Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
05/01/2021

L’Unione accoglie con favore l’apertura di commercio e gastronomia

Il presidente Moser: “Passo coraggioso da parte della politica provinciale”

A partire da giovedì, 7 gennaio, l’intero settore commerciale nonché bar e ristoranti, potranno riprendere la propria attività. È quanto hanno deciso il presidente della Giunta provinciale Arno Kompatscher e l’assessore provinciale all’economia Phillip Achammer in accordo con l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige. “Siamo molto soddisfatti di questa coraggiosa decisione della Giunta provinciale”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser.

In base ai decreti nazionali, le aperture, almeno in questa forma, non sarebbero state possibili, e di ciò l’Unione rende merito alla politica provinciale. “Ora il commercio altoatesino può tornare a garantire orari certi orari di apertura”, aggiunge Moser. Dopo le chiusure forzate delle festività natalizia i clienti possono finalmente tornare a disporre dei negozi. E questo è tanto più importante visto che, con il 16 gennaio, prenderanno il via i saldi invernali. Dopo tanti sforzi, i commercianti avevano un estremo bisogno di certezza nella programmazione.

I recenti provvedimenti confermano la linea dell’Unione: qui in provincia il commercio al dettaglio e la gastronomia hanno sempre rispettato le norme vigenti, applicando severe misure di prevenzione e garantendo così la sicurezza degli acquisti nei paesi e città dell’Alto Adige. “Specialmente i ristoranti, con la serrata totale durante le festività natalizie e le chiusure serali di dicembre, hanno segnato gravi perdite di fatturato. Ora, finalmente, i ristoranti potranno riaprire anche alla sera fino alle 22.00, e la gastronomia potrà lavorare anche al fine settimana. In questo modo non sarà solo ripristinata l’offerta per clienti e ospiti, ma anche assicurato un regolare introito per migliaia di collaboratori”, conclude Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

04/03/2021

SIAE, riduzione tariffe e posticipo per il pagamento

Tenuto conto della ridotta attività dei pubblici esercizi in questo inizio 2021, la SIAE ha deciso non solo di riconoscere un 15 percento di riduzione delle tariffe per la musica d’ambiente, ma di posticipare ulteriormente il termine per il rinnovo ...
 
 

02/03/2021

Agenti e rappresentanti di commercio nell’Unione: “Ora serve un sostegno rapido e non burocratico da parte della Provincia!“

In breve tempo dovrebbe essere possibile presentare le richieste di sostegno per le aziende altoatesine che, negli ultimi 12 mesi, abbiano subito gravi perdite finanziarie. Questo, almeno, è quanto ha annunciato la Giunta provinciale. “I diversi ...
 
 

01/03/2021

L’Unione a favore di test settimanali obbligatori in Alto Adige - per TUTTI i settori economici

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige spinge per l’introduzione di test settimanali obbligatori per TUTTI i settori economici. “Per responsabilità nei confronti della società e come concessione all’economia, così che quest’ultima possa ...
 
 

27/02/2021

Covid-19, restrizioni prorogate fino al 14 marzo

Il presidente della giunta provinciale Arno Kompatscher ha firmato venerdì 26 febbraio 2021 l’ordinanza d`urgenza n. 10 (vedi tra i download): tutte le attuali regole restano in vigore fino al 14 marzo. Per quanto riguarda gli ...