Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
26/11/2018

Positiva riforma delle Casse Rurali dell’Alto Adige

Rafforzare ulteriormente le iniziative per lo sviluppo urbano

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
“In Alto Adige, incentivare i circuiti economici locali e rafforzare le attività importanti per i centri urbani sono compiti che rappresentano una sfida per tutta una serie di istituzioni, organizzazioni e rappresentazioni di interessi. Tra essi anche le Casse Rurali locali”, afferma l’Unione in un comunicato. Di qui la soddisfazione dell’associazione nell’accogliere la proposta di modifica alla riforma del credito cooperativo approvata la scorsa settimana in Commissione finanza al Senato. In questo modo, similmente a come già avviene in Austria e Germania, le Casse Rurali dell’Alto Adige hanno la possibilità di riunirsi in una federazione invece che essere costrette ad aderire a un gruppo bancario.

“La federazione porterebbe grandi vantaggi, perché rimarrebbe integra la partecipazione cooperativa a livello locale e le decisioni potrebbero essere ancora prese autonomamente e tempestivamente sul territorio. In questo modo si mantiene la vicinanza alla popolazione locale e, grazie alla conoscenza del mercato locale, gli operatori economici potranno continuare a essere sostenuti nella maniera più idonea”, sottolinea il presidente dell’Unione Philipp Moser. “Le Casse Rurali dell’Alto Adige rimarranno pertanto un importante interlocutore per le famiglie e le aziende sul territorio”, precisa Moser.

Particolarmente importante per lo sviluppo dei centri urbani è il finanziamento delle iniziative locali nonché l’ampio sostegno a settori quali lo sport, la cultura, il sociale, l’economia e l’ecologia. “Molte di queste iniziative fanno sì che i nostri centri paesi e città rimangano vivi e attrattivi – sia per i residenti che per le molte aziende attive nel commercio al dettaglio, nella gastronomia, nei servizi, negli affitti privati e nell’artigianato locale”, conclude il presidente dell’Unione.

Ora bisogna attendere la conversione del decreto in legge, che dovrebbe verosimilmente avvenire entro Natale. Le Casse Rurali, quindi, saranno chiamate a decidere insieme se seguire la strada del gruppo bancario o se prendere in considerazione l’idea di federarsi.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

19/07/2019

Sarentino, visita dell'Unione al nuovo sindaco Reichsigl

Si è recentemente avuta l’occasione di fare una visita inaugurale al neoeletto sindaco del Comune di Sarentino Christian Albert Reichsigl, raggiunto dal fiduciario comunale dell’Unione Alfons Innererbner e dalla caposede mandamentale Judith Müller ...
 
 

18/07/2019

Daniel Schönhuber è il nuovo presidente mandamentale dell’Unione in Pusteria

Il direttivo mandamentale dell’Unione della Val Pusteria ha recentemente eletto un nuovo presidente mandamentale. Daniel Schönhuber di Brunico sarà il presidente per i prossimi anni rappresentando il mandamento verso l’esterno. Al suo fianco ci sono ...
 
 

16/07/2019

La Cassa Raiffeisen Bassa Atesina sponsorizza le iniziative dell’Unione

A Laives, molte aziende piccole e familiari nel commercio a dettaglio offrono una vasta offerta, sostengono la vitalità del centro urbano e ricoprono un importante ruolo sociale. Garantiscono anche il commercio di vicinato e contribuiscono in tal ...
 
 

12/07/2019

Bolzano, incontro tra Unione e assessore all’economia Stephan Konder

Si è tenuto oggi (venerdì, 12 luglio) un cordiale incontro tra una delegazione dell’Unione di Bolzano composta dai due fiduciari comunali Thomas Rizzolli e Simone Buratti, nonché dalla caposede dell’Unione per la città di Bolzano Marcella Macaluso, ...