Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
15/03/2021

La gastronomia altoatesina a un bivio

L’Unione si occupa del pacchetto aiuti e delle possibili strategie per ripartire: “Le aziende hanno bisogno di sostegni rapidi e prospettive per la riapertura”

il rappresentante della gastronomia nell’Unione Diego Bernardi, il direttore Bernhard Hilpold e il segretario della categoria gastronomia nell’Unione Pietro Perez.
La pandemia ha colpito duramente anche la gastronomia dell’Alto Adige. “Anche se molte aziende stanno esaurendo le proprie forze, dobbiamo guardare al futuro e pensare a come potrebbe essere la ripartenza e quali delle attuali strategie dovrebbero essere ripensate”, afferma Diego Bernardi, rappresentante della gastronomia nell’Unione.

A questo proposito l’Unione ha recentemente invitato gli imprenditori del settore gastronomia a un incontro online, così da dare loro la possibilità di discutere via live stream circa la futura ripartenza.

In occasione dell’incontro il direttore dell’Unione Bernhard Hilpold ha esordito presentando le attuali misure di sostegno previste a livello provinciale e nazionale. Tra esse c’è, da un lato, il pacchetto da 380 milioni della Provincia con le sue due linee di finanziamento. Dall’altro, Hilpold ha fornito una panoramica dei finanziamenti statali in elaborazione da parte del nuovo governo di Roma per mezzo del decreto “Sostegno”.

“Indipendentemente dagli aiuti economici, che ora vanno versati rapidamente, il nostro obiettivo è quello di tornare in fretta a lavorare”, aggiunge Bernardi. Per il futuro bisogna anche riorganizzare l’offerta gastronomica e, in parte, reinventarla. “La relazione con gli ospiti e con i fornitori va rivalutata, anche dal punto di vista delle nuove abitudini diffuse tra la popolazione, come per esempio lo smart working. Vanno anche valutati con attenzione gli sviluppi dei nuovi servizi ai clienti, come la consegna a domicilio e l’asporto”, ricorda Bernardi.

La riunione online si è conclusa con le domande e i feedback dei molti associati connessi. Al centro della discussione sono stati posti temi quali le chance di finanziamento in occasione di carenza di liquidità, la cassa integrazione, le possibili strategie per riaprire il commercio e la gastronomia nonché i servizi mensa sostitutivi.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

22/04/2021

È ormai ora di far ripartire i mercati annuali in Alto Adige

In Alto Adige le stagioni con la maggiore frequenza di mercati annuali sono la primavera e l’autunno. “Fino a ora, però, non è stato purtroppo possibile tenerne nemmeno uno. Per tutto il commercio su aree pubbliche si tratta di un vero e proprio ...
 
 

21/04/2021

Strategia per la riapertura anche per i settori che necessitano di programmazione a lungo termine

“Nell’economia dell’Alto Adige ci sono settori che non possono ripartire dall’oggi al domani, ma che devono pianificare la propria attività solo a lungo termine. Pensiamo a tutto il settore altoatesino degli eventi e degli organizzatori”, afferma il ...
 
 

20/04/2021

Soluzione locale per il fondo sanitario integrativo Fondo Est

Nuove e soddisfacenti notizie per tutte le aziende e i collaboratori nel settore commercio e servizi in Alto Adige: finalmente è disponibile una soluzione speciale locale per il fondo sanitario integrativo Fondo Est.L’associazione ...
 
 

19/04/2021

Come e dove testare i collaboratori

Test antigenico rapido gratuito: Le tre postazioni di test rimanenti a Bolzano, Bressanone e Vipiteno sono state prolungate fino al 2 maggio.

Test ...