Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
19/01/2021

Pagamenti compensativi per tutte le aziende a causa della crisi Covid

Il presidente dell’Unione Philipp Moser: “Prevedere gli aiuti più urgenti!”

Nel corso del 2020, a causa della pandemia, moltissime aziende hanno dovuto affrontare un calo del fatturato, ricorda l’Unione. In questo periodo, per la grande maggioranza delle aziende, le preoccupazioni e l’incertezza di cosa porterà con sé il nuovo anno sono ben più che giustificate.

“Saranno si distribuiti gli aiuti statali tramite i cosiddetti ‘Decreti Ristori’, ma sono sicuramente insufficienti. Un ulteriore sostegno finanziario da parte della Provincia Autonoma di Bolzano sembra pertanto indispensabile”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Per evitare che i pagamenti siano nuovamente effettuati sulla base dei codici Ateco, il nuovo decreto ‘Ristori’ dovrebbe prevedere una compensazione per tutte le aziende che, in confronto all’anno 2019, abbiano dei cali di fatturato legati all’emergenza Covid. “Da questo importo dovrebbero essere detratti i pagamenti ‘Ristori’ effettuati finora”, auspica Moser come misura supplementare di sostegno a livello nazionale.

“Attualmente, a livello parlamentare, si sta lavorando in questa direzione, e noi appoggiamo completamente questa strategia. Ci è però anche chiaro che queste compensazioni statali, da sole, non saranno sufficienti a consentire ad aziende e lavoratori un’efficace ripartenza”, chiarisce Moser.

La Provincia ha già più volte annunciato che interverrà laddove i finanziamenti statali non fossero sufficienti. “In questi giorni siamo in trattativa con i competenti uffici provinciali per elaborare misure di sostegno provinciali integrative – affinché le aziende colpite e l’attività imprenditoriale possano riavviarsi”, conclude il presidente dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

20/07/2021

"Vaccinarsi a due passi da casa" - lista attuale

L’Azienda sanitaria dell'Alto Adige, con l’intento di risparmiare alle cittadine ed ai cittadini lunghi spostamenti per eseguire la vaccinazione, insieme ai comuni dell'Alto Adige ha lanciato la campagna "Vaccinarsi a due passi da casa". In queste ...
 
 

20/07/2021

Gestori di centri fitness dell’Alto Adige: “Abbiamo bisogno di regole eque – come nel resto d’Italia”

Anche dopo che il resto dell’economia altoatesina ha potuto finalmente tornare a un’attività quasi normale, i centri fitness devono ancora lottare contro limitazioni severissime: a provocare la rabbia dei gestori è soprattutto il fatto che, in Alto ...
 
 

13/07/2021

A partire da 16 luglio 4 settimane di saldi estivi in Alto Adige

L’Unione  e la Camera di commercio di Bolzano hanno fissato l’inizio dei saldi estivi in Alto Adige al 16 luglio. La durata dei saldi è di 4 settimane. L’Unione rimane convinta dell’importanza di questo strumento di vendita. “Le svendite di ...
 
 

10/07/2021

Coronavirus: nuovo allegato A autorizza distanze interpersonali minori

La Giunta provinciale ha approvato in seduta una modifica normativa che riduce da 10 a 5 i metri quadrati di spazio per persona necessari per garantire la prevenzione del contagio da Coronavirus. La variazione è stata introdotta con una modifica ...