Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
17/08/2020

L’Unione: “I nostri eventi pubblici rispetteranno le norme di sicurezza”

Covid-19, nuova ordinanza per l’uso della mascherina – Obbligo anche all’aperto

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
È stata recentemente firmata dal ministro della Salute italiano Roberto Speranza una nuova Ordinanza riguardante l’uso delle mascherine per limitare la diffusione dei contagi da Coronavirus. Secondo la direttiva ministeriale, almeno fino al 7 settembre, sarà obbligatorio indossare protezioni per le vie respiratorie anche all’aperto nelle ore serali e notturne, ovvero dalle 18.00 alle 6.00, in occasione di assembramenti, anche spontanei e occasionali, sia negli spazi di pertinenza di locali pubblici che nelle vie e piazze cittadine.

La decisione del ministro interessa quindi tutta una serie di eventi pubblici, comprese le numerosissime iniziative estive organizzate dall’Unione. “Dalle serate estive dedicate allo shopping ai venerdì lunghi e fino ai semplici ritrovi occasionali di fronte a negozi e locali, la nuova ordinanza ministeriale va a toccare da vicino l’attività dei nostri associati nel commercio e nella gastronomia”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser. “Fin dall’inizio di questa emergenza sanitaria l’Unione è stata impegnata a garantire il massimo della sicurezza per clienti e collaboratori, e proseguiremo pertanto su questa linea anche in occasione di questa nuova norma a tutela della salute pubblica”, precisa Moser.

Oltre che ai propri associati, tuttavia, l’Unione si appella anche alla popolazione e alla politica: “Un richiamo alla responsabilità va anche ai cittadini, che devono attenersi scrupolosamente alle norme di sicurezza, e alla pubblica amministrazione, che deve controllarne il rispetto. Non possiamo permetterci in alcun modo di mettere in discussione la regolare ripartenza della scuola né l’eventualità di un ulteriore lockdown, che avrebbe pesanti ripercussioni non solo sull’economia”, conclude il presidente dell’Unione Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

27/10/2021

Aumento IRAP: “Innalzare le tasse è un segnale sbagliato!”

A partire dal 2022 l’aliquota dell’imposta regionale sulle attività produttive IRAP per le aziende crescerà dal 2,68 al 3,9 percento. Lo ha deliberato ieri (martedì, 26 ottobre 2021) la Giunta provinciale altoatesina. La Provincia andrà così a ...
 
 

22/10/2021

Incontro agenti e rappresentanti di commercio Alto Adige e Trentino

Si è recentemente tenuto un incontro dei vertici degli agenti e rappresentanti di commercio Fnaarc del Trentino Alto Adige, per avviare un percorso comune su alcuni temi di interesse per gli agenti e rappresentanti delle due Province Autonome. Per ...
 
 

15/10/2021

Ritorna il Mercato di Stegona!

“Già da settimane siamo in continuo contatto con i rappresentanti del Comune di Brunico, con l’assessore comunale all’economia Daniel Schönhuber e con i responsabili del marketing urbano, per discutere e definire l’organizzazione ...
 
 

08/10/2021

I produttori di film dell’Alto Adige si presenteranno in maniera unitaria:

L’obiettivo futuro dei produttori cinematografici dell’Alto Adige è presentarsi in maniera unitaria e rappresentare in questo modo al meglio i propri interessi. Di recente, in seno all’Unione, è stata costituita la relativa categoria ...