Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
20/11/2019

Il denaro rimane in Alto Adige!

La shopping card monni card sempre più apprezzata in tutta la provincia

Il presidente dell’Unione Philipp Moser (a sin.) e il direttore Bernhard Hilpold con la carta valore “monni card”, che le aziende possono regalare a dipendenti e clienti e disponibile ora anche per i privati.
Nei centri urbani dell’Alto Adige, con la carta valore “monni card”, nel 2018 sono stati messi in circolo 930.000 euro. Con questa nuova carta shopping l’Unione si è posta l’obiettivo di rafforzare i circuiti economici locali e consolidare il potere d’acquisto a livello locale.

“Con molti negozi specializzati in tutti i settori e gli ordini di grandezza, i paesi e le città dell’Alto Adige dispongono di una grande rete di possibilità d’acquisto. Questa offerta e questa varietà, tanto attraenti, è quanto sosteniamo grazie a un nuovo progetto, ovvero con la nuova carta valore “monni card” utilizzabile in tutta la provincia”, spiega il presidente dell’Unione Philipp Moser. La tessera, delle dimensioni di una carta di credito, può ormai essere utilizzata in circa 600 negozi e aziende in tutto l’Alto Adige.

A due anni dalla sua introduzione la carta shopping si è rivelata un vero successo: nel 2018 sono state regalate oltre 6.100 monni cards, con un valore medio delle carte regalate pari a 150 euro.

Fino a ora: riservata solo alle aziende
“La particolarità della carta sta nel fatto che, finora, era disponibile solo per le aziende, ma anche per enti o associazioni, che volessero regalarla ai propri collaboratori o clienti in particolari circostanze, come per esempio Natale, anniversari aziendali o compleanni, o anche come ringraziamento per il lavoro svolto e l’impegno dimostrato”, ricorda il direttore dell’Unione Bernhard Hilpold. I destinatari delle carte possono utilizzarla facilmente e senza complicazioni in tutto l’Alto Adige presso le moltissime aziende e negozi aderenti che dispongono dell’apposito lettore POS.

Il grande vantaggio per le aziende e i datori di lavoro che si servono dei buoni acquisto è anche la relativa agevolazione fiscale. I buoni acquisto per i collaboratori sono esenti sia da tassazione ordinaria sia da versamento di contributi fino a un importo massimo annuale di 258,23 euro. Ogni singolo euro investito va pertanto a beneficio del collaboratore, sottolinea l’Unione. Inoltre, i buoni acquisto regalati ai migliori clienti sono totalmente deducibili fino a un importo di 50 euro.

La novità: fin da subito disponibile per tutti
“La grande novità è che, fin da subito, chiunque – quindi anche persone private – possono ottenere la shopping card. In questo modo si rafforzeranno ulteriormente i circuiti economici in Alto Adige e sarà possibile rivolgersi a una platea di potenziali clienti ancora maggiore”, informa il presidente Moser. La carta per lo shopping può essere ottenuta con un valore di 50, 100, 150, 200 e 250 euro. “Grazie a questa estensione sarà possibile sensibilizzare tutta la popolazione locale della grande varietà dell’offerta disponibile direttamente davanti a casa”, precisa Moser.

“Un’ulteriore novità è inoltre che la monni card può essere richiesta anche tramite i due portali welfare Willis Tower Watson ed Edenred, cui fanno riferimento circa 5.000 collaboratori in Alto Adige”, aggiunge il direttore Hilpold.

Le aziende e i negozi aderenti, nei quali è possibile utilizzare la carta, sono elencati sulla pagina internet www.monni.bz.it. Qui, le aziende e i privati interessati possono trovare anche tutte le informazioni sul progetto oppure ordinare direttamente la monni card.

Ambasciatore e mascotte dell’iniziativa dei buoni regalo dell’Unione è monni, il simpatico e tipico cervo altoatesino. È ritratto su ogni monni card e accompagna tutto il progetto. Il nome monni deriva dalla pronuncia fonetica del vocabolo inglese money [ˈmʌni].
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

29/10/2020

e-commerce: “Basta con l’attuale Far West!”

Per l’Unione rappresenta una dichiarazione di bancarotta internazionale: l’introduzione di una web tax per i giganti del commercio online, prevista entro il 2020, è stata posticipata al 2021.

“Alcuni giorni fa l’Organizzazione ...
 
 

28/10/2020

Assemblea generale ed elezioni per l’Associazione mediatori dell’Alto Adige

Attualmente, in Alto Adige, nel Registro delle imprese sono iscritte 359 aziende con attività di intermediazione. Di recente, presso la Cantina Merano, e sotto la guida del presidente uscente Herbert Arquin, si è tenuta l’annuale assemblea generale ...
 
 

26/10/2020

Covid-19, misure più restrittive in Alto Adige

Da lunedì 26 ottobre 2020 e fino a martedì 24 novembre 2020 è in vigore una nuova ordinanza d’urgenza del Presidente della Giunta provinciale (vedi in fondo alla pagina sotto i download) in tutto il territorio provinciale con misure ...
 
 

26/10/2020

Nuova fase con la nuova ordinanza d’urgenza

“La nuova ordinanza d’urgenza della Provincia va nella direzione giusta. Dobbiamo proseguire con l’attività dei tre pilastri economia, lavoro e scuola, seppure in una forma leggermente ridotta. Meglio attenersi ora a regola più ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott. Pietro Perez

Responsabile monni
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 509
M: 335 377 500
E-mail: