Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
02/07/2018

Serate di shopping in 32 città e paesi dell’Alto Adige

“I centri urbani attrattivi sono alla base della varietà dell’offerta e dell’elevata qualità della vita”

Circa 200 serate di shopping dotate di altrettanti ricchi programmi di contorno animeranno quest’anno le sere estive di 32 città e paesi dell’Alto Adige. “Quello realizzato dai nostri vivaci centri urbani è un programma interessante e attrattivo”, sottolinea il presidente dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige Philipp Moser. Il vero motore delle iniziative legate alle serate dello shopping sono soprattutto le molte piccole aziende a conduzione familiare.

“Abbiamo ancora centri urbani vivi e vitali, con un commercio di vicinato perlopiù intatto. In altri luoghi, anche nelle nostre immediate vicinanze, la situazione è diametralmente opposta, come accade per esempio nel Tirolo orientale, dove 12 Comuni su 33 sono già privi di esercizi del commercio di vicinato”, spiega Moser.

“Centri urbani vivi e vitali incentivano i circuiti economici locali. Allo stesso tempo, paesi e città ben funzionanti sono la base per un’imprenditoria di successo e un’elevata qualità della vita. Ecco perché l’Unione sostiene lo sviluppo dei centri urbani e i processi di marketing con ogni sforzo possibile e con la massima priorità”, afferma Moser.

 
“In questo senso dovremmo continuare a sforzarci per mantenere e sviluppare ulteriormente nei centri urbani non solo il commercio al dettaglio, ma anche tutte le attività più importanti a livello locale, come i servizi, la gastronomia e l’artigianato locale”, insiste il presidente dell’Unione. A questo proposito dovrebbe anche essere possibile convincere le Associazioni turistiche a condividere le priorità del commercio al dettaglio e dei servizi nei centri urbani e nei quartieri e a rafforzare quindi la collaborazione.

Da Anterselva di mezzo fino a Selva Gardena, numerose località in tutta la provincia terranno aperti i propri negozi nelle ore serali – perlopiù tra le 20.00 e le 23.00. Ora, Corvara, Lana, Scena e Ortisei hanno dato il via alle serate dello shopping già all’inizio di giugno; la maggioranza delle restanti località partiranno invece all’inizio di luglio per arrivare poi a fine agosto, ma ci sono anche località che andranno avanti addirittura fino a metà settembre. A fianco dell’offerta commerciale prolungata e della possibilità di godere di una passeggiata serale in centro, alcune località offriranno anche intrattenimento, musica e specialità culinarie.

Le seguenti località organizzano le serate di shopping: Lasa, Laces, Malles, Silandro, Tirolo, Lana, Naturno, Scena, S. Leonardo in Passiria, Ora, Bolzano, Appiano, Caldaro, Castelrotto, Laives/S. Giacomo/Pineta, Sarentino, Siusi, S. Cristina, Ortisei, Termeno, Fiè allo Sciliar, Nova Levante, Selva Gardena, Chiusa, Laion, Anterselva di mezzo, Brunico, Corvara, San Candido, Villabassa, Campo Tures, S. Vigilio di Marebbe e Dobbiaco.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

14/10/2019

Vivo qui, acquisto qui

L’Alto Adige è noto per le sue montagne e laghi, ma anche per le molte interessanti opportunità d’acquisto. Che si tratti di boutique, gioiellieri, calzature, alimentari – ogni centro urbano può godere di un commercio di vicinato ancora integro. Nel ...
 
 

08/10/2019

Provvedimenti contro l’accattonaggio aggressivo nelle località dell’Alto Adige

In molte località dell’Alto Adige, e in particolare nelle città, è spesso possibile imbattersi in mendicanti aggressivi. L’Unione punta il dito su questo fenomeno e sulla situazione ormai insostenibile in molti centri abitati. “Spesso, per molti ...
 
 

03/10/2019

È prossima la tassazione per il commercio online

La tassazione digitale per il commercio online si avvicina: dopo la Francia ora anche l’Austria ha deciso di introdurre una tassa digitale per i colossi online a partire dal 1° gennaio 2020. “In questo modo l’Austria diventa il secondo Paese della ...
 
 

27/09/2019

L’Unione ospite per la prima volta al Congresso internazionale ECR

La prima partecipazione dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige all’edizione 2019 del Congresso internazionale ECR per il commercio e il settore dei beni di consumo ha suscitato grande interesse.

Nell’ambito di una relazione ...