Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
29/11/2019

Lotteria degli scontrini dal 1° gennaio 2020 – Un caos programmato

L’Unione critica: “Prorogare l’avvio e semplificare le procedure!”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
Dal 1° gennaio 2020 lo Stato italiano vuole introdurre una nuova lotteria nazionale. A partire da questa data i commercianti al dettaglio e i soggetti assimilati, dovranno memorizzare elettronicamente, e quindi trasmettere telematicamente all’Agenzia delle entrate, i dati relativi ai corrispettivi giornalieri, spiega l’Unione. Nell’ambito della trasmissione telematica è previsto che ogni cliente che ha speso almeno un euro possa partecipare con il relativo scontrino all’estrazione di una lotteria di Stato che prevede una vincita massima di 1 milione di euro.

“Questo perlomeno è il programma dello Stato, ma l’attuazione operativa è tutt’altro che chiara, semplice e ben ponderata. Il caos è assicurato”, dichiara stizzito il presidente dell’Unione Philipp Moser facendo riferimento all’enorme onere di lavoro per gli esercenti.

Da un lato, per partecipare al gioco a premi ogni cliente deve avere un codice lotteria individuale non potendo per motivi di privacy utilizzare, come previsto in origine, il proprio codice fiscale. Questo codice andrebbe inserito dal commerciante per ogni singola operazione di pagamento - che spesso deve avvenire molto velocemente. Dall’altro gli attuali sistemi di cassa non sono in grado di eseguire questa operazione. “Alla fine tutta questa faccenda sarà causa di malumore e irritazione sia per i clienti che per gli esercenti”, critica Moser.

“L’idea che sta alla base del nuovo progetto, ovvero di combattere l’evasione fiscale, è giustificata. L’attuazione operativa non dovrebbe tuttavia comportare ulteriori oneri per gli operatori economici”, ammonisce il presidente dell’Unione.

Una possibile ipotesi è quella di consentire la partecipazione alla lotteria soltanto ai clienti che pagano con bancomat o carta di credito. In tal caso i dati del rispettivo cliente sarebbero già identificati. Ciò però necessiterebbe di un’interfaccia con il registratore di cassa per poter individuare il cliente pagante che partecipa al gioco a premi.

Per questo motivo, insieme all’Associazione nazionale di riferimento Confcommercio, l’Unione richiede una proroga dell’avvio della lotteria e la semplificazione delle relative procedure. Chiede inoltre che vengano fornite istruzioni precise e indicazioni in merito ai tempi di attuazione per la conversione e l’adeguamento operativo dei registratori di cassa.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

29/10/2020

e-commerce: “Basta con l’attuale Far West!”

Per l’Unione rappresenta una dichiarazione di bancarotta internazionale: l’introduzione di una web tax per i giganti del commercio online, prevista entro il 2020, è stata posticipata al 2021.

“Alcuni giorni fa l’Organizzazione ...
 
 

28/10/2020

Assemblea generale ed elezioni per l’Associazione mediatori dell’Alto Adige

Attualmente, in Alto Adige, nel Registro delle imprese sono iscritte 359 aziende con attività di intermediazione. Di recente, presso la Cantina Merano, e sotto la guida del presidente uscente Herbert Arquin, si è tenuta l’annuale assemblea generale ...
 
 

26/10/2020

Covid-19, misure più restrittive in Alto Adige

Da lunedì 26 ottobre 2020 e fino a martedì 24 novembre 2020 è in vigore una nuova ordinanza d’urgenza del Presidente della Giunta provinciale (vedi in fondo alla pagina sotto i download) in tutto il territorio provinciale con misure ...
 
 

26/10/2020

Nuova fase con la nuova ordinanza d’urgenza

“La nuova ordinanza d’urgenza della Provincia va nella direzione giusta. Dobbiamo proseguire con l’attività dei tre pilastri economia, lavoro e scuola, seppure in una forma leggermente ridotta. Meglio attenersi ora a regola più ...