Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
17/08/2020

L’Unione: “I nostri eventi pubblici rispetteranno le norme di sicurezza”

Covid-19, nuova ordinanza per l’uso della mascherina – Obbligo anche all’aperto

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
È stata recentemente firmata dal ministro della Salute italiano Roberto Speranza una nuova Ordinanza riguardante l’uso delle mascherine per limitare la diffusione dei contagi da Coronavirus. Secondo la direttiva ministeriale, almeno fino al 7 settembre, sarà obbligatorio indossare protezioni per le vie respiratorie anche all’aperto nelle ore serali e notturne, ovvero dalle 18.00 alle 6.00, in occasione di assembramenti, anche spontanei e occasionali, sia negli spazi di pertinenza di locali pubblici che nelle vie e piazze cittadine.

La decisione del ministro interessa quindi tutta una serie di eventi pubblici, comprese le numerosissime iniziative estive organizzate dall’Unione. “Dalle serate estive dedicate allo shopping ai venerdì lunghi e fino ai semplici ritrovi occasionali di fronte a negozi e locali, la nuova ordinanza ministeriale va a toccare da vicino l’attività dei nostri associati nel commercio e nella gastronomia”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser. “Fin dall’inizio di questa emergenza sanitaria l’Unione è stata impegnata a garantire il massimo della sicurezza per clienti e collaboratori, e proseguiremo pertanto su questa linea anche in occasione di questa nuova norma a tutela della salute pubblica”, precisa Moser.

Oltre che ai propri associati, tuttavia, l’Unione si appella anche alla popolazione e alla politica: “Un richiamo alla responsabilità va anche ai cittadini, che devono attenersi scrupolosamente alle norme di sicurezza, e alla pubblica amministrazione, che deve controllarne il rispetto. Non possiamo permetterci in alcun modo di mettere in discussione la regolare ripartenza della scuola né l’eventualità di un ulteriore lockdown, che avrebbe pesanti ripercussioni non solo sull’economia”, conclude il presidente dell’Unione Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

22/04/2021

È ormai ora di far ripartire i mercati annuali in Alto Adige

In Alto Adige le stagioni con la maggiore frequenza di mercati annuali sono la primavera e l’autunno. “Fino a ora, però, non è stato purtroppo possibile tenerne nemmeno uno. Per tutto il commercio su aree pubbliche si tratta di un vero e proprio ...
 
 

21/04/2021

Strategia per la riapertura anche per i settori che necessitano di programmazione a lungo termine

“Nell’economia dell’Alto Adige ci sono settori che non possono ripartire dall’oggi al domani, ma che devono pianificare la propria attività solo a lungo termine. Pensiamo a tutto il settore altoatesino degli eventi e degli organizzatori”, afferma il ...
 
 

20/04/2021

Soluzione locale per il fondo sanitario integrativo Fondo Est

Nuove e soddisfacenti notizie per tutte le aziende e i collaboratori nel settore commercio e servizi in Alto Adige: finalmente è disponibile una soluzione speciale locale per il fondo sanitario integrativo Fondo Est.L’associazione ...
 
 

19/04/2021

La gastronomia altoatesina a Roma

Tra i settori colpiti più duramente dalla pandemia di Coronavirus figura senz’altro la gastronomia, con bar e ristoranti costretti a chiudere per molti mesi durante l’emergenza. Per mettere in evidenza la gravità della situazione economica del ...