Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
24/08/2018

Tornare a regolamentare le chiusure domenicali e festive

L’Unione elabora una proposta – Incontro con la Camera di commercio del Tirolo

Il presidente Philipp Moser (8° da sin.) e il vicepresidente Sandro Pellegrini (7° da sin) con la delegazione dell’Unione e della Camera di commercio del Tirolo
L’Unione è impegnata a far sì che le chiusure domenicali e festive nel commercio al dettaglio tornino a essere regolamentate per legge – un obiettivo da raggiungere con una soluzione locale su misura delle necessità altoatesine. “Attualmente, in seno all’associazione, stiamo elaborando una proposta concreta per un regolamento della materia tentando, allo stesso tempo, di trovare un consenso circa le molte necessità delle nostre aziende commerciali. Siamo sulla buona strada”, spiega il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Anche per conoscere le esperienze raccolte dalle regioni vicine alla nostra in materia di orari di apertura dei negozi, una delegazione dell’Unione si è recentemente incontrata a Innsbruck con i vertici della Camera di commercio del Tirolo, Sezione commercio. Il gruppo è stato accolto dal presidente Martin Wetscher e dal direttore Alois Schellhorn.

“Nel Tirolo del Nord, ovvero a Innsbruck, la chiusura dei negozi la domenica e nei festivi rimane ancora un dato di fatto del tutto accettato. Le eccezioni sono previste esclusivamente per particolari festività od occasioni, con i negozi che possono tenere aperto solo in determinati orari o solo nei centri storici. In nessun caso, invece, al di fuori dei centri abitati, come per esempio nelle zone produttive”, spiega Moser. Questo regolamento, assicurano i vertici della Camera di commercio, funziona benissimo, senza generare lamentele o critiche.

Come noto, il governo nazionale, nella persona del Ministro del lavoro, è intenzionato a limitare la liberalizzazione degli orari di apertura nel commercio. Nel 2012, il decreto Monti aveva introdotto una totale liberalizzazione nel commercio al dettaglio, rendendo l’Italia l’unico Paese europeo senza alcuna limitazione degli orari di apertura.

Per anni l’Unione ha lottato contro questa fraintesa liberalizzazione, ed è tuttora convinta che una regolamentazione della materia sarebbe vantaggiosa, sia per le aziende familiari con i rispettivi collaboratori, sia per i consumatori e il mantenimento della varietà del nostro panorama commerciale. “Un’apertura domenicale generalizzata è nemica delle aziende familiari e, in ultima analisi, danneggia il commercio di vicinato e la qualità della vita nei centri urbani. Eccezioni a tale regolamentazione dovrebbero essere tuttavia previste per casi quali le località turistiche o gli esercizi del commercio di vicinato”, conclude il presidente dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

14/08/2019

Nuova regolamentazione dei saldi di fine stagione in Alto Adige

L’Unione auspica una nuova regolamentazione nel processo di scelta delle date dei saldi di fine stagione in Alto Adige. Le svendite stagionali, di norma, durano 6 settimane e prendono il via già a inizio luglio ovvero gennaio. “Le date di inizio ...
 
 

12/08/2019

Gli editori nell’Unione organizzano il Bazar dei libri a Bolzano

Dal 15 agosto, in piazza Walther a Bolzano, si potranno acquistare libri interessanti a prezzo di favore. Dopo il grande successo degli anni scorsi, gli editori nell’Unione, in collaborazione con il Comune di Bolzano, tornano nuovamente a ...
 
 

12/08/2019

Saldi estivi nei Comuni turistici

Venerdì, 16 agosto partiranno i saldi di fine stagione estiva in alcuni Comuni turistici dell’Alto Adige. Le località interessate sono Tires, Castelrotto, Renon, Ortisei, Santa Cristina, Selva Gardena, Marebbe, San Martino in Badia, La Valle, Badia, ...
 
 

09/08/2019

Completamento dei centri commerciali dopo la sentenza Twenty

Risale a inizio luglio la sentenza del Tar che, accogliendo il ricorso presentato da Aspiag e Tosolini, metterebbe a rischio le licenze – e di fatto la stessa esistenza – del centro commerciale Twenty di via Galilei a Bolzano. È invece di questi ...