Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
28/12/2020

L’Unione chiede di non aumentare imposte e tasse comunali

Appello dell’associazione ai Comuni dell’Alto Adige

La Legge di bilancio 2020, nr. 160/2019, prevede che, a partire dal 1° gennaio 2021, entri in vigore il canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria (cosiddetto “Canone unico”) che riunisce in una sola forma di prelievo le entrate relative all’occupazione di aree pubbliche e alla diffusione di messaggi pubblicitari, in sostituzione di TOSAP, COSAP, imposta comunale sulla pubblicità e diritto sulle pubbliche affissioni, canone per l’installazione dei mezzi pubblicitari. In questi giorni i Comuni dell’Alto Adige sono pertanto occupati a emanare le ordinanze necessarie a questo adempimento entro la fine dell’anno.

A questo proposito l’Unione auspica che i Comuni stabiliscano di non introdurre aumenti delle imposte, così da non pesare ulteriormente sugli imprenditori, già in difficoltà a causa della crisi legata al Coronavirus. “Il 2020, per il commercio, i servizi e la gastronomia, è stato un anno estremamente difficoltoso, che ha visto un calo dei fatturati anche fino al 70 percento. Un ulteriore innalzamento del carico fiscale nel 2021 è quindi da evitare nella maniera più assoluta”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser.

L’Unione si appella pertanto a tutti i Comuni dell’Alto Adige, invitandoli a non aumentare le imposte a carico degli imprenditori quali, per esempio, le imposte sulle entrate pubblicitarie (cartelloni), le imposte per l’occupazione di suolo pubblico (commercio ambulante) o le tasse sui rifiuti. “Se non vogliamo peggiorare ulteriormente la situazione economica delle nostre aziende a conduzione familiare, dobbiamo evitare a tutti i costi di sottoporle a un ulteriore carico”, conclude Philipp Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

27/01/2021

Corrispettivi telematici: le sanzioni dal 2021

La Legge di Bilancio ha introdotto alcune novità in materia di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi. Una recente circolare della Guardia di Finanza (n. 2017/2021), chiarisce alcuni aspetti delle novità introdotte in ...
 
 

21/01/2021

Bonus pubblicità: dichiarazione sostitutiva con scadenza 8 febbraio 2021

Per poter fruire del credito di imposta per gli investimenti pubblicitari effettuati nel 2020, entro l’8.02.2021 va presentata la “dichiarazione sostitutiva” per confermare l’effettiva realizzazione degli investimenti indicati nella comunicazione di ...
 
 

19/01/2021

Comunicazione delle spese sanitarie, le novità

La Legge di bilancio 2021 ha esteso a tutto il 2021 il divieto di emissione della fattura elettronica per le operazioni sanitarie rese nei confronti delle persone fisiche. Tali fatture continueranno ad essere emesse in formato ...
 
 

19/01/2021

Pagamenti compensativi per tutte le aziende a causa della crisi Covid

Nel corso del 2020, a causa della pandemia, moltissime aziende hanno dovuto affrontare un calo del fatturato, ricorda l’Unione. In questo periodo, per la grande maggioranza delle aziende, le preoccupazioni e l’incertezza di cosa porterà con sé il ...