Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
07/06/2017

Introdurre anche in Italia il codice etico tra gestori e società petrolifere

I gestori di distributori nell’Unione incontrano i vertici associativi a Verona

La delegazione dei rappresentanti dei distributori a Verona: da sin. Gianfranco di Bellonia, Paolo Uniti, Wolfgang Angerer, Haimo Staffler e Maurizio Micheli.
I rappresentanti dei gestori di distributori di carburante nell’Unione si sono recentemente incontrati a Verona con i vertici nazionali della categoria per un colloquio sui temi di maggiore attualità, il principale dei quali è stato il codice che dovrebbe regolare i rapporti tra gestori di impianti stradali e compagnie petrolifere.

In Germania un simile codice è già stato siglato nel 2015. Esso dovrebbe rappresentare una cornice entro la quale realizzare rapporti equi e costruttivi tra le società petrolifere e i gestori degli impianti stradali. L’obiettivo è garantire a questi ultimi un introito in grado di assicurarne la sopravvivenza. Ora anche l’Italia ha l’intenzione di adottare un codice analogo.

In occasione dell’incontro i presidenti dei gestori di impianti stradali e dei liberi distributori nell’Unione, rispettivamente Wolfgang Angerer e Haimo Staffler, hanno auspicato che l’Italia possa adottare una versione adattata del codice di comportamento tedesco. Il concetto alla base del documento è assicurare una collaborazione tra distributori basata su una comunicazione trasparente e facilitarne l’attività commerciale. Il presidente dell’associazione nazionale di categoria Figisc Maurizio Micheli elaborerà ora una proposta concreta insieme ai suoi colleghi del direttivo.

Distributori di carburante nell'Unione
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

20/02/2019

La Giunta esecutiva incontra l'assessore Achammer

I membri della Giunta esecutiva, il massimo organo associativo dell’Unione, si sono recentemente incontrati per la prima volta con il nuovo assessore provinciale al commercio e servizi Philipp Achammer. All’ordine del giorno erano presenti diversi ...
 
 

11/02/2019

Commercio online: necessaria più parità di trattamento fiscale

Secondo una recente ricerca dell’Istituto provinciale di statistica ASTAT, con il 47 percento, la quota di acquirenti online in Alto Adige è inferiore a quella della maggioranza dei paesi UE, in particolare della vicina Austria (60 percento). Va ...
 
 

01/02/2019

Aperture domenicali e festive: soluzione altoatesina

Il nuovo Disegno di legge dei due partiti di governo in materia di aperture domenicali e festive nel commercio al dettaglio è arrivata in questi giorni alla competente commissione Attività produttive della Camera e sarà ora oggetto di discussione ...
 
 

31/01/2019

L’Unione presenta il nuovo strumento della Geoanalisi

Un centro commerciale in Alto Adige, che impatto avrebbe sul circondario, sullo sviluppo di una città, un paese o un quartiere? E quali effetti avrebbe, per esempio, la costruzione di una nuova circonvallazione o di un altro grande progetto sulle ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

GÜNTHER SOMMIA

Categorie
Capoarea
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 506
M: 334 62 33 617
E-mail: