Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
29/08/2018

L’Unione contro un possibile innalzamento dell’Iva

“Un segnale sbagliato in una situazione incerta”

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige considererebbe un futuro aumento dell’Iva, sempre al centro della discussione interna al governo di Roma, un segnale sbagliato in una situazione economica all’insegna dell’incertezza. L’Unione si unisce pertanto alla vibrata protesta di Confcommercio, che considera un eventuale l’innalzamento dell’imposta assolutamente insensato ed estremamente dannoso sia per i consumatori che per le aziende. Come è noto, l’Iva è stata innalzata dal 21 al 22 percento già il 1° ottobre 2013.

“In un Paese che registra una crescita ancora debolissima, un aumento dell’Iva avrebbe conseguenze negative per il consumo e, di conseguenza, per le aziende e per l’occupazione”, sottolinea il presidente dell’Unione Philipp Moser. Le spese per i consumi delle famiglie italiane sono ancora deboli, e l’economia deve fare i conti con una crescita ridottissima, quasi irrilevante – le peggiori premesse possibili per pensare a un nuovo innalzamento di questa imposta, aggiunge so Moser. L’incremento dell’Iva andrebbe nella direzione contraria e colpirebbe tutti i settori economici in uguale maniera.
 
“Il deficit miliardario nel bilancio dello Stato dovrebbe essere appianato con altri mezzi. Siamo invece di fronte a un nuovo tentativo di riempire le casse nella maniera più semplice e rapida possibile. In una situazione come l’attuale, invece, servirebbero riforme strutturali, tagli fiscali e provvedimenti economici che incentivino lo sviluppo e la concorrenzialità sgravando aziende e consumatori. Possibili tagli di bilancio andrebbero cercati inoltre nelle spese pubbliche e nell’abbattimento della burocrazie”, conclude il presidente dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

27/06/2019

Imposte, confermata la proroga

È stata confermata la proroga dei versamenti delle imposte risultanti dal mod. REDDITI / IRAP / IVA 2019, introdotte in sede di conversione del cosiddetto “Decreto Crescita”. Tale provvedimento interessa i soggetti che applicano gli ISA (Indici ...
 
 

27/06/2019

Le scadenze di luglio

L’Unione vi ricorda tutte le scadenze previste per il mese di febbraio. Qui potete trovare una panoramica di tutte le scadenze e gli appuntamenti per il periodo in questione.

 
 

27/06/2019

Novità in tema di emissione della fatturazione elettronica

A partire dal 1° luglio, le fatture immediate devono essere emesse entro 10 giorni dall’effettuazione dell’operazione; un emendamento al Decreto Crescita, attualmente in fase di conversione in legge, prevede che tale termine venga elevato a 12 ...
 
 

26/06/2019

Unione e sindacati provinciali trovano un accordo

Poco prima dell’inizio della stagione estiva, le aziende altoatesine del settore commercio e servizi avevano riscontrato un serio problema: dallo scorso anno, con l’entrata in vigore del cosiddetto “Decreto dignità” che riformava la regolamentazione ...