Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
30/03/2021

Prospettive del settore degli eventi: “Rafforzare scambio e coesione!”

La presidente dei prestatori di servizi per eventi nell’Unione Katrin Trafoier e il vicepresidente Oskar Stricker.
“Per noi tutti il 2020 è stato un anno molto duro, ma noi prestatori di servizi per eventi e organizzatori siamo riusciti a superarlo anche con il sostegno e l’appoggio della Provincia”, hanno affermato la presidente dei prestatori di servizi per eventi nell’Unione Katrin Trafoier e il vicepresidente Oskar Stricker in occasione dell’assemblea generale della categoria tenutasi di recente online.

“Insieme alla Provincia abbiamo potuto elaborare i criteri per il pagamento dei contributi sui costi fissi ai settori particolarmente colpiti. A tutt’oggi siamo gli unici in tutta Italia”, riferisce Trafoier. Nonostante questo, il settore degli eventi rimane senza prospettive a medio termine, e deve quindi continuare a puntare su resilienza e tenacia. “Perdite di fatturato fino al 95 percento non rappresentano delle eccezioni”, sottolinea Trafoier. Ma anche gli organizzatori di eventi dell’Alto Adige si trovano di fronte a grandi sfide: per molti di essi la programmazione risulta impossibile, oppure sono costretti ad affrontare gli elevati costi legati alla cancellazione a breve termine degli eventi.

Lo scorso anno la categoria si è impegnata a costruire delle reti di contatti a livello istituzionale, rafforzando in tal modo la notorietà della professione. “Per esempio siamo riusciti a diventare un autorevole riferimento per IDM”, precisa la presidente. I prestatori di servizi per eventi partecipano attivamente al progetto provinciale “Turismo 2030”, e mantengono contatti regolari con il settore dei convegni e delle fiere MICE (Meetings Incentives Conventions Exhibitions).

“Il nostro obiettivo è quello di essere il primo riferimento per il settore degli eventi, anche nei confronti della politica e degli altri stakeholder in Alto Adige. Vogliamo offrire ai nostri iscritti una piattaforma di scambio istituzionalizzato. Organizzatori, prestatori di servizi per eventi e location sono gli elementi del settore degli eventi e, in fin dei conti, si trovano tutti nella stessa barca. Siamo un importante motore per la creazione di valore”, ribadisce Trafoier. Attualmente la principale priorità rimane assicurare l’esistenza dei prestatori di servizi per eventi. Bisogna creare le giuste condizioni per garantire un futuro al settore degli eventi e permettergli di riprendersi il prima possibile.

L’assemblea online si è conclusa con un giro di domande e feedback da parte dei molti iscritti collegati. Al centro del dibattito sono stati posti temi quali le strategie per la ripartenza degli eventi, il riavvio del calendario fieristico, gli aspetti legati alla sicurezza degli eventi e la costruzione di una rete di contatti con il settore creativo dell’Alto Adige.
 
Molti prestatori di servizi per eventi e organizzatori altoatesini hanno preso parte all’assemblea online.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

29/07/2021

L’Unione diventa membro dell'organizzazione Citymarketing Austria

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige è diventata recentemente membro dell'associazione Citymarketing Austria (www.stadtmarketing.eu). “Citymarketing Austria riunisce dal 2009 quasi 70 organizzazioni di marketing locale e urbano dell'Austria ...
 
 

20/07/2021

Gestori di centri fitness dell’Alto Adige: “Abbiamo bisogno di regole eque – come nel resto d’Italia”

Anche dopo che il resto dell’economia altoatesina ha potuto finalmente tornare a un’attività quasi normale, i centri fitness devono ancora lottare contro limitazioni severissime: a provocare la rabbia dei gestori è soprattutto il fatto che, in Alto ...
 
 

13/07/2021

A partire da 16 luglio 4 settimane di saldi estivi in Alto Adige

L’Unione  e la Camera di commercio di Bolzano hanno fissato l’inizio dei saldi estivi in Alto Adige al 16 luglio. La durata dei saldi è di 4 settimane. L’Unione rimane convinta dell’importanza di questo strumento di vendita. “Le svendite di ...
 
 

09/07/2021

Vaccinare, vaccinare, vaccinare

L'Alto Adige deve continuare ad attuare coerentemente la sua strategia di vaccinazione e continuare a sensibilizzare e convincere la gente, sottolinea l’Unione. “Siamo chiaramente e inequivocabilmente a favore della vaccinazione. Riteniamo ...