Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
20/08/2019

L’Unione assiste le aziende della gastronomia coinvolte nel contenzioso

Buoni pasto e fallimento della QUI! Group Spa

Si è svolta lo scorso febbraio, presso il tribunale di Genova, la prima riunione delle aziende creditrici di QUI! Group Spa, la società di emissione degli omonimi buoni pasto utilizzati su tutto il territorio nazionale, Alto Adige compreso, in particolare dai dipendenti degli enti statali quali ferrovie, poste, e molte altre. Il fallimento della società, risalente alla fine dell’anno scorso, ha coinvolto anche molte aziende della gastronomia in provincia di Bolzano. Per tutelarne al meglio gli interessi, l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige ha dato vita a uno sportello dedicato chiamato SOS Buoni pasto.

“Sebbene l’utilizzo dei buoni pasto da parte degli utenti dei pubblici esercizi rappresenti sicuramente uno strumento assai comodo e utile, non è tuttavia privo di rischi, in particolare per le aziende della gastronomia e della ristorazione”, spiega Pietro Perez, responsabile dell’Unione per i pubblici esercizi e referente dello sportello SOS Buoni pasto. “L’ultimo caso in ordine di tempo riguarda il fallimento del gruppo QUI! ticket, dal quale numerosi ristoranti e bar altoatesini non sono più riusciti a incassare gli importi dovuti”, ricorda Perez.

Nonostante i termini per tentare di ottenere il dovuto tramite il fallimento siano scaduti, la legge prevede anche la possibilità di un’iscrizione tardiva. Proprio riguardo questa possibilità l’Unione ha avviato un procedimento di assistenza alle aziende associate e coinvolte dal caso. “La tematica dei buoni pasti è molto sentita, e il fallimento QUI! Group è solo uno dei molti problemi in merito ai quali l’Unione, anche tramite l’associazione di rappresentanza nazionale FIPE, presta consulenza e sostegno ai pubblici esercizi. Raccomandiamo a tutti gli interessati di rivolgersi all’Unione per ulteriori informazioni e aumentare le possibilità di ottenere il risarcimento dovuto”, conclude Perez.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

26/05/2020

Gastronomia e ore serali: le regole di comportamento sotto esame

Le attuali regole di comportamento – in primo luogo l’obbligo di mascherina e la distanza interpersonale – sono attualmente sotto esame anche da parte di una serie di centri urbani dell’Alto Adige. Come è naturale, vista anche la stagione, ad ...
 
 

26/05/2020

Musica d’ambiente, pagamento posticipato al 31 luglio

Vista la particolare situazione legata all’emergenza sanitaria attualmente in atto anche in Italia, per venire incontro alle necessità dei pubblici esercizi e delle altre attività, SIAE e SCF hanno disposto un posticipo dei termini del pagamento ...
 
 

22/05/2020

I mestieri nel settore IT: più visibilità per giovani e studenti

“Caratterizzato dall’innovazione tecnologica mondiale, non esiste un mercato soggetto a cambiamenti tanto rapidi come quello delle tecnologie informatiche – e ciò riguarda anche i percorsi formativi”, afferma il presidente dei prestatori di servizi ...
 
 

19/05/2020

Mercato del sabato a Bolzano L’Unione: “Dovrebbe potersi tenere l’intero mercato!”

Lo scorso sabato è ripartito anche il mercato settimanale di Bolzano. “Un segnale importante per la categoria dei commercianti ambulanti, che possono così tornare a lavorare e a essere presenti per i molti clienti – naturalmente con tutte le ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott. Pietro Perez

Responsabile monni
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 509
M: 335 377 500
E-mail: