Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
20/08/2019

L’Unione assiste le aziende della gastronomia coinvolte nel contenzioso

Buoni pasto e fallimento della QUI! Group Spa

Si è svolta lo scorso febbraio, presso il tribunale di Genova, la prima riunione delle aziende creditrici di QUI! Group Spa, la società di emissione degli omonimi buoni pasto utilizzati su tutto il territorio nazionale, Alto Adige compreso, in particolare dai dipendenti degli enti statali quali ferrovie, poste, e molte altre. Il fallimento della società, risalente alla fine dell’anno scorso, ha coinvolto anche molte aziende della gastronomia in provincia di Bolzano. Per tutelarne al meglio gli interessi, l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige ha dato vita a uno sportello dedicato chiamato SOS Buoni pasto.

“Sebbene l’utilizzo dei buoni pasto da parte degli utenti dei pubblici esercizi rappresenti sicuramente uno strumento assai comodo e utile, non è tuttavia privo di rischi, in particolare per le aziende della gastronomia e della ristorazione”, spiega Pietro Perez, responsabile dell’Unione per i pubblici esercizi e referente dello sportello SOS Buoni pasto. “L’ultimo caso in ordine di tempo riguarda il fallimento del gruppo QUI! ticket, dal quale numerosi ristoranti e bar altoatesini non sono più riusciti a incassare gli importi dovuti”, ricorda Perez.

Nonostante i termini per tentare di ottenere il dovuto tramite il fallimento siano scaduti, la legge prevede anche la possibilità di un’iscrizione tardiva. Proprio riguardo questa possibilità l’Unione ha avviato un procedimento di assistenza alle aziende associate e coinvolte dal caso. “La tematica dei buoni pasti è molto sentita, e il fallimento QUI! Group è solo uno dei molti problemi in merito ai quali l’Unione, anche tramite l’associazione di rappresentanza nazionale FIPE, presta consulenza e sostegno ai pubblici esercizi. Raccomandiamo a tutti gli interessati di rivolgersi all’Unione per ulteriori informazioni e aumentare le possibilità di ottenere il risarcimento dovuto”, conclude Perez.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

11/09/2019

I primi annunci del nuovo Governo lasciano ben sperare

“Giudicheremo il nuovo Governo italiano in base ai fatti concreti”, commenta il presidente dell’Unione Philipp Moser in occasione dell’inizio di una nuova pagina politica, dopo il via dato ieri sera (martedì 10 settembre 2019) anche in ...
 
 

10/09/2019

Il tappeto rosso a Vipiteno: moda, musica e prelibatezze

A Vipiteno lo shopping rappresenta un’esperienza speciale: i portici pittoreschi sotto gli edifici storici ornati di erker nel centro storico, gli eleganti negozi sotto la Torre delle dodici, le antiche insegne di negozi e le belle facciate delle ...
 
 

04/09/2019

La drogheria a Brunico esercita commercio al dettaglio in zona produttiva

I media hanno recentemente dato notizia di alcune sentenze del Tribunale amministrativo di Bolzano sul caso di una drogheria nella zona produttiva di Brunico che, secondo i legali dell’azienda, rappresentano una parziale vittoria per l’attività ...
 
 

03/09/2019

Il commercio ambulante nel nuovo ordinamento del commercio altoatesino

La legge provinciale che delineerà il nuovo ordinamento del commercio altoatesino sarà discussa in Consiglio provinciale a settembre. Una parte consistente del nuovo corpo normativo è dedicata al commercio ambulante, relativamente al quale si tratta ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott. Pietro Perez

Responsabile monni
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 509
M: 335 377 500
E-mail: