Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
09/02/2021

L’Unione lancia l’allarme e un appello alla politica: “Date un futuro a noi imprenditori e ai nostri collaboratori!”

Il presidente Philipp Moser: “La Provincia deve mettere mano al portafoglio!”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
L’Unione lancia l’allarme: “La situazione è veramente critica. Sono ormai le 12 e 5. Da parte delle aziende e dei collaboratori di tutto l’Alto Adige ci arrivano richieste d’aiuto. È un maremoto, e un insieme di frustrazione, rabbia, disperazione e paura per il futuro. È una situazione estrema”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser commentando preoccupato l’attuale situazione del commercio.

Le aziende commerciali attualmente chiuse sono circa 3.000. In particolare, il settore della moda, con abbigliamento e scarpe, ma anche il commercio di mobili ed arredamento sono ormai a pezzi, e vedono minacciata la loro stessa esistenza. Quelle aziende, e tutti i loro collaboratori, vorrebbero lavorare come fanno altri settori - ma non possono. Non possiamo accettare che tutte queste aziende finiscano in rovina”, sottolinea Moser. “Questo settore non è in alcun modo un hotspot! La politica non può lasciare nelle peste le imprenditrici e gli imprenditori che si trovano in questa situazione senza colpa”.

L’Unione ha una richiesta chiara. “Servono aiuti economici rapidi, non solo annunci. Basta con le chiacchiere, bisogna agire. La Provincia deve subito mettere mano al portafoglio. I finanziamenti possono salvare le aziende dal fallimento, ma anche salvare moltissimi posti di lavoro, perché ogni giorno di chiusura significa anche perdite occupazionali”, precisa Moser.

“Per evitare la rovina di gran parte dell’economia, e non trasformare la crisi economica in una vera catastrofe economica con fallimenti e perdita di posti di lavoro, servono subito i soldi necessari a proteggere e mettere in sicurezza le imprenditrici e gli imprenditori dell’Alto Adige”, spiega il presidente dell’Unione. “Il nostro benessere funziona solo grazie a un’economia solida. Alla fine, i posti di lavoro vengono creati dalle aziende, non dalla politica, che deve però creare le condizioni affinché ciò avvenga!”, conclude il presidente dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

30/07/2021

"Vaccinarsi a due passi da casa" - lista attuale

L’Azienda sanitaria dell'Alto Adige, con l’intento di risparmiare alle cittadine ed ai cittadini lunghi spostamenti per eseguire la vaccinazione, insieme ai comuni dell'Alto Adige ha lanciato la campagna "Vaccinarsi a due passi da casa". In queste ...
 
 

29/07/2021

L’Unione diventa membro dell'organizzazione Citymarketing Austria

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige è diventata recentemente membro dell'associazione Citymarketing Austria (www.stadtmarketing.eu). “Citymarketing Austria riunisce dal 2009 quasi 70 organizzazioni di marketing locale e urbano dell'Austria ...
 
 

29/07/2021

Sito e newsletter dell‘Unione sono top!

Il sito e la newsletter dell’Unione dominano tra gli associati dell'associazione come fonti di informazione. Questo è dimostrato da un sondaggio su larga scala condotto di recente. I due principali media digitali sono considerati di alta qualità, ...
 
 

28/07/2021

“Una serata per l’economia altoatesina”

Dopo il successo della prima edizione nel 2020 a Castel Firmiano, anche quest’anno l'Unione organizza giovedì 26 agosto 2021 un grande evento open air per l’economia altoatesina. Il motto dell'incontro per gli imprenditori del commercio, della ...