Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
06/04/2018

L’Unione fortemente critica circa i favoritismi all’agricoltura

“Niente supermercati per i prodotti agricoli in zona produttiva”

L’Unione critica nella maniera più aspra i favoritismi all’agricoltura. Messo a conoscenza della nuova proposta di legge in materia di urbanistica e paesaggio, così come recentemente emanata dalla competente commissione legislativa del Consiglio provinciale il presidente Walter Amort non è quasi riuscito a credere a quanto appreso.

“Secondo la nuova stesura dell’art. 32, comma 7, viene stabilito che nelle zone produttive sia altresì ammesso il commercio al dettaglio di prodotti agricoli da parte di imprenditori agricoli singoli o in forma associata”, spiega Amort. Concretamente, ciò significa che un qualunque contadino, da solo o in gruppo, è autorizzato a esercitare il commercio al dettaglio nelle zone produttive. “Nella sostanza si potrebbe verificare il caso nel quale alcuni agricoltori si riuniscano per affittare un padiglione in zona produttiva nel quale esercitare attività commerciali”, ribadisce Amort. I supermercati per i prodotti agricoli nelle zone produttive non hanno alcuna utilità né per garantire l’autenticità dei prodotti agricoli né per mantenere l’attrattività e la vivacità dei centri urbani.

Le norme urbanistiche provinciali sono orientate al principio secondo il quale il commercio al dettaglio possa essere esercitato esclusivamente nei centri urbani e nelle zone residenziali e che solo in casi particolari - come per i beni ingombranti – possa invece essere esercitato nelle zone produttive. E per quanto riguarda l’agricoltura, attualmente nelle zone produttive sono solo le cooperative di produzione agricola a poter offrire prevalentemente i propri prodotti.

“Questa linea d’azione, del tutto ingiustificata, porta solo a una distorsione della concorrenza. Già oggi, infatti, i contadini possono disporre di molte possibilità di vendere i propri prodotti, per esempio durante i mercati contadini, presso le botteghe al maso e nei negozi di alimentari già esistenti. E rispetto al commercio possono godere di ampi ed evidenti vantaggi anche per quanto riguarda gli aspetti burocratici e fiscali. Questo ulteriore canale di vendita nelle zone produttive non può che andare a tutto svantaggio del commercio al dettaglio nei centri abitati, e non potrà quindi essere accettato tanto facilmente”, afferma il presidente dell’Unione. L’Unione si appella pertanto a tutti i rappresentanti politici affinché sia cancellato questo ulteriore privilegio a favore degli agricoltori.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

21/03/2019

Aperture domenicali e festive: colloquio al vertice a Bolzano

Di recente l’Unione ha espresso riserve sulla nuova proposta formulata dalle associazioni nazionali della grande distribuzione e del commercio – tra cui anche l’associazione di riferimento nazionale Confcommercio – relativamente al tema delle ...
 
 

19/03/2019

Per centri urbani vivi e attrattivi

“Suscitare l’entusiasmo dei nostri giovani per le professioni del commercio e dei servizi: questo è uno dei compiti fondamentali della nostra associazione”, ha affermato il presidente mandamentale dell’Unione di Merano/Burgraviato Johann ...
 
 

15/03/2019

Evento informativo sull’etichettatura nella moda

L’Unione organizza un evento informativo dedicato all’etichettatura nel campo della moda. Quali sono gli obblighi di etichettatura? Come si applicano concretamente? Come funziona il Made in Italy? Quali sanzioni sono previste? Perché serve una ...
 
 

15/03/2019

Incentivare la collaborazione nel mandamento

“Le nostre molte aziende, piccole e a conduzione familiare, assicurano la vitalità dei centri urbani e offrono posti per la formazione dei nostri giovani”, ha affermato il presidente mandamentale dell’Unione in Val Venosta Dietmar Spechtenhauser in ...