Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
03/09/2018

Nuove aziende in Alto Adige: Servizi e commercio nelle prime posizioni

“Formare, trovare e attirare i collaboratori qualificati”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser
Delle 883 aziende di nuova creazione nate in Alto Adige nella prima metà del 2018, oltre un terzo (il 37 percento) sono attive nel settore dei servizi, una percentuale che le colloca in testa alla classifica. Al terzo posto troviamo anche il commercio, con il 17 percento. L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige si mostra soddisfatta di questa evoluzione: “I prestatori di servizi, con la loro varietà, restano, come in passato, il settore più dinamico dell’Alto Adige”, spiega il presidente dell’Unione Philipp Moser. A livello provinciale l’Unione rappresenta numericamente il maggiore raggruppamento di aziende dei più diversi comparti dei servizi.

“È pertanto evidente l’importanza di rendere l’Alto Adige una location economica attrattiva, efficiente e interessante per le aziende dei servizi, le quali, partendo da qui, operano e servono i mercati di tutta Europa”, aggiunge la presidente dei prestatori di servizi nell’Unione Barbara Jäger, che evidenzia come ci sia particolare bisogno di agire nel reperimento, nell’attrazione e nella formazione dei collaboratori. Come ha messo chiaramente in luce il recente studio sui prestatori di servizi realizzato dall’Ire, in Alto Adige si registrerà un sempre maggiore fabbisogno di forza lavoro altamente qualificata.

Jäger punta il dito anche su un altro aspetto: “Con il tempo, in Alto Adige si sono resi disponibili – a livello altamente professionale – i più vari servizi, tanto da rendere possibile l’assegnazione di incarichi a ditte locali a tutto favore dei circuiti economici locali e del rafforzamento delle imprese sul territorio”.

Per quanto invece riguarda il settore commercio, il presidente dell’Unione Moser si dice sicuro del fatto che i recentissimi sviluppi di legge relativamente all’esercizio del commercio al dettaglio nei centri abitati e nelle zone produttive abbiano contribuito ad aumentare la certezza del diritto e la capacità di programmazione – stimolando di conseguenza anche la creazione di nuove imprese. “Un imprenditore è così in grado di sapere cosa può fare e cosa no, programmando pertanto la propria attività o mettendo in cantiere nuove aperture o sviluppi di quelle già esistenti”, conclude Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

13/06/2019

Dal 1° luglio invio telematico dei corrispettivi giornalieri, l’Unione chiede una proroga

Come noto, in Italia, a partire dal 1° gennaio 2020, i commercianti al dettaglio e i soggetti assimilati, dovranno memorizzare elettronicamente, e quindi trasmettere telematicamente all’Agenzia delle entrate, i dati relativi ai corrispettivi ...
 
 

11/06/2019

Idee, la valuta del futuro

Lo scorso anno diversi incontri di networking del settore pubblicitario, workshop strategici e una serie di interventi formativi specifici e di alto livello sono stati gli eventi al centro dell’attività del settore creativo dell’Alto Adige. In ...
 
 

11/06/2019

Shopping serale, tutte le date disponibili

Le serate dello shopping, con i loro variopinti programmi di contorno, animano le estati di numerosi paesi e città di tutto l’Alto Adige. Alla loro organizzazione contribuiscono l’Unione e tutta un’altra serie di associazioni, enti e imprenditori ...
 
 

05/06/2019

Sentenza del Tar nel caso della drogheria a Brunico

L’Unione accoglie con favore la pubblicazione della recente sentenza del Tribunale amministrativo di Bolzano (sentenza nr. 128/2019) sul caso della drogheria aperta nell’estate del 2018 nella zona produttiva di Brunico. Si ricorda che la drogheria ...