19/03/2021

L’Unione sostiene gli sforzi per il nuovo pass vaccinale

"Premiare le persone vaccinate, testate e guarite"

L’Unione sostiene gli attuali sforzi orientati all’introduzione di un pass vaccinale a livello europeo. “Non appena si sarà vaccinato un numero sufficiente di persone, dovrebbe essere subito adottato un pass vaccinale. Le persone vogliono riavere la loro libertà di movimento e dovrebbero pertanto essere ricompensate con il pass”, spiega il presidente dell’Unione Philipp Moser. Ora, però, è il momento di andare avanti a tutto gas con le vaccinazioni!

Il pass vaccinale dovrebbe essere discusso anche in Alto Adige. Si tratta, almeno attualmente, dell’unica possibilità di ritornare relativamente in fretta – e oltre i confini provinciali – a una certa normalità nella vita e nell’economia. “Tutti godrebbero di una riapertura di commercio, gastronomia e anche del settore fitness e turismo e di una ripresa della loro attività: imprenditrici e imprenditori, tutti i collaboratori e i dipendenti e, non da ultimo, ogni singolo consumatore”, sottolinea Moser.

“Siamo un territorio di confine. Ne consegue che temi come la mobilità e la libertà di movimento sono sempre all’ordine del giorno. Con un pass vaccinale europeo potremmo tornare a muoverci liberamente e riavere indietro un grande pezzo di normalità”, aggiunge Moser.

Tuttavia, almeno finché non sarà introdotto un pass vaccinale, le persone che sono già vaccinate e possono esibire un test negativo, oppure – perché no – anche quelle guarite, dovrebbero essere subito premiate. “Per esempio i cittadini già vaccinati e le persone testate, almeno per un periodo limitato, dovrebbero poter non solo fare i propri acquisti, ma anche usufruire della gastronomia, frequentare eventi, cinema o una palestra – muovendosi liberamente in tutto l’Alto Adige”, chiarisce Moser.

“Dobbiamo semplicemente creare le possibilità che consentano alla popolazione di superare al meglio questa pandemia, permettendo all’economia di tornare al lavoro e salvare così migliaia di posti di lavoro”, auspica in conclusione il presidente dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

29/11/2021

L’Unione organizza visite aziendali per studenti con background migratorio:

Tra i progetti per i giovani dell’Unione sono comprese anche le visite aziendali per giovani e studenti. In questo campo l’associazione intende porsi come punto di contatto tra futuri professionisti e locale mondo del lavoro. “Il commercio, i ...
 
 

24/11/2021

Gestori di centri fitness e aziende del settore salute: “Perso più del 50 percento del fatturato”

Dopo che, nelle scorse settimane e mesi, molte aziende dell’economia altoatesina avevano potuto tornare a una situazione di quasi normalità, le palestre e i centri fitness sono ancora costrette a lottare contro estese limitazioni e gravi difficoltà ...
 
 

24/11/2021

Nei Comuni rossi i negozi sono ancora aperti

Come noto, secondo la recente ordinanza, per 20 Comuni dell’Alto Adige saranno in vigore regole più severe almeno fino al 7 dicembre. L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige sottolinea però espressamente che, in questi Comuni, tutte le aziende ...
 
 

23/11/2021

WELOVEBZ: insieme per la nostra città

L’economia di Bolzano si mette in gioco per il bene della città e lo fa, questa la novità, unita come non mai. Grazie a WELOVEBZ fondata dall’Unione, dagli albergatori dell’HGV, dalle due associazioni dell’artigianato LVH APA e CNA SHV, da ...