Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
04/09/2019

La drogheria a Brunico esercita commercio al dettaglio in zona produttiva

L’Unione: “Sì a un insediamento nel centro urbano o in zona residenziale”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
I media hanno recentemente dato notizia di alcune sentenze del Tribunale amministrativo di Bolzano sul caso di una drogheria nella zona produttiva di Brunico che, secondo i legali dell’azienda, rappresentano una parziale vittoria per l’attività commerciale impegnata in una causa giuridica. “Ma la realtà e diversa, anzi, del tutto opposta a quella presentata”, afferma l’Unione.

Si ricorda che la drogheria era stata aperta irregolarmente in zona produttiva nell’estate del 2018. Il Comune di Brunico aveva quindi emanato un’ordinanza di chiusura dell’attività, contro la quale l’azienda aveva presentato relativo ricorso. Il Tribunale, con la sentenza n. 128/2019, aveva respinto quest’ultimo ricorso. Ciò fa sì che alla drogheria venga a mancare qualsiasi appiglio giuridico per la prosecuzione dell’attività di commercio al dettaglio in quella posizione. E di conseguenza il Comune di Brunico ne ha ordinato la chiusura definitiva. Per quanto riguarda le summenzionate recenti sentenze, va rilevato che esse non presentano alcuna rilevanza diretta per il procedimento che, attualmente, ha raggiunto il Consiglio di Stato a Roma. Tali sentenze riguardano infatti questioni legate alla precedente attività di commercio al dettaglio.

“La questione è chiara: l’esercizio del commercio al dettaglio nelle zone produttive è regolamentato con precisione, ed è limitato ai soli beni ingombranti. Tali norme dovrebbero valere allo stesso modo per soggetti di qualsiasi ordine di grandezza, e dovrebbero pertanto essere applicate e controllate con coerenza”, spiega il presidente dell’Unione Philipp Moser.

L’Unione si dice però anche aperta al dialogo e alla ricerca di una soluzione definitiva del caso. “Noi accogliamo sempre con grande favore i nuovi insediamenti commerciali in Alto Adige, che siano grandi, medi o piccoli, se essi avvengono nei centri urbani e nelle zone residenziali. In questo modo è possibile garantire un giusto equilibrio tra piccoli e medi negozi a conduzione familiare ed esercizi della grande distribuzione. In questo senso vogliamo offrire alla drogheria il nostro aiuto per trovare una nuova location in città con l’obiettivo di arricchire ulteriormente il locale tessuto commerciale”, conclude il presidente.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

07/02/2020

I librai nell’Unione incontrano l’assessore Achammer

I librai nell’Unione si sono recentemente incontrati con l’assessore provinciale all’economia Philipp Achammer con lo scopo di sottoporre le necessità della categoria e discutere di alcuni temi di grande importanza, tra cui l’assegnazione di ...
 
 

04/02/2020

Mobilità a Bolzano e dintorni, l’Unione incontra la SVP comunale

“Una mobilità più fluida e una buona raggiungibilità del capoluogo sono aspetti centrali per l’anno in corso che influenzeranno in maniera massiccia lo sviluppo di Bolzano e delle aziende che vi risiedono”, afferma Simone Buratti, fiduciario ...
 
 

03/02/2020

Divieti di circolazione crescenti sull’asse del Brennero

Il settore del commercio all’ingrosso nell’Unione reagisce con disaccordo all’annuncio dei responsabili politici del Tirolo di intensificare ulteriormente le misure di limitazione della circolazione delle merci su TIR lungo l’asse del Brennero. Con ...
 
 

31/01/2020

Alcolici e tabacco, i cartelli gratuiti dell’Unione

La vendita e la somministrazione di bevande alcoliche a minori sotto i 18 anni nonché a persone visibilmente in stato di ubriachezza è vietata (art. 14 ter legge n. 125/2001). È altresì vietata la vendita e la somministrazione di tabacchi (decreto ...