Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
03/09/2019

Il commercio ambulante nel nuovo ordinamento del commercio altoatesino

Proseguono le trattative tra Unione e Provincia

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
La legge provinciale che delineerà il nuovo ordinamento del commercio altoatesino sarà discussa in Consiglio provinciale a settembre. Una parte consistente del nuovo corpo normativo è dedicata al commercio ambulante, relativamente al quale si tratta soprattutto di adeguarsi alle linee guida nazionali ed europee con l’obiettivo di offrire maggiore sicurezza nella programmazione e negli investimenti agli oltre 500 commercianti ambulanti in Alto Adige”, spiega l’Unione.

In occasione di un incontro con il competente assessore provinciale Philipp Achammer l’Unione ha avuto modo di ribadire la propria posizione. Come noto, la Legge statale di bilancio 2019 ha definitivamente escluso i commercianti ambulanti dalla cosiddetta Direttiva Bolkestein, la norma europea del 2006 che prevedeva di rimettere a bando ex novo le concessioni per il commercio su aree pubbliche. La legge italiana di recente emanazione, però, contrasta questa norma.

“Siamo dell’opinione che le concessioni, che scadono tutte con la fine del 2020, non vadano rimesse a bando, perché l’attuale legge italiana non prevede alcun procedimento di questo tipo. Per questo motivo crediamo che le concessioni attualmente in essere vadano rinnovate per altri 12 anni – così come già fatto da altre Regioni (Piemonte e Toscana), chiarisce il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Invece, per le concessioni di nuova introduzione o posteggi liberatesi nell’ambito di mercati già esistenti o anche nuovi, la categoria sottolinea la necessità di rielaborare i criteri, così da permettere ai Comuni di poter assegnare i posteggi.

“Nella situazione attuale, anche a livello nazionale, il prolungamento automatico delle concessioni appare la soluzione migliore. Di conseguenza, a oggi, non si vede la necessità di prevedere bandi nel contesto del nuovo ordinamento sul commercio”, conclude Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

18/10/2019

Legge di bilancio 2020

L’obbligo di accettare pagamenti con bancomat da parte dei clienti di esercizi commerciali, prestatori di servizi e liberi professionisti esiste in Italia fin dal 2014. Ora, però, la proposta di bilancio per il 2020 prevede una nuova e doppia ...
 
 

17/10/2019

Urbanistica, nuova legge provinciale “Territorio e paesaggio”

La nuova legge provinciale in materia di urbanistica deve entrare in vigore come previsto il 1° gennaio 2020: anche l’Unione auspica che l’entrata in vigore della nuova norma sia mantenuta come da programma. “Le aziende del settore commercio e ...
 
 

16/10/2019

Settore IT in Alto Adige: più visibilità per giovani e studenti

“Spinto dall’innovazione tecnologica globale, il mercato delle tecnologie dell’informazione si rinnova più velocemente di qualsiasi altro”, afferma il presidente dei prestatori di servizi IT e internet nell’Unione Alexander Fill in occasione del ...
 
 

15/10/2019

Assemblea generale dei panificatori nell’Unione

In occasione della Fiera Hotel si è tenuta oggi (martedì, 15 ottobre 2019) l’annuale assemblea generale dei panificatori nell’Unione. Con circa 120 aziende associate e oltre 260 punti vendita i panificatori altoatesini nell’Unione sono una ...
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Christine Walzl

Categorie
Segretaria di categoria
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 514
E-mail:
Bozen