Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
06/04/2018

L’Unione fortemente critica circa i favoritismi all’agricoltura

“Niente supermercati per i prodotti agricoli in zona produttiva”

L’Unione critica nella maniera più aspra i favoritismi all’agricoltura. Messo a conoscenza della nuova proposta di legge in materia di urbanistica e paesaggio, così come recentemente emanata dalla competente commissione legislativa del Consiglio provinciale il presidente Walter Amort non è quasi riuscito a credere a quanto appreso.

“Secondo la nuova stesura dell’art. 32, comma 7, viene stabilito che nelle zone produttive sia altresì ammesso il commercio al dettaglio di prodotti agricoli da parte di imprenditori agricoli singoli o in forma associata”, spiega Amort. Concretamente, ciò significa che un qualunque contadino, da solo o in gruppo, è autorizzato a esercitare il commercio al dettaglio nelle zone produttive. “Nella sostanza si potrebbe verificare il caso nel quale alcuni agricoltori si riuniscano per affittare un padiglione in zona produttiva nel quale esercitare attività commerciali”, ribadisce Amort. I supermercati per i prodotti agricoli nelle zone produttive non hanno alcuna utilità né per garantire l’autenticità dei prodotti agricoli né per mantenere l’attrattività e la vivacità dei centri urbani.

Le norme urbanistiche provinciali sono orientate al principio secondo il quale il commercio al dettaglio possa essere esercitato esclusivamente nei centri urbani e nelle zone residenziali e che solo in casi particolari - come per i beni ingombranti – possa invece essere esercitato nelle zone produttive. E per quanto riguarda l’agricoltura, attualmente nelle zone produttive sono solo le cooperative di produzione agricola a poter offrire prevalentemente i propri prodotti.

“Questa linea d’azione, del tutto ingiustificata, porta solo a una distorsione della concorrenza. Già oggi, infatti, i contadini possono disporre di molte possibilità di vendere i propri prodotti, per esempio durante i mercati contadini, presso le botteghe al maso e nei negozi di alimentari già esistenti. E rispetto al commercio possono godere di ampi ed evidenti vantaggi anche per quanto riguarda gli aspetti burocratici e fiscali. Questo ulteriore canale di vendita nelle zone produttive non può che andare a tutto svantaggio del commercio al dettaglio nei centri abitati, e non potrà quindi essere accettato tanto facilmente”, afferma il presidente dell’Unione. L’Unione si appella pertanto a tutti i rappresentanti politici affinché sia cancellato questo ulteriore privilegio a favore degli agricoltori.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

26/06/2019

Unione e sindacati provinciali trovano un accordo

Poco prima dell’inizio della stagione estiva, le aziende altoatesine del settore commercio e servizi avevano riscontrato un serio problema: dallo scorso anno, con l’entrata in vigore del cosiddetto “Decreto dignità” che riformava la regolamentazione ...
 
 

20/06/2019

Associazione 50+ nell’Unione: eletto il nuovo direttivo

Nell’ambito di un’assemblea dedicata, l’Associazione 50+ ha recentemente eletto il proprio direttivo. Christine Fuchsberger, Karl Zambaldi, Josef Windisch, Peter Hillebrand, Marianne Unterhofer, Waltraud Mahlknecht Rungaldier, Oswald Delleg ed Erwin ...
 
 

19/06/2019

Spostamento dei saldi estivi a fine luglio

In un sondaggio eseguito dall’Unione, la maggioranza dei commercianti al dettaglio altoatesini si è espressa a favore di uno spostamento dell’inizio dei saldi di fine stagione estiva per quest’anno. “Per molti commercianti, la data prevista ...
 
 

13/06/2019

Dal 1° luglio invio telematico dei corrispettivi giornalieri, l’Unione chiede una proroga

Come noto, in Italia, a partire dal 1° gennaio 2020, i commercianti al dettaglio e i soggetti assimilati, dovranno memorizzare elettronicamente, e quindi trasmettere telematicamente all’Agenzia delle entrate, i dati relativi ai corrispettivi ...