Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
28/12/2020

L’Unione chiede di non aumentare imposte e tasse comunali

Appello dell’associazione ai Comuni dell’Alto Adige

La Legge di bilancio 2020, nr. 160/2019, prevede che, a partire dal 1° gennaio 2021, entri in vigore il canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria (cosiddetto “Canone unico”) che riunisce in una sola forma di prelievo le entrate relative all’occupazione di aree pubbliche e alla diffusione di messaggi pubblicitari, in sostituzione di TOSAP, COSAP, imposta comunale sulla pubblicità e diritto sulle pubbliche affissioni, canone per l’installazione dei mezzi pubblicitari. In questi giorni i Comuni dell’Alto Adige sono pertanto occupati a emanare le ordinanze necessarie a questo adempimento entro la fine dell’anno.

A questo proposito l’Unione auspica che i Comuni stabiliscano di non introdurre aumenti delle imposte, così da non pesare ulteriormente sugli imprenditori, già in difficoltà a causa della crisi legata al Coronavirus. “Il 2020, per il commercio, i servizi e la gastronomia, è stato un anno estremamente difficoltoso, che ha visto un calo dei fatturati anche fino al 70 percento. Un ulteriore innalzamento del carico fiscale nel 2021 è quindi da evitare nella maniera più assoluta”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser.

L’Unione si appella pertanto a tutti i Comuni dell’Alto Adige, invitandoli a non aumentare le imposte a carico degli imprenditori quali, per esempio, le imposte sulle entrate pubblicitarie (cartelloni), le imposte per l’occupazione di suolo pubblico (commercio ambulante) o le tasse sui rifiuti. “Se non vogliamo peggiorare ulteriormente la situazione economica delle nostre aziende a conduzione familiare, dobbiamo evitare a tutti i costi di sottoporle a un ulteriore carico”, conclude Philipp Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

16/04/2021

Per la prima volta i test salivari in Alto Adige

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige sostiene attivamente gli sforzi per la prosecuzione della strategia di test in Alto Adige. “Fin da subito offriamo gratuitamente a tutti i nostri collaboratori la possibilità di eseguire un innovativo ...
 
 

14/04/2021

Proroga adeguamento dei Registratori Telematici al nuovo tracciato “versione 7.0”

Più tempo per gli operatori per aggiornare i Registratori Telematici: l'Agenzia delle Entrate ha disposto un ulteriore differimento, dal 01.04.2021 al 01.10.2021, dell'obbligo di effettuare l'invio telematico dei corrispettivi esclusivamente con il ...
 
 

13/04/2021

“L’auto è l’ufficio di un agente di commercio, lo strumento di lavoro fondamentale!“

Gli agenti e rappresentanti di commercio Fnaarc nell’Unione chiedono alla Provincia l’esenzione del pagamento del bollo auto per la categoria. “La nostra categoria coinvolge circa 500 professionisti in Alto Adige ed è uno dei motori ...
 
 

13/04/2021

“Torni finalmente a lavorare anche la gastronomia in Alto Adige!”

“La gastronomia rischia di non rialzarsi mai più!” Così l’Unione sintetizza la situazione del settore della gastronomia in Alto Adige. “Continuano a passare le settimane e gli imprenditori devono restare a guardare le proprie aziende finire in ...