco un breve riepilogo delle classificazioni dei fuochi d’artificio attualmente in vigore:

classificazione CE classificazione nazionale corrispondente a quella CE
categoria 1: presentano un rischio potenziale estremamente basso, un livello di rumorosità trascurabile, sono destinati ad essere utilizzati in spazi confinati, comprendono i fuochi d’artificio destinati ad essere usati all’interno di edifici d’abitazione;

categoria V E: se singoli petardini da ballo contenenti non più di 2,5 mg di fulminato d’argento o se singoli articoli pirotecnici realizzati esclusivamente con tale carica;

categoria V D

categoria 2: presentano un basso rischio potenziale, un basso livello di rumorosità, sono destinati a essere usati al di fuori di edifici in spazi confinanti; categoria V D: se singoli artifici scoppianti, crepitanti o fischianti con una carica di effetto non superiore a 150 mg – se singoli artifizi ad esclusivo effetto luce colore con una massa netta non superiore a 120 gr (se singoli coni non superiore a 60 gr) categoria V C: non vendibili da esercizi non muniti di licenza di pubblica sicurezza.
categoria 3: presentano un rischio potenziale medio, sono destinati ad essere usati al di fuori di edifici – in grandi spazi aperti – il livello di rumorosità non è nocivo per la salute umana; categoria IV: non vendibili da esercizi non muniti di licenza di pubblica sicurezza.
categoria 4: comunemente noti quali fuochi d’artificio professionali, presentano un rischio potenziale elevato, sono destinati ad essere usati esclusivamente da persone con conoscenze specialistiche, il livello di rumorosità non è nocivo per la salute umana. categoria IV: non vendibili da esercizi non muniti di licenza di pubblica sicurezza.


Tutti gli articoli pirotecnici provvisti di marcatura CE dovranno essere adeguatamente etichettati, in modo visibile, leggibile e indelebile, nella lingua italiana. L'etichetta dovrà riportare una serie di informazioni obbligatorie, tra cui il nome e l'indirizzo del fabbricante o, qualora il fabbricante non sia stabilito nell’Unione Europea, il nome del fabbricante, nonché il nome e l'indirizzo dell'importatore, il nome e il tipo dell'articolo, i limiti minimi d'età, la categoria pertinente e le istruzioni per l'uso. Se l’etichetta non c’è i fuochi d’artificio sono illegali. Chi, all’interno del proprio negozio, detenga fuochi d’artificio, deve attenersi alle norme antincendio. Il mancato rispetto di tali norme espone a severe sanzioni.

Ordinate online il cartello d’avviso predisposto dall’Unione per la vendita di fuochi d’artificio e petardi.

 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

23/10/2020

Modelli organizzativi, nuovo servizio dell’Unione

L’Unione offre ai propri associati un nuovo servizio: il reparto Consulenza legale fornisce ora consulenza anche nella stesura di modelli organizzativi. Ai sensi del D.Lgs. 231/2001, tutte le società rispondono dei reati commessi da legali ...
 
 

15/09/2020

PRIVACY: quali sono gli obblighi per le piccole imprese?

Il tema della Privacy riguarda tutte le realtà imprenditoriali, piccole, medie e grandi. A seconda della struttura aziendale, della complessità di elaborazione di dati personali e della quantità di elaborazione di dati, ogni azienda avrà più o meno ...
 
 

15/06/2020

Legge provinciale territorio e paesaggio, novità

La nuova legge (L.p. n.9/2018), che entra in vigore il 1 luglio 2020, sostituirà la legge urbanistica provinciale del 1997 e la legge sulla tutela del paesaggio. Negli ultimi decenni l’Alto Adige e la società hanno subito un profondo cambiamento. La ...
 
 

11/05/2020

Riaperture delle attività, attenzione anche alla Privacy

Dopo un lungo periodo di lockdown dovuto alla pandemia Covid19 finalmente la maggior parte delle attività potranno di nuovo aprire. Dovranno in ogni caso essere seguite scrupolosamente le indicazioni in materia di igiene e sicurezza per continuare a ...