Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
21/08/2019

Il teatro dei burattini a Roma è la morte dell’economia

Evitare l’innalzamento dell’aliquota IVA

L’Italia è sottoposta alla minaccia di un aumento dell’aliquota IVA dall’attuale 22 al 25,2 percento. Un incremento che si avvertirebbe con particolare forza in un territorio di confine come Alto Adige, afferma con preoccupazione l’Unione. “L’attuale situazione politica a Roma ha tutte le caratteristiche di un teatro dei burattini. Il rischio è la morte dell’economia. Per i politici assumersi la responsabilità del paese e della popolazione sembra un compito impossibile. L’unica reazione è sempre quella di incolpare qualcun altro”, sottolinea amaramente il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Evitare un aumento dell’IVA è la priorità numero uno. “Con un’aliquota di oltre il 25 percento costringeremmo di fatto le persone a fare i propri acquisti oltre confine (l’Austria ha un’aliquota del 20 percento) o su internet. E inoltre si incentiverebbe l’economia sommersa e si danneggerebbe il turismo. L’attuale, debolissima crescita economica sarebbe soffocata senza speranza”, ribadisce Moser elencando le conseguenze.

Ciò che serve ora non sono nuove elezioni a ottobre, ma una Legge di bilancio equilibrata che preveda una riduzione della pressione fiscale, investimenti nelle infrastrutture e, finalmente, il riconoscimento e il relativo sostegno economico del settore dell’innovazione. “Sicurezza della pianificazione, certezza del diritto e stabilità economica sono irrinunciabili, oggi più che mai”, aggiunge Moser.

Nessuno desidera un innalzamento dell’aliquota IVA. Per questo motivo bisogna fare tutto il possibile affinché, il 1° gennaio 2020, non entri in vigore la cosiddetta clausola di salvaguardia. Essa, infatti, prevede che, nell’impossibilità di reperire fonti di finanziamento sostenibili, l’Italia debba aumentare l’IVA – e le accise sui carburanti – rispetto alla UE, con l’obiettivo di evitare un nuovo e insopportabile indebitamento pubblico.

 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

15/09/2020

Finalmente sussidi per i settori più colpiti dalla crisi

Fino a oggi il settore dei viaggi e degli eventi in Alto Adige, con i relativi collaboratori, aveva estrema necessità di interventi per assicurare la propria esistenza. “Per le agenzie viaggi e per i prestatori di servizi per eventi l’attuale crisi ...
 
 

14/09/2020

Raddoppiata l’esenzione fiscale per i beni ceduti ai collaboratori

Il limite per l’esenzione fiscale per i beni ceduti ai collaboratori (“fringe benefits”) è stato raddoppiato: con il “Decreto Agosto”, e solo per il periodo d’imposta 2020, l’importo del valore di beni ceduti e servizi erogati dalle ...
 
 

09/09/2020

Sì ai Mercatini di Natale con nuovi contenuti e progetti

“Gravemente negligente”: così l’Unione definisce l’invito di un’organizzazione sindacale di lingua tedesca di non tenere, per quest’anno, i tradizionali Mercatini di Natale, a grave danno dell’attrattività e della vitalità dei paesi e città ...
 
 

07/09/2020

La follia logistica nel commercio online

Le restituzioni – cioè le merci ordinate online e, semplicemente, rispedite indietro gratuitamente – sono una componente fondamentale del modello commerciale delle vendite online, generando però un enorme carico di lavoro e costi altrettanto ...