Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
01/04/2020

L’Unione: dopo Pasqua riaprire le aziende commerciali in forma ridotta e nel rispetto di precise condizioni

“Tornare al lavoro dopo quasi un mese di chiusura forzata”

Presidente dell’Unione Philipp Moser
Il 12 marzo scorso, in Alto Adige, circa 3.700 aziende del commercio al dettaglio hanno chiuso da un giorno all’altro. “Non si discute: in questo momento tutti i provvedimenti sanitari e di prevenzione per vincere la battaglia contro il Coronavirus hanno la precedenza, e quindi molte aziende commerciali danno il loro contributo e mostrano responsabilità chiudendo i battenti – pur con tutte le difficoltà connesse alla situazione”, afferma l’Unione.

“L’ultima parola in materia è sicuramente dei virologi, ma è certo che sarebbe più che auspicabile che le aziende commerciali, dopo Pasqua, potessero riaprire. In ogni caso in forma ridotta e nel rispetto di precise condizioni”, precisa il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Per il commercio è vitale che, dopo quasi un mese di chiusura, si possa tornare a lavorare. A causa di questa chiusura prolungata è venuto a mancare il guadagno e, quindi, anche il denaro per i costi correnti. In questo momento i magazzini sono pieni di merce che non può essere venduta, gli affitti e i crediti vanno onorati – anche se sono stati posticipati, l’onere rimane –, la liquidità si esaurisce e anche i crediti ponte generano solo nuovo indebitamento, commenta l’Unione riassumendo la difficile situazione. “Un prolungamento delle chiusure sarebbe fatale”, ribadisce Moser.

Per questo motivo l’Unione propone di riaprire i negozi dopo Pasqua con orario ridotto. “Anche solo da lunedì a venerdì – sabato e, soprattutto, la domenica naturalmente chiusi. E inoltre nel rispetto di severe norme di comportamento come la distanza – anche a più di un metro – tra le persone nei negozi e tutte le altre misure di prevenzione igienica”, conclude il presidente dell’Unione Philipp Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

02/03/2021

Agenti e rappresentanti di commercio nell’Unione: “Ora serve un sostegno rapido e non burocratico da parte della Provincia!“

In breve tempo dovrebbe essere possibile presentare le richieste di sostegno per le aziende altoatesine che, negli ultimi 12 mesi, abbiano subito gravi perdite finanziarie. Questo, almeno, è quanto ha annunciato la Giunta provinciale. “I diversi ...
 
 

01/03/2021

L’Unione a favore di test settimanali obbligatori in Alto Adige - per TUTTI i settori economici

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige spinge per l’introduzione di test settimanali obbligatori per TUTTI i settori economici. “Per responsabilità nei confronti della società e come concessione all’economia, così che quest’ultima possa ...
 
 

27/02/2021

Covid-19, restrizioni prorogate fino al 14 marzo

Il presidente della giunta provinciale Arno Kompatscher ha firmato venerdì 26 febbraio 2021 l’ordinanza d`urgenza n. 10 (vedi tra i download): tutte le attuali regole restano in vigore fino al 14 marzo. Per quanto riguarda gli ...
 
 

26/02/2021

Anche i grossisti altoatesini nel settore dei beni per gli allestimenti e gli investimenti lamentano gravi perdite

I commercianti all’ingrosso dell’Alto Adige nel settore non alimentare lottano ormai da mesi con gravi perdite. “A causa dei ripetuti lockdown nel settore turistico, queste aziende stanno subendo seri cali di fatturato”, afferma Werner ...