Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
01/08/2019

Maggiore considerazione per gli interpreti altoatesini

Attenzione focalizzata sul problema delle gare di appalto – L’Associazione di categoria l’assessore provinciale

Soddisfatti dell’incontro: da sinistra l’assessore provinciale Philipp Achammer, la presidente dell’AIB Ulrike Egger, Evelyn Tarasconi, Evi Dalcomune e la capoarea delle categorie nell’Unione Lorena Sala
“Il mondo dell’economia altoatesina apprezza i nostri servizi. Nell’Amministrazione pubblica invece molti incarichi vengono aggiudicati secondo il criterio dell’offerta economica più vantaggiosa a offerenti da fuori provincia. Non siamo più in grado di tenere il passo con questi prezzi bassi“, sottolinea l’Associazione interpreti Bolzano AIB, che fa parte dell’Unione.

Per illustrare la problematica ai politici competenti in materia e segnalare la necessità di un intervento, una delegazione dell’AIB, guidata dalla presidente Ulrike Egger, ha incontrato recentemente l’assessore ai servizi e alla cultura tedesca Philipp Achammer.

“La lingua in Alto Adige soffre per la carente qualità delle traduzioni. In effetti, molte traduzioni tedesche non sono tedesche, ma semplicemente testi italiani tradotti. Le scarse conoscenze di base culturali compromettono la qualità delle traduzioni, una situazione che vorremmo cambiare“, dichiara Evelyn Tarasconi, da molti anni membro del Direttivo AIB. “Gli interpreti simultanei e i traduttori – perlopiù liberi professionisti o ditte individuali – svolgono un ruolo importante in Alto Adige. Non si tratta solamente di mediatori linguistici ma anche di mediatori culturali. Il nostro punto di forza è la conoscenza della lingua, della cultura, della storia e delle peculiarità dell’Alto Adige.“

L’affidamento degli incarichi pubblici in Alto Adige avviene mediante il Mercato elettronico della provincia (MEPAB) che prevede dal 2017 il cosiddetto catalogo dei “servizi linguistici per le amministrazioni pubbliche in Alto Adige“. Può iscriversi a questo catalogo chi dichiara di soddisfare determinati requisiti, come ad esempio la conoscenza delle abitudini linguistiche regionali o delle particolarità linguistiche, culturali e amministrative della Provincia.

“Il problema sorge perché questi requisiti dovrebbero assicurare in via teorica che gli incarichi siano affidati a traduttori e interpreti che conoscono le peculiarità linguistiche e culturali della nostra provincia“, sottolinea Evi Dalcomune, membro del Direttivo. In pratica, però, i lavori vengono affidati a offerenti che non soddisfano i suddetti requisiti. “Le domande di iscrizione al catalogo andrebbero verificate da persone competenti in materia“.

All’assessore provinciale Achammer, che condivide pienamente le richieste dell’Associazione di categoria, è stato consegnato un promemoria che elenca una serie di misure di miglioramento per l’aggiudicazione degli incarichi da parte dell’Amministrazione pubblica.

L’Associazione interpreti Bolzano è stata fondata nel 1986 per tutelare gli interessi degli interpreti. Lo scopo prioritario dell’Associazione è quello di promuovere la qualità dei servizi di interpretariato in convegni e congressi in Alto Adige.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

18/02/2020

Novità: posticipato l’inizio dei saldi estivi in Alto Adige

Una notizia quasi storica per il commercio al dettaglio in Alto Adige e le abitudini d’acquisto: la Giunta camerale della Camera di commercio di Bolzano ha recentemente deciso di posticipare di due settimane l’inizio dei saldi di fine stagione ...
 
 

07/02/2020

I librai nell’Unione incontrano l’assessore Achammer

I librai nell’Unione si sono recentemente incontrati con l’assessore provinciale all’economia Philipp Achammer con lo scopo di sottoporre le necessità della categoria e discutere di alcuni temi di grande importanza, tra cui l’assegnazione di ...
 
 

04/02/2020

Mobilità a Bolzano e dintorni, l’Unione incontra la SVP comunale

“Una mobilità più fluida e una buona raggiungibilità del capoluogo sono aspetti centrali per l’anno in corso che influenzeranno in maniera massiccia lo sviluppo di Bolzano e delle aziende che vi risiedono”, afferma Simone Buratti, fiduciario ...
 
 

03/02/2020

Divieti di circolazione crescenti sull’asse del Brennero

Il settore del commercio all’ingrosso nell’Unione reagisce con disaccordo all’annuncio dei responsabili politici del Tirolo di intensificare ulteriormente le misure di limitazione della circolazione delle merci su TIR lungo l’asse del Brennero. Con ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott.ssa Lorena Sala

Categorie
Capoarea
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 512
E-mail: