Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
09/02/2021

L’Unione lancia l’allarme e un appello alla politica: “Date un futuro a noi imprenditori e ai nostri collaboratori!”

Il presidente Philipp Moser: “La Provincia deve mettere mano al portafoglio!”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
L’Unione lancia l’allarme: “La situazione è veramente critica. Sono ormai le 12 e 5. Da parte delle aziende e dei collaboratori di tutto l’Alto Adige ci arrivano richieste d’aiuto. È un maremoto, e un insieme di frustrazione, rabbia, disperazione e paura per il futuro. È una situazione estrema”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser commentando preoccupato l’attuale situazione del commercio.

Le aziende commerciali attualmente chiuse sono circa 3.000. In particolare, il settore della moda, con abbigliamento e scarpe, ma anche il commercio di mobili ed arredamento sono ormai a pezzi, e vedono minacciata la loro stessa esistenza. Quelle aziende, e tutti i loro collaboratori, vorrebbero lavorare come fanno altri settori - ma non possono. Non possiamo accettare che tutte queste aziende finiscano in rovina”, sottolinea Moser. “Questo settore non è in alcun modo un hotspot! La politica non può lasciare nelle peste le imprenditrici e gli imprenditori che si trovano in questa situazione senza colpa”.

L’Unione ha una richiesta chiara. “Servono aiuti economici rapidi, non solo annunci. Basta con le chiacchiere, bisogna agire. La Provincia deve subito mettere mano al portafoglio. I finanziamenti possono salvare le aziende dal fallimento, ma anche salvare moltissimi posti di lavoro, perché ogni giorno di chiusura significa anche perdite occupazionali”, precisa Moser.

“Per evitare la rovina di gran parte dell’economia, e non trasformare la crisi economica in una vera catastrofe economica con fallimenti e perdita di posti di lavoro, servono subito i soldi necessari a proteggere e mettere in sicurezza le imprenditrici e gli imprenditori dell’Alto Adige”, spiega il presidente dell’Unione. “Il nostro benessere funziona solo grazie a un’economia solida. Alla fine, i posti di lavoro vengono creati dalle aziende, non dalla politica, che deve però creare le condizioni affinché ciò avvenga!”, conclude il presidente dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

07/05/2021

I librai nell’Unione: “Una brutta notizia per famiglie e scuole”

I librai nell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige criticano i tagli previsti per il settore della formazione. Da un lato, infatti, i mezzi finanziari messi a disposizione delle scuole nel bilancio provinciale 2021 per i libri in prestito ...
 
 

06/05/2021

Un anno senza acquisti la domenica ha dimostrato il proprio valore

In Alto Adige è quasi passato un anno dal ritorno della regolamentazione delle aperture domenicali e festive nel commercio, come ricorda l’Unione. “Questi mesi l’hanno mostrato con chiarezza: l’apertura dei negozi alla domenica non è più una ...
 
 

04/05/2021

Infinity Campus – Stimoli internazionali per addetti al marketing e creativi

Per i creativi altoatesini e per tutti gli specialisti del marketing si aprirà a breve una possibilità unica per ottenere stimoli e ispirazioni da specialisti di livello globale. A partire dal 12 maggio otto protagonisti della creatività ...
 
 

03/05/2021

I produttori di alimentari con commercio al dettaglio fanno fronte comune

I produttori di alimentari altoatesini con commercio al dettaglio uniscono le proprie forze in seno all’Unione con l’obiettivo di garantire un’efficace rappresentanza di interessi alle molte aziende attive in questo settore. “In questo comparto ...