Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
16/06/2020

Manca il denaro per gli affitti: il credito d’imposta offre una boccata d’aria

L’Unione: “7.550 aziende sono state colpite dalla chiusura obbligatoria”

Questa primavera sono state ben 7.550 le aziende altoatesine del commercio e della gastronomia costrette a tenere chiuso per 60 giorni. Molte di queste aziende sono in affitto nei propri locali commerciali. Oltre a ciò, sono rimaste chiuse anche molte aziende di servizi con contatto diretto con i clienti – come le agenzie viaggi – e molti altri prestatori di servizio, come consulenti aziendali, prestatori di servizi per eventi o pubblicitari, cui era consentito tenere aperto non hanno comunque avuto occasione di guadagno.

“È chiaro che, a causa di questa prolungata chiusura obbligatoria, sono venuti a mancare i guadagni e, di conseguenza, anche il denaro per far fronte ai costi correnti come l’affitto”, spiega l’Unione. Per molte aziende si tratta di un aspetto sempre più difficile da affrontare.

“Accogliamo quindi con soddisfazione il fatto che il ‘Decreto rilancio’ (Decreto legge n. 34/2020) preveda, per gli affittuari, la misura di sostegno del credito d’imposta per i canoni di locazioni di tutti gli immobili ad uso non abitativo e utilizzati per l’attività di impresa”, spiega il presidente dell’Unione Philipp Moser. Il credito può essere compensato tramite F24.

Il credito d’imposta è commisurato all’importo dei canoni dei mesi di marzo, aprile e maggio (aprile, maggio e giugno per le strutture turistico-ricettive con attività solo stagionale) ed è pari al:

  • 60 per cento dell’ammontare mensile del canone di locazione, leasing o concessione di tutti gli immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all’esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo,
  • 30 per cento in caso di contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d’azienda, comprensivi di almeno un immobile a uso non abitativo.

Il credito spetta a condizione che:
  • i ricavi/compensi 2019 siano inferiori a 5 milioni di euro (non richiesto per le strutture alberghiere e agrituristiche),
  • il conduttore abbia subito un calo di almeno il 50 per cento del fatturato nel mese di riferimento (non solo per le attività sospese).
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

30/11/2020

Black Monday” in Alto Adige - Appello dell’Unione: “Acquistare localmente”

I numeri relativi a Black Friday e Cyber Monday lo dimostrano chiaramente: a fronte di una crescita degli affari online, si registra un calo delle frequenze dei clienti nei negozi. Nella sola Baviera, in questi due giorni, il commercio online ha ...
 
 

28/11/2020

Dal 30 novembre riaprono alcune attività

Il presidente della Giunta provinciale Arno Kompatscher ha sottoscritto l’ordinanza d’urgenza n. 73. Le principali misure:

- L’intero settore del commercio al dettaglio può riaprire a partire da lunedì, 30 novembre.
 
 

27/11/2020

“Black Monday” in Alto Adige: Cosa succederebbe se si spegnesse la luce nei negozi?

Lunedì, 30 novembre, in Alto Adige, è il “Black Monday”. Con questa iniziativa, l’Unione intende attirare l’attenzione della collettività sul significato del commercio nelle città, nei quartieri e nei paesi e mostrare cosa ...
 
 

26/11/2020

Live stream dell’Unione: Commercio online e condizioni generali di vendita

Martedì, 1 dicembre dalle ore 13:00 alle 13:30 si svolgerà in via esclusiva per tutti gli associati all'Unione il livestream in lingua tedesca dal titolo "Commercio online e condizioni generali di ...