Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
28/06/2019

Shopping serale in 30 città e paesi dell’Alto Adige

Siamo responsabili dello sviluppo urbano in Alto Adige

Il presidente dell'Unione Philipp Moser.
Circa 200 serate di shopping dotate di altrettanti ricchi programmi di contorno animeranno quest’anno le sere estive di 30 città e paesi dell’Alto Adige. “Quello realizzato dai nostri vivaci centri urbani è un programma interessante e attrattivo”, sottolinea il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Il vero motore delle iniziative legate alle serate dello shopping sono soprattutto le molte piccole aziende a conduzione familiare. “Abbiamo ancora centri urbani vivi e vitali, con un commercio di vicinato perlopiù intatto. In altre realtà, anche nelle nostre immediate vicinanze, la situazione è diametralmente opposta, come accade per esempio nel Tirolo, dove in 57 Comuni – dieci dei quali con oltre 1.000 abitanti – non ci sono più negozi”, spiega Moser.

“Quando si tratta di rendere attrattivi, vivi e vitali e di sviluppare ulteriormente i nostri paesi, centri urbani, centri storici o quartieri, è nostro compito intervenire. In quest’ambito, oltre al commercio, giocano un ruolo fondamentale anche le aziende nei settori della gastronomia, dei servizi, degli affitti privati e dell’artigianato legato ai centri urbani”, ribadisce Moser. Centri urbani vivaci con elevate frequenze sono in grado di incentivare i circuiti economici locali. Paesi e città funzionanti sono inoltre la base per un’imprenditoria di successo e per un’elevata qualità della vita.

In questo l’Unione ricorda l’importanza della collaborazione tra turismo e commercio o, in altre parole, del contributo del commercio alla promozione delle destinazioni locali e, di conseguenza, al finanziamento delle associazioni turistiche. “Per quanto riguarda il contributo del commercio al dettaglio al finanziamento del marketing turistico, auspichiamo una regolamentazione unitaria. Il commercio è ben disposto a dare il proprio contributo alla promozione delle varie destinazioni turistiche se in tale modo si investe anche nello sviluppo delle località e nella visibilità del commercio”, precisa il presidente dell’Unione.

Nel corso dell’estate 2019, da Anterselva di mezzo fino a Villabassa, saranno moltissime le località in tutta la provincia a tenere aperti i propri negozi nelle ore serali – perlopiù tra le 20.00 e le 23.00. Ora, Lana, Scena e Ortisei hanno dato il via alle serate dello shopping già all’inizio di giugno; la maggioranza delle restanti località partiranno invece all’inizio di luglio per arrivare poi a inizio settembre. A fianco dell’offerta commerciale prolungata e della possibilità di godere di una passeggiata serale in centro, alcune località offriranno anche intrattenimento, musica e specialità culinarie.

Le seguenti 30 località organizzano le serate di shopping: Lasa, Laces, Silandro, Tirolo, Lana, Naturno, Scena, S. Leonardo in Passiria, Ora, Bolzano, Appiano, Caldaro, Castelrotto, Sarentino, Siusi, S. Cristina, Ortisei, Termeno, Trodena, Selva Gardena, Chiusa, Rio Pusteria, Anterselva di mezzo, Brunico, Corvara, S. Candido, Villabassa, Campo Tures, S. Vigilio di Marebbe e Dobbiaco.

Le date di tutte le serate di shopping in Alto Adige sono consultabili sul sito internet dell’Unione all’indirizzo www.unione-bz.it/shoppingserale.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

23/10/2020

Il futuro del commercio su aree pubbliche in grave pericolo

Nell’ultima ordinanza d’urgenza del presidente della Giunta provinciale è previsto che, in materia di mercati di rilevanza comunale, i sindaci possano adottare ulteriori misure restrittive. “I commercianti ambulanti non sono disposti a fare da capro ...
 
 

22/10/2020

“Grande preoccupazione!”: L’Alto Adige dichiarata zona a rischio

“Non vorrei pronunciare la parola catastrofe, ma la preoccupazione è sicuramente grande”, questo il primo commento del presidente dell’Unione Philipp Moser circa l’annunciato avvertimento relativo ai viaggi verso l’Alto Adige da ...
 
 

20/10/2020

Decisione chiara della Giunta esecutiva: i Mercatini di Natale sono da cancellare

La Giunta esecutiva dell’Unione si esprime con chiarezza contro l’allestimento dei Mercatini di Natale di quest’anno. A deciderlo all’unanimità, dopo una lunga discussione, è stato lunedì, 19 ottobre 2020 il massimo organo rappresentativo ...
 
 

19/10/2020

Regola 1/5: limitazione del numero di clienti nei negozi

Dato l’aumento dei controlli e delle sanzioni da parte delle autorità, ricordiamo ai nostri associati che, negli ambienti commerciali, è permesso ammettere solo un numero limitato di clienti. La regola da seguire è quella 1/5 (5 metri quadrati per ...