Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
19/06/2019

Spostamento dei saldi estivi a fine luglio

L’Unione: “Il brutto tempo in primavera ha ostacolato gli affari”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
In un sondaggio eseguito dall’Unione, la maggioranza dei commercianti al dettaglio altoatesini si è espressa a favore di uno spostamento dell’inizio dei saldi di fine stagione estiva per quest’anno. “Per molti commercianti, la data prevista quest’anno, cioè il 5 luglio, appare poco conveniente. I motivi sono presto detti: dal punto di vista del clima la primavera è stata la peggiore da decenni. E altrettanto difficoltosi sono stati gli affari”, riassume la situazione il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Di conseguenza avrebbe più senso far cominciare la caccia agli sconti tre settimane dopo il 26 luglio, afferma l’Unione rivolgendosi all’associazione di riferimento nazionale Federmoda e alla Camera di commercio di Bolzano, che stabilisce le date. Per quest’anno, però, come risultato dai colloqui con i responsabili di Camera di commercio di Bolzano e Federmoda, la brevità del preavviso non permette purtroppo di posticipare l’inizio delle svendite.

Per l’Unione i saldi di fine stagione estiva e invernale rimangono comunque di grande importanza, con l’associazione da sempre convinta dei vantaggi di una data fissa per il loro inizio. “I saldi di fine stagione si sono dimostrati un importante strumento di vendita: da un lato, infatti, per le aziende commerciali rappresentano una fondamentale occasione per liberarsi delle giacenze di magazzino; dall’altro, invece, costituiscono un chiaro messaggio: in questo periodo è possibile acquistare le rimanenze a prezzi assai favorevoli”, sottolinea Moser.

“Stabilire delle date crea inoltre un grande vantaggio per i clienti, perché garantisce trasparenza e chiarezza. E poi si tratta di un periodo nel quale, a prescindere dall’investimento pubblicitario, aziende commerciali grandi e piccole hanno le stesse posizioni di partenza”, aggiunge Moser. Di conseguenza l’Unione farà un nuovo tentativo di spostare l’inizio dei saldi invernali ed estivi alla fine dei rispettivi mesi – così come è sempre stato originariamente e come, per esempio, avviene oggi in Germania, conclude l’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

30/03/2020

Accise sul gasolio, rimborso per il primo trimestre 2020

Con una recente circolare, l’Agenzia delle Dogane ha fornito le indicazioni necessarie affinché le aziende del settore dell'autotrasporto possano richiedere il rimborso delle accise per il gasolio utilizzato per i veicoli aziendali ...
 
 

30/03/2020

Covid19 come causa di inadempimenti contrattuali

La pandemia Covid19 sta causando a molte imprese difficoltà economiche. La chiusura delle attività non essenziali, necessariamente imposta per contenere la diffusione del virus, impedisce agli imprenditori di realizzare le entrate per poter pagare i ...
 
 

30/03/2020

Covid-19, l’Unione stanzia 500.000 euro per un pacchetto speciale di consulenza

In occasione di una riunione d’emergenza, la Giunta esecutiva dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige ha stabilito di stanziare un pacchetto speciale per gli associati per un valore complessivo di 500.000 euro.

“Le nostre ...
 
 

30/03/2020

I negozi al dettaglio possono consegnare prodotti non alimentari?

Tra le domande poste più frequentemente nei giorni scorsi c’è stata anche la seguente: è possibile, per i negozi al dettaglio, consegnare a domicilio anche prodotti non alimentari? La risposta è sì, è possibile consegnare a ...