Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
Menu
 
 
 
 
07/06/2017

Introdurre anche in Italia il codice etico tra gestori e società petrolifere

I gestori di distributori nell’Unione incontrano i vertici associativi a Verona

La delegazione dei rappresentanti dei distributori a Verona: da sin. Gianfranco di Bellonia, Paolo Uniti, Wolfgang Angerer, Haimo Staffler e Maurizio Micheli.
I rappresentanti dei gestori di distributori di carburante nell’Unione si sono recentemente incontrati a Verona con i vertici nazionali della categoria per un colloquio sui temi di maggiore attualità, il principale dei quali è stato il codice che dovrebbe regolare i rapporti tra gestori di impianti stradali e compagnie petrolifere.

In Germania un simile codice è già stato siglato nel 2015. Esso dovrebbe rappresentare una cornice entro la quale realizzare rapporti equi e costruttivi tra le società petrolifere e i gestori degli impianti stradali. L’obiettivo è garantire a questi ultimi un introito in grado di assicurarne la sopravvivenza. Ora anche l’Italia ha l’intenzione di adottare un codice analogo.

In occasione dell’incontro i presidenti dei gestori di impianti stradali e dei liberi distributori nell’Unione, rispettivamente Wolfgang Angerer e Haimo Staffler, hanno auspicato che l’Italia possa adottare una versione adattata del codice di comportamento tedesco. Il concetto alla base del documento è assicurare una collaborazione tra distributori basata su una comunicazione trasparente e facilitarne l’attività commerciale. Il presidente dell’associazione nazionale di categoria Figisc Maurizio Micheli elaborerà ora una proposta concreta insieme ai suoi colleghi del direttivo.

Distributori di carburante nell'Unione
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

24/09/2018

Elezioni provinciali, l’Unione pubblica un documento programmatico

Dei settori economici rappresentati dall’Unione, commercio al dettaglio, commercio all’ingrosso e servizi, fanno parte quasi il 33 percento di tutte le aziende dell’Alto Adige, occupano oltre 50.000 persone e generano circa il 40 percento ...
 
 

21/09/2018

Alto Adige 2033: la tavola rotonda

In quale direzione si svilupperà l’economia dell’Alto Adige nei prossimi 15 anni? Questo è quanto si sono chiesti di recente i rappresentanti della Giovane economia dell’Alto Adige. In occasione della tavola rotonda di quest’anno, alla quale hanno ...
 
 

20/09/2018

I Giovani nell’Unione hanno un nuovo presidente

Luca Cantisani (Sanitär Heinze, Bolzano) è il nuovo presidente dei Giovani nell’Unione. Il giovane amministratore delegato è stato eletto all’unanimità alla presidenza in occasione della recente riunione del Direttivo dei Giovani. Cantisani succede ...
 
 

17/09/2018

Imposta sostitutiva sui guadagni da affitto di immobili anche per i negozi

Nell’ambito del dibattito della prossima legge di bilancio italiana, il Governo prevede anche di estendere l’imposta sostitutiva sui guadagni da affitto di locali residenziali, la cosiddetta “cedolare secca” anche ai locali commerciali. “Questo ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

GÜNTHER SOMMIA

Categorie
Capoarea
Sede: Bolzano
T: 0471 310 506
M: 334 62 33 617
E-mail: