Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
03/09/2020

Prestatori di servizi per eventi e le agenzie viaggi incontrano l’assessore Achammer

Soddisfazione dell’Unione: “Abbiamo bisogno di dare un segnale positivo!”

da sin. il presidente delle agenzie viaggi nell’Unione Martin Pichler, la presidente dei prestatori di servizi per eventi nell’Unione Katrin Trafoier e l’assessore provinciale Philipp Achammer.
Per il settore dei viaggi e degli eventi in Alto Adige, l’attuale crisi è senza precedenti. Ferme da mesi a causa delle norme di sicurezza previste per frenare la diffusione del contagio da Coronavirus, le agenzie viaggi e i prestatori di servizi per eventi nell’Unione, hanno incontrato in questi giorni l’assessore provinciale competente in materia, Philipp Achammer, per fare il punto della situazione in merito ai fondi stanziati dalla Provincia per le categorie più colpite. A breve verranno resi noti i criteri d’accesso.

L’incontro era improntato in primo luogo sulla discussione della necessità di prevedere un ulteriore, sostanziale supporto a favore dei prestatori di servizi per eventi e delle agenzie di viaggi.

“Entrambi i settori sono completamente fermi, ormai da mesi e senza prospettive di miglioramento a medio o lungo termine. In queste condizioni è davvero difficile garantire la sopravvivenza delle aziende e dei rispettivi molti posti di lavoro”, affermano la presidente dei prestatori di servizi per eventi nell’Unione Katrin Trafoier e il presidente delle agenzie viaggi nell’Unione Martin Pichler. “L’obiettivo raggiunto circa lo stanziamento di un fondo per le categorie messe a dura prova dalla crisi e tra i quali rientra anche il settore dei trasporti, è un primo, incoraggiante segnale da parte della politica, ma sappiamo fin troppo bene che non basta”.

Ciò di cui i settori più colpiti hanno bisogno in questo momento è che la politica fornisca un equivocabile segnale di supporto, non solo da un punto di vista economico, ma anche con riferimento a una volontà di spendersi per permettere, con le dovute e necessarie misure anti-contagio, la ripresa nel breve termine di manifestazioni e eventi. “Agli organizzatori di eventi, ai prestatori di servizi per eventi e alle agenzie di viaggio deve essere fatto coraggio, affinché non perdano l’entusiasmo nei confronti di un futuro che speriamo torni ad essere roseo!” concludono Trafoier e Pichler.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

20/10/2020

Decisione chiara della Giunta esecutiva: i Mercatini di Natale sono da cancellare

La Giunta esecutiva dell’Unione si esprime con chiarezza contro l’allestimento dei Mercatini di Natale di quest’anno. A deciderlo all’unanimità, dopo una lunga discussione, è stato lunedì, 19 ottobre 2020 il massimo organo rappresentativo ...
 
 

15/10/2020

Laives: per un centro urbano vivo, vitale e attrattivo

A Laives, le molte aziende piccole e a conduzione familiare del commercio al dettaglio, della gastronomia, dei servizi e dell’artigianato, non garantiscono solo la varietà dell’offerta e la vitalità della città, ma soddisfano anche ...
 
 

13/10/2020

“Entusiasmare gastronomia e settore alberghiero per i prodotti e servizi locali”

Anche quest’anno i pasticceri, i panificatori, i prestatori di servizi per eventi e le agenzie viaggi nell’Unione, nonché l’Associazione dei grossisti di bevande dell’Alto Adige, si presentano insieme a Hotel, la ...
 
 

12/10/2020

Calano gli acquisti di domenica

Gli ultimi mesi l’hanno messo chiaramente in evidenza: l’apertura dei negozi alla domenica non è più una necessità, sottolinea l’Unione. “Nelle domeniche aperte non si fanno quasi più acquisti e, ciononostante, le persone vivono ugualmente e sono ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott.ssa Lorena Sala

Categorie
Capoarea
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 512
E-mail: