Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
09/09/2020

Sì ai Mercatini di Natale con nuovi contenuti e progetti

L’Unione: “Una mera cancellazione dimostra poca lungimiranza”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
“Gravemente negligente”: così l’Unione definisce l’invito di un’organizzazione sindacale di lingua tedesca di non tenere, per quest’anno, i tradizionali Mercatini di Natale, a grave danno dell’attrattività e della vitalità dei paesi e città dell’Alto Adige.

“Proprio a causa della particolare fase che stiamo vivendo, abbiamo l’occasione unica di rielaborare questo marchio specifico dell’Alto Adige, ideando nuovi progetti e contenuti. Una semplice cancellazione o un rifiuto senza una nuova riflessione o un cambio di direzione, è un punto di vista poco lungimirante che non aiuta nessuno”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Il nuovo orientamento potrebbe far sì che i Mercatini di Natale siano meno un’attrazione per i turisti quanto più rivolti alla popolazione locale. Il tempo per introdurre nuovi contenut è sicuramente limitato, ma già le previste prescrizioni in materia di sicurezza e contingentamento consentono di eliminare il pericolo di assembramento.

L’Unione ricorda anche che, in tutta Europa, in Italia, ma anche in Alto Adige, paesi e città perdono frequenze, con effetti negativi su tutte le aziende – e relativi collaboratori – presenti nei centri abitati, sia nel settore commerciale che nella gastronomia, nei servizi e nell’artigianato. “Tra i motivi di questo calo nelle frequenze ci sono, per esempio, i sempre più numerosi acquisti presso i giganti del commercio online, la riduzione degli ospiti nei centri urbani degli ultimi mesi e anche il sempre più utilizzato smart working”, precisa Moser.

“Ciò che è sicuro è che bisogna agire per il futuro dei nostri centri urbani – là, dove si acquista e si consuma. Le località dell’Alto Adige vivono della loro attrattività, qualità della vita e frequenze delle persone che vi si muovono e vi sostano. Bisogna conservare le caratteristiche fondamentali dei nostri centri urbani vitali, facendo sì che rimangano punti di attrazione per le persone e luoghi ove le aziende possano lavorare con i rispettivi collaboratori”, conclude Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

20/07/2021

"Vaccinarsi a due passi da casa" - lista attuale

L’Azienda sanitaria dell'Alto Adige, con l’intento di risparmiare alle cittadine ed ai cittadini lunghi spostamenti per eseguire la vaccinazione, insieme ai comuni dell'Alto Adige ha lanciato la campagna "Vaccinarsi a due passi da casa". In queste ...
 
 

20/07/2021

Gestori di centri fitness dell’Alto Adige: “Abbiamo bisogno di regole eque – come nel resto d’Italia”

Anche dopo che il resto dell’economia altoatesina ha potuto finalmente tornare a un’attività quasi normale, i centri fitness devono ancora lottare contro limitazioni severissime: a provocare la rabbia dei gestori è soprattutto il fatto che, in Alto ...
 
 

13/07/2021

A partire da 16 luglio 4 settimane di saldi estivi in Alto Adige

L’Unione  e la Camera di commercio di Bolzano hanno fissato l’inizio dei saldi estivi in Alto Adige al 16 luglio. La durata dei saldi è di 4 settimane. L’Unione rimane convinta dell’importanza di questo strumento di vendita. “Le svendite di ...
 
 

10/07/2021

Coronavirus: nuovo allegato A autorizza distanze interpersonali minori

La Giunta provinciale ha approvato in seduta una modifica normativa che riduce da 10 a 5 i metri quadrati di spazio per persona necessari per garantire la prevenzione del contagio da Coronavirus. La variazione è stata introdotta con una modifica ...