Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
27/12/2019

I ricercatori auspicano l’introduzione di una tassa sulle restituzioni

Il presidente dell’Unione Philipp Moser: “Positivo per il clima”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
I ricercatori in ambito economico dell’Università di Bamberg, specializzata nella ricerca sulle restituzioni in ambito commerciale, auspicano l’introduzione di una tassa sulle restituzioni nell’e-commerce. “Nell’ambito di un nuovo studio, gli esperti evidenziano come, secondo gli stessi commercianti online, una tassa sulle restituzioni di circa tre euro farebbe diminuire il numero delle restituzioni del 16 percento”, spiega l’Unione. In Germania per esempio, a fronte di 490 milioni di articoli restituiti annualmente, il calo delle restituzioni sarebbe di circa 80 milioni.

“Questi dati e risultati scientifici non possono che spingere all’azione. Non possiamo più ignorare ciò che avviene giornalmente nei nostri centri urbani e paesi: un numero incalcolabile di furgoni per le consegne appesantisce il traffico e influisce negativamente sull’immagine delle nostre località. Questi veicoli intasano le nostre strade, aumentano esponenzialmente il traffico e anche i corrieri sono sottoposti a pesanti condizioni lavorative”, riassume il presidente dell’Unione Philipp Moser. “È urgente ripensare e rinnovare i comportamenti di consumo, con l’obiettivo di stimolare i clienti ad acquistare più consapevolmente e a tenere conto dell’impatto sul clima”, aggiunge Moser. Questo risultato può essere raggiunto solo se una parte dei costi per la restituzione della merce viene imputata anche al cliente.

Attualmente solo il 15 percento dei commercianti online chiede una tassa sulla restituzione, soprattutto piccoli commercianti probabilmente attivi in specifiche nicchie di mercato. Il quadro cambia drasticamente nei grandi gruppi, che rinunciano consapevolmente alla tassa sulla restituzione. Questo avviene per motivi strategici, per creare dei vantaggi concorrenziali e delle barriere all’ingresso sul mercato. Per questo tipo di grandi gruppi la restituzione gratuita risulta vantaggiosa a livello aziendale. Essi, infatti, accettano le restituzioni e, grazie alla loro posizione sul mercato, impediscono alla concorrenza di realizzare proposte alternative.

La gestione preventiva delle restituzioni, cioè la prevenzione e limitazione delle restituzioni, e lo strumento della tassa sulle restituzioni, possono insomma contribuire a ridurre le conseguenze negative in ambito economico ed ecologico delle restituzioni stesse.

“Siamo consapevoli che il problema non può certo essere risolto localmente e che serve una soluzione internazionale. Per questo è nostra intenzione portare avanti il tema presso le competenti istituzioni e associazioni – anche per mezzo della nostra associazione di riferimento nazionale Confcommercio – cercando alleati in questo cammino”, conclude convinto il presidente dell’Unione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

10/08/2020

Gli editori nell’Unione organizzano il Bazar dei libri a Bolzano:

Dal 14 agosto in piazza Walther a Bolzano si potranno acquistare libri fantastici a prezzi ridotti. Dopo il successo degli anni scorsi anche quest’anno gli editori nell’Unione organizzeranno il Bazar dei libri nel pieno rispetto ...
 
 

03/08/2020

Grande cinema a Castel Firmiano

L’Unione invita alla “Serata per l'economia altoatesina”. Il 2020 ci ha portato delle sfide, ma ci ha anche insegnato molto: la coesione della nostra comunità è forte e il commercio e i servizi locali sono un pilastro indispensabile ...
 
 

31/07/2020

Regole e misure della fase 2

Con delibera n. 555 del 28 luglio 2020 la Giunta provinciale ha aggiornato le regole e misure (Allegato A, vedi come download alla fine di questa pagina) della fase 2. Esso include misure generali valide nei confronti di tutti e raccomandazioni di ...
 
 

29/07/2020

A partire da sabato 1° agosto 4 settimane di saldi estivi in Alto Adige

A causa dell’attuale situazione straordinaria, la Conferenza delle Regioni italiane e delle Province Autonome aveva deciso che i saldi di fine stagione estiva cominceranno in tutta Italia con la data del 1° agosto.

L’Unione e la Camera ...