Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
15/01/2019

Nuova Giunta provinciale : soddisfazione dell’Unione con una sola pecca

“Sinergia promettente con i temi della formazione e del lavoro – Non ottimale, invece, la suddivisione dell’area economica”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser
In una prima presa di posizione l’Unione esprime grande soddisfazione riguardo la formazione della nuova Giunta provinciale e la relativa attribuzione delle competenze, che mostra però una pecca, cioè il fatto che l’area economica non sia più gestita da un unico assessorato.

“Abbiamo avuto piena fiducia nel presidente della Giunta provinciale Arno Kompatscher, che finora era responsabile per il nostro settore commercio e servizi. E abbiamo avuto piena fiducia in lui anche per quanto riguarda la nuova attribuzione della competenze, sicuri del fatto che, per l’assessorato all’economia, avrebbe scelto una persona capace di comprendere le nostre esigenze così come avvenuto fino ad ora”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser. Con Philipp Achammer quale nuovo assessore provinciale, inoltre, le sinergie con i campi della formazione e del lavoro appaiono più che promettenti.
 
“Sia a Roma che in Alto Adige, la scorsa legislatura ha visto la politica provinciale in grado di raggiungere e concretizzare sul territorio molti risultati a favore del nostro settore. Speriamo che questa buona collaborazione possa essere portata avanti per i prossimi cinque anni anche con il nuovo assessore provinciale”, aggiunge Moser, che considera anche estremamente positivo il fatto che il settore innovazione rimanga prioritario e, di conseguenza, sotto il diretto controllo del presidente della Giunta.

L’Unione si rammarica invece che il turismo sia stato separato dagli altri settori economici. “Negli anni scorsi si sono visti i vantaggi di amministrare l’economia nel suo complesso da un unico assessorato. Ora trattare temi di interesse economico generale non sarà certo facile come prima”, conclude il presidente dell’Unione Philipp Moser.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

21/08/2019

Il teatro dei burattini a Roma è la morte dell’economia

L’Italia è sottoposta alla minaccia di un aumento dell’aliquota IVA dall’attuale 22 al 25,2 percento. Un incremento che si avvertirebbe con particolare forza in un territorio di confine come Alto Adige, afferma con preoccupazione l’Unione commercio ...
 
 

20/08/2019

L’Unione assiste le aziende della gastronomia coinvolte nel contenzioso

Si è svolta lo scorso febbraio, presso il tribunale di Genova, la prima riunione delle aziende creditrici di QUI! Group Spa, la società di emissione degli omonimi buoni pasto utilizzati su tutto il territorio nazionale, Alto Adige compreso, in ...
 
 

14/08/2019

Nuova regolamentazione dei saldi di fine stagione in Alto Adige

L’Unione auspica una nuova regolamentazione nel processo di scelta delle date dei saldi di fine stagione in Alto Adige. Le svendite stagionali, di norma, durano 6 settimane e prendono il via già a inizio luglio ovvero gennaio. “Le date di inizio ...
 
 

12/08/2019

Gli editori nell’Unione organizzano il Bazar dei libri a Bolzano

Dal 15 agosto, in piazza Walther a Bolzano, si potranno acquistare libri interessanti a prezzo di favore. Dopo il grande successo degli anni scorsi, gli editori nell’Unione, in collaborazione con il Comune di Bolzano, tornano nuovamente a ...