Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
13/12/2019

Soddisfazione per le aziende dei servizi

Oltre nove imprese su dieci nel settore dei servizi giudicano soddisfacente la redditività conseguita nel 2019 e altrettante confidano in un risultato d’esercizio positivo anche nel 2020. Ciò emerge dall’edizione autunnale del Barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano.

Anche quest’anno la dinamica dei fatturati è stata favorevole, in particolare sul mercato provinciale. L’incremento dei prezzi di vendita ha compensato in parte quello dei costi, preservando la competitività, e le condizioni di accesso al credito sono considerate leggermente migliori rispetto allo scorso anno. Il volume degli investimenti è aumentato soprattutto nei comparti finanziario, immobiliare, informatico e dei servizi alle imprese, mentre vi è stato un calo nei servizi alla persona.

Per il 2020 gli imprenditori e le imprenditrici prevedono un ulteriore incremento dei fatturati e prezzi alla clientela in ascesa. Potrebbe però arrestarsi la crescita degli investimenti e dell’occupazione.

Analizzando la situazione dei singoli comparti, si riscontra come quasi tutti gli operatori dei servizi alle imprese, dell’immobiliare e dell’informatica siano soddisfatti della redditività conseguita nel 2019 e si dichiarino fiduciosi per il 2020. Nonostante i bassi tassi di interesse, la redditività è positiva anche nel comparto finanziario, con le banche che segnalano significativi aumenti dei depositi e del volume creditizio. Il comparto dei servizi alla persona lamenta invece maggiori difficoltà.

“Nessun settore economico è tanto vario, eterogeneo e, allo stesso tempo, dinamico, come quello dei servizi orientati alle aziende. Occorre rendere l’Alto Adige ancor più invitante come location, sia per le aziende del settore creativo, sia per i giovani, così da aumentarne anche l’attrattività come luogo di lavoro”, afferma Barbara Jäger, presidente dei prestatori di servizi nell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

30/10/2019

I cartelli per il Natale 2019

Per gli orari di apertura speciali durante l’Avvento, l’Unione mette a disposizione dei propri associati i relativi cartelli. Uno di essi è allegato all’ultimo numero di Unione magazine. Altri esemplari possono essere richiesti a questo
 
 

14/10/2019

Vivo qui, acquisto qui

L’Alto Adige è noto per le sue montagne e laghi, ma anche per le molte interessanti opportunità d’acquisto. Che si tratti di boutique, gioiellieri, calzature, alimentari – ogni centro urbano può godere di un commercio di vicinato ancora integro. Nel ...
 
 

06/09/2019

Servizi, clima di fiducia alle stelle

Nell’economia altoatesina, il settore dei servizi è quello che mostra il miglior clima di fiducia: quasi tutte le imprese (94 percento) considerano soddisfacente la redditività nel 2019. Ciò emerge dall’edizione estiva del Barometro dell’economia ...