Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
29/08/2018

L’Unione contro un possibile innalzamento dell’Iva

“Un segnale sbagliato in una situazione incerta”

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige considererebbe un futuro aumento dell’Iva, sempre al centro della discussione interna al governo di Roma, un segnale sbagliato in una situazione economica all’insegna dell’incertezza. L’Unione si unisce pertanto alla vibrata protesta di Confcommercio, che considera un eventuale l’innalzamento dell’imposta assolutamente insensato ed estremamente dannoso sia per i consumatori che per le aziende. Come è noto, l’Iva è stata innalzata dal 21 al 22 percento già il 1° ottobre 2013.

“In un Paese che registra una crescita ancora debolissima, un aumento dell’Iva avrebbe conseguenze negative per il consumo e, di conseguenza, per le aziende e per l’occupazione”, sottolinea il presidente dell’Unione Philipp Moser. Le spese per i consumi delle famiglie italiane sono ancora deboli, e l’economia deve fare i conti con una crescita ridottissima, quasi irrilevante – le peggiori premesse possibili per pensare a un nuovo innalzamento di questa imposta, aggiunge so Moser. L’incremento dell’Iva andrebbe nella direzione contraria e colpirebbe tutti i settori economici in uguale maniera.
 
“Il deficit miliardario nel bilancio dello Stato dovrebbe essere appianato con altri mezzi. Siamo invece di fronte a un nuovo tentativo di riempire le casse nella maniera più semplice e rapida possibile. In una situazione come l’attuale, invece, servirebbero riforme strutturali, tagli fiscali e provvedimenti economici che incentivino lo sviluppo e la concorrenzialità sgravando aziende e consumatori. Possibili tagli di bilancio andrebbero cercati inoltre nelle spese pubbliche e nell’abbattimento della burocrazie”, conclude il presidente dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

18/10/2019

Legge di bilancio 2020

L’obbligo di accettare pagamenti con bancomat da parte dei clienti di esercizi commerciali, prestatori di servizi e liberi professionisti esiste in Italia fin dal 2014. Ora, però, la proposta di bilancio per il 2020 prevede una nuova e doppia ...
 
 

17/10/2019

Comunicazione telematica dei corrispettivi giornalieri

L’Unione ricorda ai propri associati che il salvataggio e l’invio telematici dei corrispettivi giornalieri diventeranno obbligatori a partire dal 1° gennaio 2020. A partire da quella data non potranno essere emessi scontrini di cassa o quietanze ...
 
 

17/10/2019

Urbanistica, nuova legge provinciale “Territorio e paesaggio”

La nuova legge provinciale in materia di urbanistica deve entrare in vigore come previsto il 1° gennaio 2020: anche l’Unione auspica che l’entrata in vigore della nuova norma sia mantenuta come da programma. “Le aziende del settore commercio e ...
 
 

16/10/2019

Settore IT in Alto Adige: più visibilità per giovani e studenti

“Spinto dall’innovazione tecnologica globale, il mercato delle tecnologie dell’informazione si rinnova più velocemente di qualsiasi altro”, afferma il presidente dei prestatori di servizi IT e internet nell’Unione Alexander Fill in occasione del ...