Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
02/10/2019

Nuovo direttivo dei librai nell’Unione: comunicare meglio il nostro valore aggiunto

Da sin. Patrick Pircher, Marion Rigo, Susanne Valtiner e Rainer Schölzhorn. In foto manca Andreas von Mörl.
I librai altoatesini nell’Unione hanno rinnovato il proprio direttivo. Susanna Valtiner della libreria Buchladen Lana è stata confermata alla presidenza. Nuovo è invece il vicepresidente, Patrick Pircher della libreria Athesia. Gli altri membri del direttivo sono Marion Rigo, libreria Athesia, Rainer Schölzhorn, libreria Alte Mühle a Merano e Andreas von Mörl, libreria A. Weger a Bressanone.

“Lottiamo ancora con gli appalti pubblici, perché le commesse vengono assegnate solo sulla base dell’offerta più bassa”, afferma la presidente Valtiner. “Dobbiamo rimanere concentrati sull’argomento: così come capita per il settore alimentare, dove vengono privilegiati criteri come sostenibilità, brevi trasporti e scarso impatto ambientale, anche gli appalti nel nostro settore dovrebbero tenere maggior conto di fattori di qualità”, chiarisce Valtiner.

Nell’ambito dell’assemblea dei soci sono stati affrontati alcuni interessanti argomenti. Il contatto con le scuole e il personale docente è di estrema importanza per spiegare le ragioni per le quali abbia senso ordinare un libro presso un negozio locale e non solo su Amazon o altri offerenti online. Un compito difficile, perché il libro è sempre lo stesso, che si ordini in una libreria o presso un rivenditore online.

“Dobbiamo trasmettere meglio il nostro valore aggiunto. In molte località i nostri negozi rappresentano un apprezzato punto d’incontro, organizziamo letture e presentazioni di autori – tutte attività che Amazon non può ovviamente offrire. A livello politico dobbiamo mantenere alta la pressione, perché non si tratta solo della sopravvivenza di un negozio. In Alto Adige le librerie, insieme alle biblioteche, sono luoghi di cultura e di incentivazione alla lettura e linguistica”, conclude Valtiner.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

15/09/2020

Finalmente sussidi per i settori più colpiti dalla crisi

Fino a oggi il settore dei viaggi e degli eventi in Alto Adige, con i relativi collaboratori, aveva estrema necessità di interventi per assicurare la propria esistenza. “Per le agenzie viaggi e per i prestatori di servizi per eventi l’attuale crisi ...
 
 

14/09/2020

Raddoppiata l’esenzione fiscale per i beni ceduti ai collaboratori

Il limite per l’esenzione fiscale per i beni ceduti ai collaboratori (“fringe benefits”) è stato raddoppiato: con il “Decreto Agosto”, e solo per il periodo d’imposta 2020, l’importo del valore di beni ceduti e servizi erogati dalle ...
 
 

09/09/2020

Sì ai Mercatini di Natale con nuovi contenuti e progetti

“Gravemente negligente”: così l’Unione definisce l’invito di un’organizzazione sindacale di lingua tedesca di non tenere, per quest’anno, i tradizionali Mercatini di Natale, a grave danno dell’attrattività e della vitalità dei paesi e città ...
 
 

07/09/2020

La follia logistica nel commercio online

Le restituzioni – cioè le merci ordinate online e, semplicemente, rispedite indietro gratuitamente – sono una componente fondamentale del modello commerciale delle vendite online, generando però un enorme carico di lavoro e costi altrettanto ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Christine Walzl

Categorie
Segretaria di categoria
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 514
E-mail:
Bozen