Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
25/07/2019

Le restituzioni nel commercio online diventano un problema

L’Unione: “Serve urgentemente un ripensamento verso uno shopping consapevole”

Diversi studi hanno rilevato che, in media, un articolo di moda su cinque acquistato online viene restituito dal cliente. E un compratore su due ordina diverse taglie con la prospettiva di restituire la merce che non dovesse andar bene. Per l’Unione questi risultati forniscono uno spunto di riflessione e spingono all’azione. “Questi studi confermano fondamentalmente ciò che vediamo ogni giorno tutti con i nostri occhi, quando ci muoviamo nei nostri centri urbani e storici: innumerevoli furgoni per le consegne che dominano il traffico da mattina a sera arrivando addirittura a caratterizzare l’immagine urbana”, descrive la situazione il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Per molti acquirenti, soprattutto nel settore dell’abbigliamento e delle calzature, la restituzione della merce comprata online è diventata col tempo la normalità. “I furgoni delle consegne intasano le nostre strade, creano traffico senza senso e per giunta creano pessime condizioni di lavoro per i fattorini. Un ripensamento e un intervento nelle abitudini di consumo appaiono quindi necessari – con l’obiettivo di indirizzare i clienti verso acquisti più consapevoli”, afferma Moser.

Tutto questo, naturalmente, può essere ottenuto solo se i clienti si vedranno addebitata anche una parte del costo di restituzione della merce. “Una sorta di contributo ambientale che il commerciante in definitiva deve versare alla mano pubblica e che potrebbe così richiedere al cliente in caso di restituzione”, propone l’Unione. “Porteremo avanti questo tema presso le istituzioni e associazioni competenti, così come alla nostra associazione nazionale di riferimento Confcommercio, cercando l’appoggio necessario. Siamo consapevoli che il problema non può essere risolto localmente e che servono soluzioni che superino il livello provinciale. Ma serve pur sempre qualcuno che dia la prima spinta”, si dice convinto il presidente dell’Unione.

Le restituzioni non sono problematiche solo dal punto di vista della politica ambientale, ma sono costose e impegnative anche per il commerciante online. Ogni articolo restituito, infatti, genera in media dieci euro di costo – per la ricezione, la verifica e il controllo di qualità della merce restituita o, addirittura, lo smaltimento, perché una parte non trascurabile della merce restituita deve essere eliminata.
 
Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

09/07/2020

“Ottimismo, atteggiamento positivo, tenacia e lungo respiro”

Al centro della tradizionale “Giornata dei prestatori di servizi” che si è tenuta a mezzogiorno di oggi (giovedì, 9 luglio 2020) per la prima volta in versione virtuale, è stato posto il motto “Non mollare – La tenacia imprenditoriale”: il noto ...
 
 

07/07/2020

Nuove norme per le aperture domenicali e festive nel vicino Trentino

La Provincia Autonoma di Trento ha recentemente emanato una legge provinciale con la quale ha rinnovato la regolamentazione degli orari di apertura reintroducendo le chiusure domenicali e festive. La legge provinciale trentina prevede una chiusura ...
 
 

03/07/2020

#ripartire significa anche shopping serale in Alto Adige

Diventati ormai parte integrante del programma estivo dell’Alto Adige, negli anni passati le circa 200 serate di shopping, con il loro vario programma di contorno, hanno animato un quarto dei centri urbani dell’Alto Adige. “Si è trattato sempre di ...
 
 

30/06/2020

“Chi vuol diventare programmatore, comincia presto a esercitarsi”

Con “Coding4Kids” un gruppo di aziende dei prestatori di servizi IT e internet nonché dei pubblicitari Target nell’Unione ha dato vita a un nuovo progetto nel panorama altoatesino. “L’obiettivo è utilizzare il periodo estivo ...