Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
30/09/2020

Il packaging sostenibile per gli alimentari

L’Unione: “Sensibilizzare i consumatori verso gli acquisti consapevoli” – Nuova iniziativa

Il settore alimentare è il più grande comparto del commercio al dettaglio in Alto Adige. Per molti consumatori, temi come gli acquisti consapevoli e il trend delle confezioni sostenibili sono diventati criteri fondamentali nella decisione d’acquisto, sottolinea l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige.

“I danni ambientali e la necessità di ridurre i rifiuti sono argomenti sulla bocca di tutti. Sono sfide che è chiamato ad affrontare anche il commercio e, in particolare il commercio di alimentari”, spiega il presidente dell’Unione Philipp Moser. “Anche in Alto Adige la consapevolezza dei consumatori verso la sostenibilità cresce costantemente. Il richiamo a trovare soluzioni in grado di proteggere l’ambiente è sempre più forte”.

Come possono, i consumatori, ridurre i rifiuti non necessari e dare la precedenza a confezioni rispettose dell’ambiente, ma pur sempre in grado di garantire la sicurezza alimentare e l’igiene? “Per noi, come rappresentanti del commercio al dettaglio, oltre agli aspetti economici e sociali, uno degli indicatori prioritari per uno sviluppo orientato al futuro di un’azienda, ma anche dell’intero settore, è proprio la sostenibilità ecologica”, chiarisce Moser.

Per incentivare la riduzione dei rifiuti e sostenere gli acquisti privi di confezioni soprattutto nel caso di alimentari freschi, l’Unione ha dato vita a una nuova iniziativa, pubblicando sui propri canali social una serie di cortometraggi animati. Grazie a essi i consumatori altoatesini potranno apprendere in maniera molto diretta come acquistare più consapevolmente pane e prodotti da forno, salumi e formaggi nonché frutta e verdura, utilizzando confezioni portate da casa, riutilizzabili e lavabili, come sacchetti di lino, contenitori certificati per alimenti o sacchetti.

“Per il commercio al dettaglio stazionario, mantenere la propria attrattività verso i consumatori è un fattore decisivo. Anche il colpo d’occhio sugli scaffali non va trascurato”, precisa il presidente dell’Unione. Uno studio dell’Istituto per la ricerca commerciale IFH di Colonia ha evidenziato che, per i consumatori, gli aspetti legati alla sostenibilità sono di particolare importanza: il 90 percento degli intervistati ritiene che la riciclabilità e la riduzione dei rifiuti in plastica saranno fondamentali per il futuro del consumo. Allo stesso tempo, l’85 percento del campione attribuisce altrettanta importanza al corretto dello smaltimento dei rifiuti.
 


 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

28/10/2020

Assemblea generale ed elezioni per l’Associazione mediatori dell’Alto Adige

Attualmente, in Alto Adige, nel Registro delle imprese sono iscritte 359 aziende con attività di intermediazione. Di recente, presso la Cantina Merano, e sotto la guida del presidente uscente Herbert Arquin, si è tenuta l’annuale assemblea generale ...
 
 

26/10/2020

Covid-19, misure più restrittive in Alto Adige

Da lunedì 26 ottobre 2020 e fino a martedì 24 novembre 2020 è in vigore una nuova ordinanza d’urgenza del Presidente della Giunta provinciale (vedi in fondo alla pagina sotto i download) in tutto il territorio provinciale con misure ...
 
 

26/10/2020

Nuova fase con la nuova ordinanza d’urgenza

“La nuova ordinanza d’urgenza della Provincia va nella direzione giusta. Dobbiamo proseguire con l’attività dei tre pilastri economia, lavoro e scuola, seppure in una forma leggermente ridotta. Meglio attenersi ora a regola più ...
 
 

23/10/2020

Il futuro del commercio su aree pubbliche in grave pericolo

Nell’ultima ordinanza d’urgenza del presidente della Giunta provinciale è previsto che, in materia di mercati di rilevanza comunale, i sindaci possano adottare ulteriori misure restrittive. “I commercianti ambulanti non sono disposti a fare da capro ...