Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
08/03/2019

Mettere in primo piano consulenza, competenza e gestione dell’assortimento

Il presidente dei negozi specializzati bio nell’Unione Hannes Desaler.
“Formazione, comunicazione e collaborazione sono al centro dell’attività dei negozi specializzati bio dell’Alto Adige”, ha assicurato Hannes Desaler, presidente della categoria nell’Unione in occasione della recente Assemblea generale tenutasi a Bolzano. Lo scorso anno si è concluso con successo il corso di formazione per venditori/trici bio. Il prossimo corso dovrebbe tenersi nel 2020. Quest’anno, invece, sarà organizzato un ulteriore corso dedicato alla cosmetica naturale. Saranno inoltre portate avanti diverse iniziative collettive, come degustazioni nei singoli negozi, e dovrebbero essere offerti ai clienti dei sacchetti in cotone per la frutta e la verdura.

Nell’ambito dell’annuale Assemblea generale si è discusso delle nuove sfide del commercio specializzato. “Il mercato del biologico si trova attualmente a un punto di svolta: i grandi gruppi del commercio al dettaglio stanno spingendo con forza sul mercato degli alimenti bio. Il timore è che, dopo un breve periodo di adattamento, questi grandi soggetti diano vita a una battaglia senza scrupoli sul fronte dei prezzi”, hanno sottolineato i rappresentanti dei negozi specializzati bio.

“Noi disponiamo di ciò che serve per non farci schiacciare. Dobbiamo puntare con ancora maggiore impegno sui nostri punti di forza: consulenza, competenza e gestione dell’assortimento, così da entusiasmare i nostri clienti e fidelizzarli verso i nostri negozi”, ha ribadito Desaler.

Al termine dell’incontro si è anche parlato delle nuova legge per l’assistenza alla persone con celiachia che dovrebbe entrare in vigore in aprile e che contiene delle importanti novità: come, per esempio, la nuova determinazione dei relativi redditi non imponibili, che prevedono diverse categorie e tra l’altro anche una differenza tra donne e uomini. “Un fatto, che la nostra categoria ritiene assurdo, perché discriminatorio. Ulteriori informazioni sono disponibili nelle relative aziende convenzionate con l’Azienda sanitaria dell’Alto Adige.“
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

23/10/2020

Il futuro del commercio su aree pubbliche in grave pericolo

Nell’ultima ordinanza d’urgenza del presidente della Giunta provinciale è previsto che, in materia di mercati di rilevanza comunale, i sindaci possano adottare ulteriori misure restrittive. “I commercianti ambulanti non sono disposti a fare da capro ...
 
 

22/10/2020

“Grande preoccupazione!”: L’Alto Adige dichiarata zona a rischio

“Non vorrei pronunciare la parola catastrofe, ma la preoccupazione è sicuramente grande”, questo il primo commento del presidente dell’Unione Philipp Moser circa l’annunciato avvertimento relativo ai viaggi verso l’Alto Adige da ...
 
 

20/10/2020

Decisione chiara della Giunta esecutiva: i Mercatini di Natale sono da cancellare

La Giunta esecutiva dell’Unione si esprime con chiarezza contro l’allestimento dei Mercatini di Natale di quest’anno. A deciderlo all’unanimità, dopo una lunga discussione, è stato lunedì, 19 ottobre 2020 il massimo organo rappresentativo ...
 
 

15/10/2020

Laives: per un centro urbano vivo, vitale e attrattivo

A Laives, le molte aziende piccole e a conduzione familiare del commercio al dettaglio, della gastronomia, dei servizi e dell’artigianato, non garantiscono solo la varietà dell’offerta e la vitalità della città, ma soddisfano anche ...