Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
28/03/2019

Il fattore umano valore aggiunto del commercio al dettaglio in Alto Adige

Assemblea mandamentale dell’Unione di Bolzano e circondario

Gli associati all’Unione premiati durante l’assemblea insieme ai rappresentanti dell’associazione.
Circa 100 imprenditori del mandamento Bolzano e circondario sono intervenuti quest’anno all’assemblea mandamentale dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige. Al centro dell’assemblea, recentemente tenutasi presso la sede della Mila Latte Montagna Alto Adige a Bolzano, sono stati posti, tra gli altri, i temi della Geoanalisi, il welfare aziendale e la premiazione degli associati di lunga data.

L’assemblea è stata aperta dai due presidenti del mandamento Simone Buratti e Christian Giuliani. Buratti ha ricordato l’importanza di incentivare lo scambio personale e il lavoro in rete tra gli imprenditori: “Il rafforzamento del sentimento del NOI in seno all’associazione e della coesione sono priorità fondamentali.” Giuliani, al contrario, ha sottolineato il significato dei centri urbani vitali: “Lo shopping come esperienza, il fattore umano e l’individualità sono fattori che contraddistinguono il nostro commercio al dettaglio e creano un valore aggiunto rispetto, per esempio, al commercio online”.

Il presidente dell’Unione Philipp Moser ha ringraziato i due presidenti e il Direttivo mandamentale per il loro impegno e, nel corso del suo intervento di saluto, ha affermato che l’associazione continuerà a battersi per ottenere una regolamentazione delle aperture domenicali e festive. Il vicepresidente Sandro Pellegrini, invece, ha ricordato che l’associazione, per mezzo della rappresentanza nazionale offerta da Confcommercio, prende parte attiva all’elaborazione dei contratti collettivi, contribuendo in tal modo a definire e strutturare il quadro normativo generale.

Il nuovo assessore provinciale al commercio e ai servizi Philipp Achammer si è detto preoccupato della grave carenza di personale qualificato in Alto Adige. Ai giovani dovrebbe essere spiegato con maggiore impegno che i lavori pratici sono ricchi di futuro e non devono essere sottovalutati in alcun modo. L’assessore ha sostenuto l’Unione relativamente al tema delle aperture domenicali dei negozi, e ha assicurato che continuerà a impegnarsi a favore di una regolamentazione autonoma. “La totale liberalizzazione non è il nostro futuro”, ha spiegato Achammer, che si è anche espresso chiaramente a favore della permanenza di Ötzi nel centro storico di Bolzano con l’obiettivo di garantire una città viva e attrattiva.

Il direttore dell’Unione Bernhard Hilpold ha introdotto la principale relazione dell’assemblea dedicata al tema della Geoanalisi in Alto Adige. La Geoanalisi consiste in una cartina digitale dell’Alto Adige in grado di simulare i futuri effetti e fornire previsioni sulle frequenze e sui flussi di passanti, rappresentando in tal modo un affidabile indicatore per l’attrattività di una determinata area geografica, centro urbano o strada commerciale. Martin Stampfer, capoarea per lo sviluppo urbano nell’Unione, ha illustrato le potenzialità di questo innovativi strumento per mezzo di un esempio concreto.

Sono stati analizzati e simulati gli effetti del nuovo centro commerciale “Waltherpark” a Bolzano, compreso del proposto spostamento del Museo di Ötzi sul Virgolo. I risultati principali: il Waltherpark presenta una frequenza fino a 16.000 visitatori al giorno. Gli effetti sulle frequenze nel centro storico sono più vari, con alcuni singoli settori che segnano un segno più, ma limitatamente a singole strade e piazze, come Portici e Piazza Walther. La gastronomia soffrirebbe delle perdite. I quartieri al di fuori del centro storico, quindi, perderebbero di attrattività e di frequenze (fino all’otto percento). I centri commerciali nella zona produttiva di Bolzano Sud segnerebbero una recessione (il Twenty fino al 12 percento, il Centrum fino al 14 percento). Per quanto invece riguarda il proposto spostamento di Ötzi sul Virgolo, la collina vivrebbe un aumento delle frequenze fino a 3.927 visitatori al giorno. Allo stesso tempo le frequenze turistiche nel centro storico crollerebbero fino a un meno 20 percento. Il calo delle frequenze complessive in piazza Walther sarebbe massiccio.

Quale buon esempio di un’azienda vitale in un centro urbano, Josef Gander ha quindi presentato la sua attività, ovvero la Torrefazione Kuntrawant (Prato allo Stelvio e Lana) e la sua idea commerciale. Autenticità e vicinanza al cliente sono stati i fattori che hanno consentito di raggiungere il successo.

L’assemblea di quest’anno si è chiusa con la premiazione degli storici associati dell’Unione. Sono state premiate le seguenti aziende ovvero associati per 40 anni di iscrizione: panificio Pichler Sas di Ega/Nova Ponente, Coop. Bergmilch Südtirol, Musik Import Sas, Panificio Lemayr Srl e Gianni Ventura di Bolzano, Elektro Planer Snc di Fiè, Manfred Gross di Castelrotto, Cantina Ritterhof Srl di Caldaro, Franz Stuefer e Co. Snc di Nova Ponente, Winkler Import Srl di Settequerce/Terlano nonché Radio TV Karl Zambaldi di Egna.

Prima della parte ufficiale dell’assemblea, nell’ambito di un aperitivo conviviale, è stato presentato il tema del welfare aziendale. Sabine Mayr, capoarea dell’Unione per il diritto del lavoro e i servizi sindacali, ha informato i presenti circa i nuovi servizi di welfare con i quali le aziende possono ottimizzare i propri vantaggi fiscali con il risultato non solo di incrementare il potere d’acquisto dei dipendenti, ma anche il loro benessere e la loro produttività. “Si tratta di un’interessante innovazione per le aziende, ma anche per i dipendenti, che possono accedere a beni e servizi fiscalmente agevolati nel campo della salute, della previdenza e della formazione dei bambini, sia per loro stessi che per i loro familiari”, ha concluso Mayr.
 
Numerosi imprenditori hanno preso parte all’assemblea mandamentale dell’Unione di quest’anno.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

03/04/2020

Cosa può vendere un negozio di alimentari?

In questi giorni i negozi di generi misti sono stati controllati per verificare se vendessero solo prodotti di prima necessità. Sono state comminate anche delle sanzioni.

Per fare la chiarezza necessaria, l’Unione è intervenuta presso ...
 
 

03/04/2020

L’Unione chiede sostegno alle aziende stazionarie da parte dell’e-commerce:

Dal 12 marzo scorso, in Alto Adige, sono ben oltre 7.000 le aziende stazionarie nel commercio e nella gastronomia ad aver chiuso al pubblico. Affinché esse abbiano anche in futuro la possibilità di mantenere città e paesi vivi, ...
 
 

02/04/2020

Prolungati divieti e chiusure aziendali fino a Pasquetta (13 aprile)

Con il decreto del 1° aprile (vedi Download alla fine di questa pagina), il governo italiano ha prolungato fino a Pasquetta, ovvero il 13 aprile, le limitazioni dovute al Coronavirus.

L’estensione si applica su tutti gli attuali ...
 
 

01/04/2020

È possibile presentare le richieste dei 600 euro sulla pagina INPS

A partire da oggi, 1° aprile, è possibile inviare le richieste per il bonus da 600 euro. Il procedimento è stato avviato questa mattina dall’INPS. Attualmente il sito è ...