Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
03/05/2019

Ottimismo per il commercio al dettaglio

Barometro IRE per la primavera 20109

Il clima di fiducia nel commercio al dettaglio in Alto Adige si conferma tendenzialmente positivo. Nel 2018 la redditività è stata soddisfacente per l’86 percento dei commercianti, con un incremento di quattro punti percentuali rispetto all’anno precedente. Anche le aspettative per il 2019 sono ottimistiche, con quasi nove dettaglianti su dieci che prevedono un risultato di esercizio soddisfacente.

Lo scorso anno i fatturati nel commercio al dettaglio hanno registrato una crescita, anche per effetto dell’incremento dei prezzi al consumo. Gli investimenti sono aumentati, soprattutto nel comparto dei supermercati e nel commercio senza sede fissa (ambulante e online). Anche l’occupazione ha registrato un andamento positivo: nel 2018 il numero di dipendenti del commercio (compreso l’ingrosso) è aumentato del 3 percento rispetto all'anno precedente. Tuttavia, i commercianti segnalano anche un aumento dei costi di esercizio e un peggioramento della competitività aziendale, in parte dovuto alla crescente concorrenza da parte delle catene internazionali e del commercio online.

Per il 2019 le imprese prevedono un ulteriore leggera crescita delle vendite e un andamento positivo dell’occupazione, mentre l’attività di investimento dovrebbe essere in linea con lo scorso anno.

"Abbiamo bisogno di maggiore equità fiscale tra commercio online e commercio stazionario. A tal fine, in Italia va introdotta una tassa digitale, soprattutto dopo che un progetto analogo su scala europea è appena fallito. Non può essere che le aziende tradizionali siano sottoposte a una pesante pressione fiscale e che, contemporaneamente, in Italia i guadagni dei grandi gruppi internazionali online non siano praticamente sottoposti ad alcuna tassazione", affrma il presidente dell'Unione Philipp Moser.

Tra le diverse branche del commercio al dettaglio, il miglior clima di fiducia si registra nel comparto dei grandi magazzini, supermercati e mini-mercati, dove quasi tutte le imprese sono riuscite a conseguire un risultato economico soddisfacente lo scorso anno e prevedono di poter fare altrettanto nell’esercizio in corso. Note positive provengono anche dal commercio al dettaglio senza sede fissa. Per contro, vari negozi di alimentari, arredamento e abbigliamento segnalano una redditività insoddisfacente.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

20/10/2020

Decisione chiara della Giunta esecutiva: i Mercatini di Natale sono da cancellare

La Giunta esecutiva dell’Unione si esprime con chiarezza contro l’allestimento dei Mercatini di Natale di quest’anno. A deciderlo all’unanimità, dopo una lunga discussione, è stato lunedì, 19 ottobre 2020 il massimo organo rappresentativo ...
 
 

19/10/2020

Regola 1/5: limitazione del numero di clienti nei negozi

Dato l’aumento dei controlli e delle sanzioni da parte delle autorità, ricordiamo ai nostri associati che, negli ambienti commerciali, è permesso ammettere solo un numero limitato di clienti. La regola da seguire è quella 1/5 (5 metri quadrati per ...
 
 

15/10/2020

Etichettatura dei prodotti di pelletteria

Nuove disposizioni in materia di utilizzo dei termini “cuoio”, “pelle” e “pelliccia” o loro sinonimi e la relativa disciplina sanzionatoria: Il Decreto legislativo 9 giugno 2020, n. 68, in vigore dal 24 ottobre 2020, reca disposizioni relative ...
 
 

12/10/2020

Calano gli acquisti di domenica

Gli ultimi mesi l’hanno messo chiaramente in evidenza: l’apertura dei negozi alla domenica non è più una necessità, sottolinea l’Unione. “Nelle domeniche aperte non si fanno quasi più acquisti e, ciononostante, le persone vivono ugualmente e sono ...