Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
10/04/2020

L’Unione per la reintroduzione di orari di apertura regolamentati

Il presidente Philipp Moser: “Nuove regole per le aperture domenicali e festive”

Le scorse settimane l’hanno mostrato con chiarezza: l’apertura dei negozi alla domenica non è più una necessità, sottolinea l’Unione.

“Già in occasione dell’ultima domenica di apertura, a metà marzo, non erano praticamente stati fatti acquisti. E anche, da allora, quando i negozi sono stati costretti a tenere chiuso alla domenica, in questi giorni siamo comunque forniti di tutto ciò che ci serve – nonostante la gravità della situazione”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser analizzando la situazione. Queste esperienze insegnano molto, e sono anche un chiaro messaggio: non c’è la necessità di tenere aperti i negozi di domenica e nei festivi.

Per questo motivo l’Unione è impegnata per la reintroduzione di orari di apertura regolamentati e, in particolare, per nuove norme nell’ambito delle aperture domenicali e festive.

“Così come prevedono i nostri valori e le nostre tradizioni, la domenica è un giorno di riposo, e offre pertanto tempo per gli interessi personali, la società e la famiglie – tanto più in questo periodo”, ricorda Moser.

L’Unione si è già battuta per una regolamentazione locale degli orari di apertura e per una regolamentazione delle aperture domenicali a favore della varietà del commercio altoatesino. Moser: “Abbiamo bisogno di una soluzione su misura dell’Alto Adige, che preveda anche eccezioni per le località turistiche nonché per le aziende del commercio di vicinato e della tradizione.”

A parlare per una soluzione autonoma è soprattutto la situazione unica del commercio in Alto Adige, con il suo equilibrato rapporto tra piccoli e medi negozi specializzati e aziende a gestione familiare nonché grande distribuzione nelle zone residenziali e il suo commercio di vicinato ancora intatto, che non ha paragoni nelle regioni alpine e oltre.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

26/02/2021

Anche i grossisti altoatesini nel settore dei beni per gli allestimenti e gli investimenti lamentano gravi perdite

I commercianti all’ingrosso dell’Alto Adige nel settore non alimentare lottano ormai da mesi con gravi perdite. “A causa dei ripetuti lockdown nel settore turistico, queste aziende stanno subendo seri cali di fatturato”, afferma Werner ...
 
 

19/02/2021

Sempre più apprezzati gli acquisti locali e sostenibili

In un recente studio, il noto Istituto per la ricerca commerciale IFH di Colonia ha messo sotto la lente d’ingrandimento le abitudini di consumo durante la pandemia, confrontandosi soprattutto con gli aspetti della regionalità e della sostenibilità ...
 
 

15/02/2021

Le agenzie viaggi nell’Unione suggeriscono una pianificazione flessibile per le ferie 2021

Pensare positivo, rimanere motivati e non mollare mai: queste erano, e sono ancora, le grandi sfide per le agenzie viaggi dell’Alto Adige. “Le nostre aziende e i molti collaboratori sono fiduciosi nonostante la situazione attuale”, afferma il ...
 
 

09/02/2021

EbK, anche nel 2021 misure straordinarie a sostegno dei lavoratori e delle aziende

Per rispondere alle necessità di lavoratori e aziende generate dal perdurare della crisi economica legata alla pandemia di Coronavirus, l’Ente bilaterale per il settore terziario (EbK) mette anche per il 2021 a disposizione quattro prestazioni ...