18/11/2021

Novità nella regolamentazione del commercio al dettaglio nelle zone produttive

Il presidente Philipp Moser: “Premessa necessaria per un corretto sviluppo urbano in Alto Adige!”

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige accoglie con favore le novità nella regolamentazione del commercio al dettaglio nelle zone produttive. La Giunta provinciale, in occasione dell’ultima seduta, ha deliberato in merito ai requisiti necessari per l’esercizio del commercio al dettaglio nelle zone produttive e ai beni ammessi alla vendita. Alla base della delibera ci sono due norme: l’ordinamento del commercio (LP 12/2019) e la legge provinciale all’urbanistica e paesaggio (LP 9/2018).

“Noi continuiamo a puntare con decisione allo sviluppo urbano. E continuiamo anche a seguire il principio secondo il quale il commercio al dettaglio possa essere esercitato principalmente nei centri urbani e nelle zone residenziali, e che nelle zone produttive sia ammesso solo per precise eccezioni – come i beni ingombranti”, afferma soddisfatto il presidente dell’Unione Philipp Moser. L’associazione di categoria ha contribuito concretamente all’elaborazione della nuova norma.

“Nonostante tutta la digitalizzazione i paesi e città dell’Alto Adige vivono della propria attrattività e vitalità, nonché delle frequenze delle persone, che vi si muovono e vi sostano. Sono loro che garantiscono che, anche in futuro, vi si potranno insediare non solo giovani famiglie, ma anche imprenditrici e imprenditori in grado di creare posti di lavoro e valore aggiunto. Affinché questa caratteristica dei nostri centri urbani sia preservata, garantendo l’attrattività per le persone, servono le necessarie condizioni normative, come ad esempio la nuova regolamentazione relativa alle zone produttive”, aggiunge Moser.

L’Unione è attualmente impegnata in materia di sviluppo urbano e punta a far sì che nei maggiori Comuni sia presente una persona di riferimento in ambito politico per il tema dello sviluppo urbano. Per dotare questi responsabili locali in ambito politico, ma anche turistico, del necessario bagaglio di competenze, l’Associazione ha dato vita all’Accademia dell’Unione per lo sviluppo urbano.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

03/12/2021

I commercianti ambulanti nell’Unione tracciano un bilancio con alti e bassi

I commercianti ambulanti nell’Unione tracciano un bilancio di fine anno: “Anche la passata stagione del commercio ambulante in Alto Adige deve essere descritta come altalenante. L’unico aspetto positivo è che i mercati di approvvigionamento ...
 
 

30/11/2021

Shopping d’Avvento: “Il fascino del Natale – Brunico” con grande gioco a premi

Come speciale iniziativa per sostenere la vitalità del centro storico di Brunico, durante l’Avvento di quest’anno, il locale gruppo comunale dell’Unione in collaborazione con l’associazione turistica di Brunico e i partner Cassa Raiffeisen Brunico ...
 
 

29/11/2021

L’Unione organizza visite aziendali per studenti con background migratorio:

Tra i progetti per i giovani dell’Unione sono comprese anche le visite aziendali per giovani e studenti. In questo campo l’associazione intende porsi come punto di contatto tra futuri professionisti e locale mondo del lavoro. “Il commercio, i ...
 
 

24/11/2021

Gestori di centri fitness e aziende del settore salute: “Perso più del 50 percento del fatturato”

Dopo che, nelle scorse settimane e mesi, molte aziende dell’economia altoatesina avevano potuto tornare a una situazione di quasi normalità, le palestre e i centri fitness sono ancora costrette a lottare contro estese limitazioni e gravi difficoltà ...