Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
23/10/2020

Il futuro del commercio su aree pubbliche in grave pericolo

I commercianti ambulanti nell’Unione: “Siamo ancora il capro espiatorio? In gioco c’è la nostra stessa esistenza!“

Nell’ultima ordinanza d’urgenza del presidente della Giunta provinciale è previsto che, in materia di mercati di rilevanza comunale, i sindaci possano adottare ulteriori misure restrittive. “I commercianti ambulanti non sono disposti a fare da capro espiatorio per una seconda volta. Già in primavera il commercio ambulante altoatesino ha dovuto rimanere immobile mentre tutte le altre attività economiche riprendevano a lavorare. I mercati, al contrario, sono rimasti a lungo dimenticati”, ricorda con amarezza il Direttivo dei commercianti ambulanti nell’Unione.

“Tutti, nel frattempo, abbiamo capito che, all’aria aperta e rispettando le due principali misure precauzionali – distanza e protezione di bocca e naso – il rischio di contagio è limitatissimo”, afferma il presidente dei commercianti ambulanti nell’Unione Andreas Jobstreibizer. “Che adesso si torni a puntare il dito sui mercati è del tutto inaccettabile! Il commercio all’aria aperta non implica problematiche particolari ed è molto meno rischioso rispetto, per esempio, a quello esercitato in un centro commerciale. I nostri clienti dei mercati settimanali, ma anche degli altri mercati, continuano a ripeterci di venire volentieri, perché si trovano all’aria aperta, non si sentono costretti e si sentono meglio in ogni senso”, aggiunge il presidente. Più di metà delle famiglie altoatesine acquista regolarmente al mercato.

L’obiettivo deve essere di garantire il regolare svolgimento soprattutto dei mercati di approvvigionamento – cioè quelli settimanali, quindicinali e mensili. “Da giugno, in Alto Adige, si sono tenuti regolarmente mercati settimanali fino a 300 stand, senza nessun problema. Le amministrazioni comunali devono essere consapevoli che, nell’eventualità di cancellazioni, creerebbero un danno enorme a un’intera categoria, tanto che, per alcuni, sarebbe messa a rischio la stessa esistenza, tanto più dopo un anno già così difficile!”, conclude il presidente dei commercianti ambulanti nell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

02/03/2021

Agenti e rappresentanti di commercio nell’Unione: “Ora serve un sostegno rapido e non burocratico da parte della Provincia!“

In breve tempo dovrebbe essere possibile presentare le richieste di sostegno per le aziende altoatesine che, negli ultimi 12 mesi, abbiano subito gravi perdite finanziarie. Questo, almeno, è quanto ha annunciato la Giunta provinciale. “I diversi ...
 
 

01/03/2021

L’Unione a favore di test settimanali obbligatori in Alto Adige - per TUTTI i settori economici

L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige spinge per l’introduzione di test settimanali obbligatori per TUTTI i settori economici. “Per responsabilità nei confronti della società e come concessione all’economia, così che quest’ultima possa ...
 
 

26/02/2021

Anche i grossisti altoatesini nel settore dei beni per gli allestimenti e gli investimenti lamentano gravi perdite

I commercianti all’ingrosso dell’Alto Adige nel settore non alimentare lottano ormai da mesi con gravi perdite. “A causa dei ripetuti lockdown nel settore turistico, queste aziende stanno subendo seri cali di fatturato”, afferma Werner ...
 
 

19/02/2021

Sempre più apprezzati gli acquisti locali e sostenibili

In un recente studio, il noto Istituto per la ricerca commerciale IFH di Colonia ha messo sotto la lente d’ingrandimento le abitudini di consumo durante la pandemia, confrontandosi soprattutto con gli aspetti della regionalità e della sostenibilità ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Christine Walzl

Categorie
Segretaria di categoria
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 514
E-mail:
Bozen