Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
29/01/2021

L’Unione propone un “Ripensamento” per la strategia dei test in Alto Adige

Il presidente Phillip Moser: “Creare le condizioni adatte per riaprire le aziende -Un continuo apri e chiudi non porta a nulla!”

Un “Ripensamento” per la strategia dei test in Alto Adige è quanto propone il presidente dell’Unione Philipp Moser. La situazione attuale è molto difficile per il nostro sistema sanitario, e le decisioni da prendere per molti non sono sempre comprensibili. L’Unione ricorda che, però, il momento non è grave solo per il sistema sanitario, ma anche per le aziende e i loro collaboratori, che si trovano in questa situazione senza alcuna colpa. “La politica deve fare tutto il necessario per creare le condizioni adatte alla riapertura delle aziende. Ogni giorno di chiusura, infatti, comporta anche la perdita di posti di lavoro”, aggiunte Moser. Un continuo apri e chiudi – come prevede l’attuale ordinanza d’urgenza - non porta a nulla.

In questo contesto ricadono anche nuove e coraggiose strategie relative ai test e finalizzate a garantire il lavoro. Potrebbero, per esempio, essere effettuati nelle zone rosse e arancioni test sistematici per il commercio e la gastronomia, sia per i collaboratori che vi lavorano, sia per clienti e ospiti. Perché non garantire l’accesso solo alle persone già vaccinate e solo per quelle risultate negative al test? Potrebbe essere introdotto una sorta di un ‘test-lasciapassare per 24 ore’ per poter accedere a particolari servizi o poter entrare nei locali, propone l’Unione. Naturalmente potrebbero essere anche introdotte regole più severe, come per esempio l’uso obbligatorio di mascherine FPP2.

“Per evitare di finire, poi, a raccogliere i cocci di gran parte dell’economia, e non trasformare la crisi economica in una catastrofe economica con innumerevoli fallimenti e perdite di posti di lavoro, serve una nuova strategia per proteggere e mettere in sicurezza le aziende dell’Alto Adige”, spiega il presidente dell’Unione. “Il nostro sistema funziona solo con un’economia sana, e si basa su di essa. In ultima analisi, a creare posti di lavoro sono solo le aziende”, conclude il presidente dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

22/04/2021

È ormai ora di far ripartire i mercati annuali in Alto Adige

In Alto Adige le stagioni con la maggiore frequenza di mercati annuali sono la primavera e l’autunno. “Fino a ora, però, non è stato purtroppo possibile tenerne nemmeno uno. Per tutto il commercio su aree pubbliche si tratta di un vero e proprio ...
 
 

21/04/2021

Strategia per la riapertura anche per i settori che necessitano di programmazione a lungo termine

“Nell’economia dell’Alto Adige ci sono settori che non possono ripartire dall’oggi al domani, ma che devono pianificare la propria attività solo a lungo termine. Pensiamo a tutto il settore altoatesino degli eventi e degli organizzatori”, afferma il ...
 
 

20/04/2021

Soluzione locale per il fondo sanitario integrativo Fondo Est

Nuove e soddisfacenti notizie per tutte le aziende e i collaboratori nel settore commercio e servizi in Alto Adige: finalmente è disponibile una soluzione speciale locale per il fondo sanitario integrativo Fondo Est.L’associazione ...
 
 

19/04/2021

Come e dove testare i collaboratori

Test antigenico rapido gratuito: Le tre postazioni di test rimanenti a Bolzano, Bressanone e Vipiteno sono state prolungate fino al 2 maggio.

Test ...