Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
29/08/2018

L’Unione contro un possibile innalzamento dell’Iva

“Un segnale sbagliato in una situazione incerta”

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige considererebbe un futuro aumento dell’Iva, sempre al centro della discussione interna al governo di Roma, un segnale sbagliato in una situazione economica all’insegna dell’incertezza. L’Unione si unisce pertanto alla vibrata protesta di Confcommercio, che considera un eventuale l’innalzamento dell’imposta assolutamente insensato ed estremamente dannoso sia per i consumatori che per le aziende. Come è noto, l’Iva è stata innalzata dal 21 al 22 percento già il 1° ottobre 2013.

“In un Paese che registra una crescita ancora debolissima, un aumento dell’Iva avrebbe conseguenze negative per il consumo e, di conseguenza, per le aziende e per l’occupazione”, sottolinea il presidente dell’Unione Philipp Moser. Le spese per i consumi delle famiglie italiane sono ancora deboli, e l’economia deve fare i conti con una crescita ridottissima, quasi irrilevante – le peggiori premesse possibili per pensare a un nuovo innalzamento di questa imposta, aggiunge so Moser. L’incremento dell’Iva andrebbe nella direzione contraria e colpirebbe tutti i settori economici in uguale maniera.
 
“Il deficit miliardario nel bilancio dello Stato dovrebbe essere appianato con altri mezzi. Siamo invece di fronte a un nuovo tentativo di riempire le casse nella maniera più semplice e rapida possibile. In una situazione come l’attuale, invece, servirebbero riforme strutturali, tagli fiscali e provvedimenti economici che incentivino lo sviluppo e la concorrenzialità sgravando aziende e consumatori. Possibili tagli di bilancio andrebbero cercati inoltre nelle spese pubbliche e nell’abbattimento della burocrazie”, conclude il presidente dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

06/12/2019

L'iniziativa benefica d'Avvento dei panificatori nell’Unione

Si è tenuta questa mattina presto (venerdì, 6 dicembre 2019), presso l’Ordinariato vescovile a Bolzano, l’ormai tradizionale colazione che i panificatori nell’Unione organizzano annualmente per il vescovo Ivo Muser nel giorno di S. Nicolò ...
 
 

05/12/2019

Corrispettivi telematici anche per minimi e forfettari

Con l’introduzione dell’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione dei corrispettivi dal 2020, i contribuenti non potranno più avvalersi dello scontrino e della ricevuta fiscale, che saranno sostituiti dal cosiddetto “documento ...
 
 

29/11/2019

Lotteria degli scontrini dal 1° gennaio 2020 – Un caos programmato

Dal 1° gennaio 2020 lo Stato italiano vuole introdurre una nuova lotteria nazionale. A partire da questa data i commercianti al dettaglio e i soggetti assimilati, dovranno memorizzare elettronicamente, e quindi trasmettere telematicamente ...
 
 

27/11/2019

Fatture elettroniche, le sanzioni

Se non si rispettano i termini previsti dalla legge per l’invio della fattura elettronica al Sistema di Interscambio, sono previste delle sanzioni applicabili ad ogni singolo documento inviato tardivamente. È quindi molto importante monitorare ...