Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
21/04/2021

Strategia per la riapertura anche per i settori che necessitano di programmazione a lungo termine

Il presidente Philipp Moser: “Bene test e vaccini, ma manca ancora un calendario preciso delle riaperture”

IDM: MGM/Frieder Blickle
“Nell’economia dell’Alto Adige ci sono settori che non possono ripartire dall’oggi al domani, ma che devono pianificare la propria attività solo a lungo termine. Pensiamo a tutto il settore altoatesino degli eventi e degli organizzatori”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser. “Anche questi settori hanno bisogno di un calendario per poter riavviare le proprie aziende e programmare le rispettive attività.”

L’Unione auspica pertanto che, parallelamente all’attuale – ed efficiente – strategia di test e vaccinazione, si delinei anche una chiara strategia per la ripartenza. “Le nostre categorie lavorano soprattutto con tempi di programmazione assai lunghi. Eventi e manifestazioni, se devono essere organizzati in maniera professionale e sicura, non possono essere allestiti dall’oggi al domani”, ribadisce la presidente dei prestatori di servizi per eventi nell’Unione Katrin Trafoier.

Il settore degli eventi è ancora privo di una prospettiva a medio termine, e deve continuare a puntare su resilienza e tenacia. “Per le nostre aziende perdite di fatturato fino al 95 percento non rappresentano l’eccezione”, ricorda Trafoier. Di fronte a grandi sfide si trovano anche gli organizzatori di eventi dell’Alto Adige: per molti di essi non è possibile alcuna programmazione senza essere costretti ad affrontare gli ingenti costi di una cancellazione a breve termine.

“Noi tutti, in Alto Adige, vogliamo raggiungere lo stesso obiettivo: riaprire tutte le aziende, salvare i posti di lavoro e dare una nuova prospettiva alle persone”, conclude Philipp Moser riferendosi a tutti i settori economici.
 
La presidente dei prestatori di servizi per eventi nell’Unione Katrin Trafoier
: Il presidente dell’Unione Philipp Moser
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

29/07/2021

L’Unione diventa membro dell'organizzazione Citymarketing Austria

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige è diventata recentemente membro dell'associazione Citymarketing Austria (www.stadtmarketing.eu). “Citymarketing Austria riunisce dal 2009 quasi 70 organizzazioni di marketing locale e urbano dell'Austria ...
 
 

20/07/2021

Gestori di centri fitness dell’Alto Adige: “Abbiamo bisogno di regole eque – come nel resto d’Italia”

Anche dopo che il resto dell’economia altoatesina ha potuto finalmente tornare a un’attività quasi normale, i centri fitness devono ancora lottare contro limitazioni severissime: a provocare la rabbia dei gestori è soprattutto il fatto che, in Alto ...
 
 

13/07/2021

A partire da 16 luglio 4 settimane di saldi estivi in Alto Adige

L’Unione  e la Camera di commercio di Bolzano hanno fissato l’inizio dei saldi estivi in Alto Adige al 16 luglio. La durata dei saldi è di 4 settimane. L’Unione rimane convinta dell’importanza di questo strumento di vendita. “Le svendite di ...
 
 

09/07/2021

Vaccinare, vaccinare, vaccinare

L'Alto Adige deve continuare ad attuare coerentemente la sua strategia di vaccinazione e continuare a sensibilizzare e convincere la gente, sottolinea l’Unione. “Siamo chiaramente e inequivocabilmente a favore della vaccinazione. Riteniamo ...