Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
16/12/2019

L’Unione auspica l’introduzione dell’euro digitale

“Effettuare acquisti sicuri, economici e affidabili”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
Nel campo delle operazioni di pagamento, le valute digitali stanno aumentando la propria importanza. Di conseguenza, in un mondo sempre più digitale, l’economia necessita di alternative ai sistemi di pagamento globale in grado di garantire indipendenza e controllo statale. L’obiettivo è unire i vantaggi degli attuali contanti con quelli della gestione degli scambi digitali, afferma l’Unione.

“Per questo motivo auspichiamo l’introduzione di un euro digitale, cioè un uso anche digitale dell’attuale euro contante. Una valuta digitale garantita e controllata dallo Stato servirebbe sia ai clienti che ai commercianti, che avrebbero così un’alternativa efficiente, stabile e sicura all’offerta delle multinazionali delle carte di credito o dei giganti tecnologici come Facebook”, spiega il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Sono sempre più numerose le aziende internazionali in campo tecnologico ad approdare al mercato dei sistemi di pagamento e delle valute internet con l’obiettivo di porsi come intermediari tra commercio e clienti. Grazie alla loro posizione di forza, già da anni le aziende di carte di credito hanno raggiunto un predominio che rasenta il monopolio, sottolinea l’Unione. Oltre ai ricavati finanziari, ciò a cui puntano è anche la raccolta dei dati dei clienti.

Fino ad ora, commercio e consumatori potevano appoggiarsi ai processi basati sui contanti per contrastare un’eccessiva preponderanza degli offerti globali. Ma in un mondo digitale riuscirci è sempre più difficile. A differenza dei consueti sistemi di pagamento senza contanti e di nuove iniziative come Libra, una valuta digitale nazionale da utilizzare nel commercio virtuale può assicurare maggiore indipendenza dai gestori del sistema come le aziende di carte di credito e gli offerenti basati sul Blockchain.

Di conseguenza l’Unione accoglie con favore e sostiene il dibattito attualmente in corso in Germania, dove la Federazione del commercio al dettaglio HDE è impegnata per l’introduzione di un euro digitale – un sistema di pagamento digitale europeo per poter gestire tutti i processi d’acquisto in maniera sicura, economica e affidabile, senza dover fornire dati personali nella fase preliminare della transazione.

“Il sistema europeo dovrebbe verificare approfonditamente la possibilità di realizzare un euro digitale e formulare delle proposte per la sua realizzazione. In altri Paesi le banche centrali stanno già lavorando a valute digitali”, conclude l’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

29/10/2020

e-commerce: “Basta con l’attuale Far West!”

Per l’Unione rappresenta una dichiarazione di bancarotta internazionale: l’introduzione di una web tax per i giganti del commercio online, prevista entro il 2020, è stata posticipata al 2021.

“Alcuni giorni fa l’Organizzazione ...
 
 

28/10/2020

Assemblea generale ed elezioni per l’Associazione mediatori dell’Alto Adige

Attualmente, in Alto Adige, nel Registro delle imprese sono iscritte 359 aziende con attività di intermediazione. Di recente, presso la Cantina Merano, e sotto la guida del presidente uscente Herbert Arquin, si è tenuta l’annuale assemblea generale ...
 
 

26/10/2020

Covid-19, misure più restrittive in Alto Adige

Da lunedì 26 ottobre 2020 e fino a martedì 24 novembre 2020 è in vigore una nuova ordinanza d’urgenza del Presidente della Giunta provinciale (vedi in fondo alla pagina sotto i download) in tutto il territorio provinciale con misure ...
 
 

26/10/2020

Nuova fase con la nuova ordinanza d’urgenza

“La nuova ordinanza d’urgenza della Provincia va nella direzione giusta. Dobbiamo proseguire con l’attività dei tre pilastri economia, lavoro e scuola, seppure in una forma leggermente ridotta. Meglio attenersi ora a regola più ...