Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
26/06/2018

La nuova disciplina sui pacchetti turistici

Da sin.: Barbara Klotzner (CEC), Martin Pichler (agenzie viaggi nell'Unione), Monika Nardo (CEC)
Il 1° luglio 2018 in tutti i Paesi dell'UE entrerà in vigore la nuova direttiva sui pacchetti turistici. A partire da questa estate quindi tutta una serie di nuove regole che tengono conto dell'era digitale e delle nuove forme di prenotazione sviluppatesi negli ultimi 25 anni dovrebbero garantire maggiormente ed in maniera più moderna i viaggiatori. La novità legislativa implica tuttavia anche una maggiore complessità della materia.

Il Centro Europeo Consumatori (CEC) di Bolzano e le agenzie viaggi nell'Unione hanno illustrato le novità salienti della normativa.

“Inanzitutto diventa più ampia e complessa la definizione di pacchetto turistico”, spiega Monika Nardo del CEC. In passato, il turista prenotava un pacchetto preconfezionato dal catalogo o sul sito web di un tour operator. La nuova disciplina include ora nella definizione anche i pacchetti scelti e selezionati ad hoc in modo individuale dal viaggiatore, ad esempio le cosiddette prenotazioni “click-through”, attualmente già offerte da alcune compagnie aeree tramite i loro siti web. Un esempio di come funzionano: il viaggiatore prenota un volo su un sito web di un vettore clickando su “acquista” e pagando il prezzo. In seguito, il sito gli suggerisce di prenotare anche un'auto a noleggio. Il viaggiatore prenota quindi anche la vettura senza inserire nuovamente i propri dati personali ed i dati della carta di credito, che vengono inoltrati automaticamente dal vettore alla compagnia di autonoleggio. Dal 1° luglio questo meccanismo di prenotazione sarà considerato “pacchetto turistico” con la compagnia in veste di operatore turistico.

“Le nostre agenzie viaggi sono pronte ed organizzate per affrontare tutte le novità della normativa,” afferma Martin Pichler, presidente delle agenzie viaggi nell'Unione. “Dal 1° luglio alle agenzie viaggio incombono nuovi obblighi informativi. Le nostre agenzie si sono attrezzate: abbiamo preparato per i nostri associati i nuovi moduli informativi standard così come previsto dalla nuova legge. Con questi il cliente riceve fra l'altro tutte le informazioni relative alla protezione assicurativa in caso di insolvenza o fallimento dell'organizzatore o del venditore.” Tale assicurazione garantisce il rimborso del prezzo versato per l'acquisto del pacchetto e l'eventuale rimpatrio nonche', se necessario, il pagamento del vitto e dell'alloggio prima del rimpatrio.
 
Per i pacchetti conclusi dal 1°luglio in poi cambiano anche le modalità per i reclami in caso di mancato o inesatto inadempimento. “Per i nuovi contratti è stato depennato l'onere di reclamare per iscritto entro 10 giorni lavorativi dopo il rientro” spiega Barbara Klotzner del CEC, “e il termine di prescrizione per far valere i propri diritti passa da uno a due anni, e addirittura a tre per il danno da vacanza rovinata oltre che per i danni alla persona. Permane tuttavia – ed anzi diventa ancora più importante - l'onere di avvertire l'organizzatore, direttamente o tramite l'agenzia che ha l'obbligo di inoltrare la segnalazione) in modo tempestivo di eventuali problemi emersi durante il viaggio. Il contratto di viaggio deve a tal fine contenere i recapiti del rappresentante locale dell'organizzatore, di un punto di contatto o di un altro servizio che consenta al viaggiatore di comunicare rapidamente ed efficacemente con l'organizzatore per chiedere assistenza o per presentare un reclamo.”

Tra le novità previste vi è anche l'obbligo di inserire nel contratto le informazioni riguardo alle esistenti procedure di trattamento dei reclami e ai meccanismi di risoluzione alternativa delle controversie (ADR - Alternative Dispute Resolution) e alla piattaforma di risoluzione delle controversie online (ODR).

Sul sito web del Centro Europeo Consumatori è disponibile un nuovo foglio info contenente tutte le novità più importanti. Per maggiori informazioni potete contattare il Centro Europeo Consumatori a Bolzano scrivendo a info@euroconsumatori.org o chiamando il numero 0471-980939.

 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

18/10/2019

Legge di bilancio 2020

L’obbligo di accettare pagamenti con bancomat da parte dei clienti di esercizi commerciali, prestatori di servizi e liberi professionisti esiste in Italia fin dal 2014. Ora, però, la proposta di bilancio per il 2020 prevede una nuova e doppia ...
 
 

17/10/2019

Urbanistica, nuova legge provinciale “Territorio e paesaggio”

La nuova legge provinciale in materia di urbanistica deve entrare in vigore come previsto il 1° gennaio 2020: anche l’Unione auspica che l’entrata in vigore della nuova norma sia mantenuta come da programma. “Le aziende del settore commercio e ...
 
 

16/10/2019

Settore IT in Alto Adige: più visibilità per giovani e studenti

“Spinto dall’innovazione tecnologica globale, il mercato delle tecnologie dell’informazione si rinnova più velocemente di qualsiasi altro”, afferma il presidente dei prestatori di servizi IT e internet nell’Unione Alexander Fill in occasione del ...
 
 

15/10/2019

Assemblea generale dei panificatori nell’Unione

In occasione della Fiera Hotel si è tenuta oggi (martedì, 15 ottobre 2019) l’annuale assemblea generale dei panificatori nell’Unione. Con circa 120 aziende associate e oltre 260 punti vendita i panificatori altoatesini nell’Unione sono una ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott.ssa Petra Blasbichler

Segretaria di categoria
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 507
E-mail: