Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
14/09/2020

Raddoppiata l’esenzione fiscale per i beni ceduti ai collaboratori

L’Unione: “Ringraziare il personale con un buono, e il denaro resta in Alto Adige!”

: il presidente dell’Unione Philipp Moser (sin.) e il direttore Bernhard Hilpold con la monni card.
Il limite per l’esenzione fiscale per i beni ceduti ai collaboratori (“fringe benefits”) è stato raddoppiato: con il “Decreto Agosto”, e solo per il periodo d’imposta 2020, l’importo del valore di beni ceduti e servizi erogati dalle imprese ai propri lavoratori dipendenti è stato elevato a 516,46 euro, rispetto ai precedenti 258,23 euro. Tale valore non concorre alla formazione del reddito, e sarà quindi esente da imposte e contributi, commenta con soddisfazione l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige.

Tra i beni più apprezzati ci sono anche i buoni acquisto. “In Alto Adige esiste solo un buono acquisto valido a livello provinciale e utilizzabile in circa 700 aziende e punti vendita in tutto l’Alto Adige”, spiega il presidente dell’Unione Philipp Moser.

L’apprezzamento per la carta valore provinciale monni card è sempre maggiore. Sempre più aziende altoatesine la utilizzano per ringraziare i propri collaboratori per il lavoro e l’impegno in questo periodo di difficoltà. Lo scorso anno le aziende altoatesine hanno donato ai propri collaboratori monni card per un valore complessivo di circa 1,5 milioni di euro. Quest’anno dovrebbe essere raggiunta la soglia dei due milioni di euro.

“Oltre a questo, la monni card rafforza i circuiti economici locali, consolida il potere d’acquisto sul territorio e fa rimanere il denaro in provincia”, aggiunge il presidente dell’Unione Philipp Moser. La carta acquisto può essere utilizzata tramite il lettore POS dedicato.

Il grande vantaggio per le aziende e i datori di lavoro che si servono dei buoni acquisto è proprio la relativa agevolazione fiscale. I buoni acquisto per i collaboratori sono esenti sia da tassazione ordinaria sia da versamento di contributi. Ogni singolo euro investito va pertanto a beneficio del collaboratore, sottolinea l’Unione. Inoltre, i buoni acquisto regalati ai clienti sono totalmente deducibili fino a un importo di 50 euro.

Le aziende e i negozi aderenti, nei quali è possibile utilizzare la carta, sono elencati sulla pagina internet www.monni.bz.it. Qui, le aziende interessate possono trovare anche tutte le informazioni sul progetto oppure ordinare direttamente la monni card.
 
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

20/07/2021

Gestori di centri fitness dell’Alto Adige: “Abbiamo bisogno di regole eque – come nel resto d’Italia”

Anche dopo che il resto dell’economia altoatesina ha potuto finalmente tornare a un’attività quasi normale, i centri fitness devono ancora lottare contro limitazioni severissime: a provocare la rabbia dei gestori è soprattutto il fatto che, in Alto ...
 
 

13/07/2021

A partire da 16 luglio 4 settimane di saldi estivi in Alto Adige

L’Unione  e la Camera di commercio di Bolzano hanno fissato l’inizio dei saldi estivi in Alto Adige al 16 luglio. La durata dei saldi è di 4 settimane. L’Unione rimane convinta dell’importanza di questo strumento di vendita. “Le svendite di ...
 
 

09/07/2021

Vaccinare, vaccinare, vaccinare

L'Alto Adige deve continuare ad attuare coerentemente la sua strategia di vaccinazione e continuare a sensibilizzare e convincere la gente, sottolinea l’Unione. “Siamo chiaramente e inequivocabilmente a favore della vaccinazione. Riteniamo ...
 
 

08/07/2021

In Alto Adige non è estate senza lo shopping serale in paesi e città

Diventate ormai parte integrante del programma estivo dell’Alto Adige, negli anni passati le circa 200 serate di shopping, con il loro vario programma di contorno, hanno animato oltre 30 centri urbani dell’Alto Adige. “Si è trattato sempre di ...