Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
25/07/2019

Le restituzioni nel commercio online diventano un problema

L’Unione: “Serve urgentemente un ripensamento verso uno shopping consapevole”

Diversi studi hanno rilevato che, in media, un articolo di moda su cinque acquistato online viene restituito dal cliente. E un compratore su due ordina diverse taglie con la prospettiva di restituire la merce che non dovesse andar bene. Per l’Unione questi risultati forniscono uno spunto di riflessione e spingono all’azione. “Questi studi confermano fondamentalmente ciò che vediamo ogni giorno tutti con i nostri occhi, quando ci muoviamo nei nostri centri urbani e storici: innumerevoli furgoni per le consegne che dominano il traffico da mattina a sera arrivando addirittura a caratterizzare l’immagine urbana”, descrive la situazione il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Per molti acquirenti, soprattutto nel settore dell’abbigliamento e delle calzature, la restituzione della merce comprata online è diventata col tempo la normalità. “I furgoni delle consegne intasano le nostre strade, creano traffico senza senso e per giunta creano pessime condizioni di lavoro per i fattorini. Un ripensamento e un intervento nelle abitudini di consumo appaiono quindi necessari – con l’obiettivo di indirizzare i clienti verso acquisti più consapevoli”, afferma Moser.

Tutto questo, naturalmente, può essere ottenuto solo se i clienti si vedranno addebitata anche una parte del costo di restituzione della merce. “Una sorta di contributo ambientale che il commerciante in definitiva deve versare alla mano pubblica e che potrebbe così richiedere al cliente in caso di restituzione”, propone l’Unione. “Porteremo avanti questo tema presso le istituzioni e associazioni competenti, così come alla nostra associazione nazionale di riferimento Confcommercio, cercando l’appoggio necessario. Siamo consapevoli che il problema non può essere risolto localmente e che servono soluzioni che superino il livello provinciale. Ma serve pur sempre qualcuno che dia la prima spinta”, si dice convinto il presidente dell’Unione.

Le restituzioni non sono problematiche solo dal punto di vista della politica ambientale, ma sono costose e impegnative anche per il commerciante online. Ogni articolo restituito, infatti, genera in media dieci euro di costo – per la ricezione, la verifica e il controllo di qualità della merce restituita o, addirittura, lo smaltimento, perché una parte non trascurabile della merce restituita deve essere eliminata.
 
Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

23/10/2020

Il futuro del commercio su aree pubbliche in grave pericolo

Nell’ultima ordinanza d’urgenza del presidente della Giunta provinciale è previsto che, in materia di mercati di rilevanza comunale, i sindaci possano adottare ulteriori misure restrittive. “I commercianti ambulanti non sono disposti a fare da capro ...
 
 

22/10/2020

“Grande preoccupazione!”: L’Alto Adige dichiarata zona a rischio

“Non vorrei pronunciare la parola catastrofe, ma la preoccupazione è sicuramente grande”, questo il primo commento del presidente dell’Unione Philipp Moser circa l’annunciato avvertimento relativo ai viaggi verso l’Alto Adige da ...
 
 

20/10/2020

Decisione chiara della Giunta esecutiva: i Mercatini di Natale sono da cancellare

La Giunta esecutiva dell’Unione si esprime con chiarezza contro l’allestimento dei Mercatini di Natale di quest’anno. A deciderlo all’unanimità, dopo una lunga discussione, è stato lunedì, 19 ottobre 2020 il massimo organo rappresentativo ...
 
 

15/10/2020

Laives: per un centro urbano vivo, vitale e attrattivo

A Laives, le molte aziende piccole e a conduzione familiare del commercio al dettaglio, della gastronomia, dei servizi e dell’artigianato, non garantiscono solo la varietà dell’offerta e la vitalità della città, ma soddisfano anche ...