Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
20/02/2019

La Giunta esecutiva incontra l'assessore Achammer

Urbanistica, nuova legge sul commercio e sviluppo urbano i temi affrontati

Il presidente dell’Unione Philipp Moser (a des.) con l’assessore provinciale Philipp Achammer.
I membri della Giunta esecutiva, il massimo organo associativo dell’Unione, si sono recentemente incontrati per la prima volta con il nuovo assessore provinciale al commercio e servizi Philipp Achammer. All’ordine del giorno erano presenti diversi temi di attualità.

“Al centro dell’incontro sono stati posti da un lato la legge urbanistica e la limitazione del commercio al dettaglio nelle zone produttive”, spiega il presidente dell’Unione Philipp Moser. Dopo che, lo scorso anno, la Corte Costituzionale ha definitivamente estinto il procedimento contro la relativa norma altoatesina, l’esercizio del commercio al dettaglio di beni ingombranti in queste zone è stato finalmente regolamentato con chiarezza. “Ciò che la legge deve regolamentare con maggiore precisione sono gli articoli accessori permessi. Vanno inoltre definite le merci dei produttori e i prodotti delle cooperative agricole”, aggiunge Moser.

Dall’altro lato si è parlato anche della nuova legge sul commercio attualmente in elaborazione. Nella norma dovrebbe infatti essere previsto che la Camera di commercio debba esercitare una funzione di controllo relativamente all’esercizio delle attività del commercio al dettaglio nelle zone non residenziali emettendo delle perizie in merito. Anche i temi del commercio ambulante e del “commercio itinerante” dovrebbero essere regolamentati ex novo. L’assessore provinciale Achammer ha ribadito più volte che, in materia di commercio, l’Alto Adige deve percorrere la propria strada. Serve, quindi, “più coraggio per l’autonomia”.

Per quanto riguarda lo sviluppo urbano e territoriale, è necessario che commercianti e prestatori di servizi collaborino in maniera più stretta e intensiva con le locali associazioni turistiche. “In questo caso bisogna chiedersi cosa facciano le associazioni per lo sviluppo urbano e per il commercio. Le associazioni turistiche sono finanziate in gran parte tramite le imposte di soggiorno, ed è quindi sensato che anch’esse si occupino dello sviluppo territoriale”, sottolinea il presidente dell’Unione. Servirebbe quindi un regolamento per il pagamento dei contributi dei singoli settori alle associazioni turistiche valido in tutto l’Alto Adige.

Si è poi parlato anche del nuovo istituto tecnico commerciale. Con Achammer quale assessore provinciale, la rinnovata sinergia con il tema della formazione appare più promettente che mai. In tal modo l’Unione intende collaborare con l’assessore per rafforzare e ristrutturare l’offerta formativa nel settore commercio/servizi.

L’associazione e l’assessore sono della stessa opinione anche in materia di aperture domenicali e festive. Entrambi sono infatti a favore di una regolamentazione a tutela della varietà del commercio in Alto Adige. Serve tuttavia una legge locale e autonoma, che rappresenti una soluzione su misura delle necessità dell’Alto Adige.

Al termine dell’incontro gli interlocutori hanno infine concordato sull’opportunità di valorizzare il settore dei servizi nel suo sviluppo dinamico. L’Unione rappresenta la maggiore aggregazione di aziende dei più diversi ambiti dei servizi a livello provinciale.

“Nella passata legislatura la politica provinciale a Roma e in Alto Adige è stata in grado di ottenere e concretizzare importanti risultati per i nostri settori. Personalmente sono sicuro che sarà possibile portare avanti questa ottima collaborazione anche per i prossimi cinque anni, con il nuovo assessore provinciale Achammer, nel quale riponiamo la massima fiducia”, conclude Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

29/05/2020

Gli ambulanti nell’Unione: “Niente impedisce più la ripartenza”

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige e il Consorzio dei Comuni dell’Alto Adige hanno elaborato insieme delle linee guida per il commercio su aree pubbliche e per i mercati, che dovrebbero servire ad applicare in maniera condivisa i ...
 
 

27/05/2020

“Tutto fermo, difficile garantire la sopravvivenza delle aziende”

Per il settore dei viaggi e degli eventi in Alto Adige, l’attuale crisi è senza precedenti. Le agenzie viaggi e i prestatori di servizi per eventi nell’Unione uniscono le forze per richiedere l’urgente introduzione di misure di sostegno: “In questo ...
 
 

26/05/2020

Gastronomia e ore serali: le regole di comportamento sotto esame

Le attuali regole di comportamento – in primo luogo l’obbligo di mascherina e la distanza interpersonale – sono attualmente sotto esame anche da parte di una serie di centri urbani dell’Alto Adige. Come è naturale, vista anche la stagione, ad ...
 
 

22/05/2020

I mestieri nel settore IT: più visibilità per giovani e studenti

“Caratterizzato dall’innovazione tecnologica mondiale, non esiste un mercato soggetto a cambiamenti tanto rapidi come quello delle tecnologie informatiche – e ciò riguarda anche i percorsi formativi”, afferma il presidente dei prestatori di servizi ...